Home Energia Eolico on Shore, record in Scozia: il vento dà energia a 5...

Eolico on Shore, record in Scozia: il vento dà energia a 5 milioni di abitazioni

711
0
CONDIVIDI
eolico on shore

La Scozia primeggia nel settore eolico on shore e mentre in tre mesi la produzione di energia eolica supera di gran lunga la domanda interna, il Paese installa la più grande pala eolica al mondo

Non bastava alla Scozia raggiungere un traguardo importantissimo: il 173% di energia generata grazie a eolico on shore. Nei giorni scorsi, infatti, il Paese, ha installato la più grande pala eolica al mondo. Un progetto a lungo osteggiato da Trump, che potrebbe portare a tagliare le emissioni di CO2 per 134.128 tonnellate all’anno.

Eolico on shore: generato il 173% di energia rispetto alla domanda del Paese

Solo tre mesi e la Scozia ha già raggiunto livelli record nella produzione di energia da fonti rinnovabili.

L’eolico on shore, infatti, ha fornito ben 5.353.997 MWh di elettricità. Una potenza tale da alimentare ben 5 milioni di abitazioni.

La giornata più proficua è stata il primo marzo scorso, quando la produzione ha raggiunto i 110.149 MWh. Un ottimo 173% dell’intera domanda energetica nazionale.

Quella peggiore, invece, è stata registrata l’11 gennaio scorso, con la produzione di un quantitativo di energia in grado di alimentare più di 575 mila abitazioni.

Eolico in crescita

Il settore dell’eolico è in crescita. Il trend positivo, infatti, non riguarda solo i dati registrati a inizio anno dalla Scozia.

Nella prima settimana di gennaio, l’eolico è stata la seconda fonte di energia nell’Ue a 28, dopo il nucleare. E secondo WindEurope, nel 2030, potrebbe arrivare a coprire il 29,6 % dei consumi dell’Ue.

Leggi anche: Portogallo, traguardo storico: le energie rinnovabili coprono al 100% il fabbisogno nazionale

In Scozia la pala eolica più grande del mondo che non piace a Trump

Non solo eolico on shore. La Scozia, infatti si prepara a conquistare anche il settore dell’offshore: il Paese del Regno Unito ha infatti installato la pala eolica più grande del mondo, al largo della sua costa Nord-Orientale. È la prima di due turbine da 8,8 megawatt (MW).

La pala si inserisce all’interno dell’European offshore wind deployment centre (Eowdc) dell’Aberdeen Bay, un impianto pilota per l’eolico offshore che ospiterà 11 gigantesche pale eoliche in grado di produrre 92,4 MW.

La contestazione di Trump

Il progetto è diventato famoso per via di una serie di contestazioni avanzate dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

I fatti risalgono a prima che venisse eletto presidente USA, quando era ancora “solamente” un magnate del settore immobiliare. Trump, infatti, intentò una serie di cause legali per impedire la costruzione del parco eolico off shore che, secondo lui, avrebbe danneggiato il panorama del vicino Trump International Golf Club.

Trump fu sconfitto su tutti i fronti. Così, i lavori sono andati avanti, fino a quando il 10 aprile, la gigantesca gru galleggiante Asian Hercules III ha installato la mega pala eolica nelle fondamenta dell’Eowdc. La pala è stata installata con un metodo innovativo, più veloce, ecologico e silenzioso e che permetterà di disfare l’impianto più facilmente qualora fosse necessario.

I vantaggi dell’impianto

Quando saranno completate, le 11 gigantesche turbine arriveranno a produrre il 70% del fabbisogno di energia elettrica di Aberdeen (che ha più di 220.000 abitanti) e taglieranno le emissioni di CO2 per 134.128 tonnellate all’anno.

La responsabile politica di Wwf Scotland, Gina Hanrahan, ha sottolineato: «L’installazione della prima di queste potenti turbine ad Aberdeen Bay è un’altra pietra miliare nella storia delle rinnovabili in Scozia.

L’eolico offshore, che ha dimezzato il costo negli ultimi anni, è fondamentale nella lotta contro il cambiamento climatico, contribuendo a ridurre le emissioni, mantenere le luci accese e creare migliaia di posti di lavoro in tutta la Scozia e il Regno Unito.

Interventi come questo svolgeranno un ruolo importante nel garantire l’obiettivo del governo scozzese di soddisfare metà della domanda di energia della Scozia con fonti rinnovabili entro il 2030».


 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here