plastica in mare

Plastica in mare: i Lego vivranno più di noi

I Lego vivranno più di noi: è questo quello che attestano i ricercatori dell’Università di Plymouth sulla base delle loro ultime analisi. Il tempo di disgregamento in mare dei famosi mattoncini si aggira intorno al centinaio di anni, molto di più delle bottiglie di plastica.

La plastica in mare è pericolosa anche per gli uomini

La plastica in mare non crea danni solo agli animali, ma anche agli uomini. I materiali plastici con il passare del tempo si disgregano in mare portando alla formazione di piccole particelle, la cosidetta microplastica.

La microplastica viene ingerita dagli organismi della catena alimentare marina, si accumula in pesci e molluschi arrivando poi sulle nostre tavole. Una concentrazione dannosa di microplastica è presente soprattutto nei molluschi, mentre nei pesci concentrandosi a livello del sistema intestinale, la microplastica viene scartata con le interiora.

Plastica in mare

Leggi anche:


Plastica Lego tra i materiali più longevi

I Lego sono facilmente distinguibili per forma e colore, rispetto ad altri oggetti in plastica ritrovati in mare. Questo è ciò che afferma Andrew Turner, uno scienziato ambientale dell’Università di Plymouth in Inghilterra.

Turner e colleghi hanno utilizzato uno spettrometro a raggi X per misurare la composizione chimica di alcuni blocchi di Lego raccolti dai volontari per la pulizia delle spiagge della Cornovaglia, in Inghilterra.

Il team ha scoperto che alcuni Lego risalivano agli anni ’70!

L’indicatore chimico che ha permesso questa scoperta è stato il cadmio, usato per produrre i pigmenti rossi e gialli dei materiali dagli anni ’70 agli anni ’80 (poi bandito per la sua tossicità).

Blocchi da Costruzione LEGO: in tanti di noi ci hanno giocato nel periodo infantile e nella pubertà

Tempi di disintegrazione

Secondo gli scienziati i Lego hanno un tempo di disintegrazione che va dai 100 ai 1.300 anni.

Confrontando i blocchi di Lego conservati intatti dagli anni ’70 e quelli dispersi in mare, si è notato che questi ultimi avevano perso una percentuale della loro massa che variava dal 3 al 40%.

Se non fossero stati spiaggiati a causa delle onde, sarebbero rimasti in mare ancora per molti secoli rilasciando microplastiche.

Dato che molti componenti in plastica utilizzati in elettronica e molti altri prodotti di consumo hanno una solidità simile a quella dei Lego, possiamo affermare che l’estinzione della plastica negli oceani richiederà ancora svariate centinaia di anni se non si interviene opportunamente nella sua rimozione.

fonte:

https://interestingengineering.com/lego-bricks-could-survive-for-up-to-1300-years-in-the-ocean-study-reports

inquinamento mare, lego, Mare, plastica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

[ginger_reset_cookie class="uk-button uk-button-default uk-button-small" text="Reset Cookie" redirect_url="/"]
Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto