Home Energia Energia low cost? Arrivano le mini turbine

Energia low cost? Arrivano le mini turbine

1547
0
CONDIVIDI

Mini turbine per ricavare energia anche dal movimento dell’acqua che cade da un gradino di 20 cm. L’invenzione di un ingegnere di Praga.

Riuscire a trasformare qualsiasi piccola cascata di acqua, come ad esempio quella creata da un semplice gradino, in una piccola fonte di energia pulita grazie all’ausilio di piccole turbine eoliche.

È quello che intende fare Miroslav Sedlacek, ingegnere presso il Politecnico di Praga e finalista del Premio Europeo degli Inventori, che si è svolto il 9 giugno a Lisbona.

Sedlacek ha sviluppato il prototipo di alcune mini-turbine capaci di ricavare energia dai vortici prodotti dall’acqua in movimento.

Usare l’acqua per produrre energia elettrica non è facile come può sembrare“, ha spiegato l’ingegnere.

Le moderne turbine – ha aggiunto – usate nelle dighe hanno infatti bisogno di un flusso costante di acqua che deve arrivare con una velocità piuttosto alta, grazie alle turbine ‘a vortice’ basta invece che l’acqua cada da appena 20 centimetri, un semplice scalino“.

Il punto di forza del progetto consiste nella forma del rotore, la componente che viene messa in moto attraverso il movimento dell’acqua. Invece di adoperare delle tradizionali pale, come quelle presenti nei più noti mulini, il sistema adopera delle turbine che sfruttano il movimento vorticoso che assume l’acqua quando scende verso il fondo.




Le turbine hanno la forma di piccoli contenitori, simili a dei forni a microonde. All’interno, è presente un rotore concavo fissato all’albero del generatore. È proprio questa struttura che consente al sistema di funzionare anche con meno di due litri di acqua al secondo.

Un’idea abbastanza semplice, ma che potrebbe consentire di creare energia elettrica anche da un semplice dislivello di 20 centimetri.

Una sola turbina è in grado di generare 10 kilowatt ora al giorno con un’efficienza superiore al 50%, energia sufficiente per rispondere alle esigenze di 5 famiglie europee oppure di un intero villaggio africano.

Il progetto è molto interessante, perché potrebbe essere applicato anche ai piccoli flussi d’acqua che fanno parte della nostra quotidianità. Pensiamo ad esempio agli scarichi dei lavandini dove appunto si creano i vortici d’acqua che defluisce verso le condutture.

(Foto)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here