Perdite di metano rilevanti in 25 impianti in Italia e in tutta Europa

Gli attivisti di Clean Air Force hanno scoperto 120 casi di perdite di metano e sfiato dalle infrastrutture petrolifere e del gas in sette paesi europei; attraverso le telecamere ad infrarossi che si possono vedere anche dal sito cutmethane.com.

I paesi europei potrebbero sottostimare le emissioni di metano dalle infrastrutture petrolifere e del gas, hanno avvertito gli attivisti dopo che un’indagine ha scoperto che le perdite erano endemiche in tutto il settore.

Utilizzando telecamere a infrarossi, la Clean Air Task Force (CATF) ha documentato oltre 120 esempi di perdite o sfoghi di emissioni di metano da operazioni di petrolio e gas in sette paesi europei.

Il think tank statunitense l’ha descritta come una “crisi massiccia e sottostimata”. Non si tratta di pochi operatori di oleodotti canaglia, ha affermato James Turitto, responsabile della campagna per CATF che ha raccolto prove in:

  • Germania
  • Ungheria
  • Italia
  • Romania
  • Polonia
  • Repubblica Ceca
  • Austria

“Siamo rimasti tutti scioccati da quanto siano pervasive le emissioni di metano in tutta Europa”, ha affermato Turitto. “Sono stato in grado di trovare più fughe di notizie in ogni paese che ho visitato. Si pone la domanda: perché le aziende e i regolatori nazionali non lo stanno già facendo?”

Quali sono i siti di perdite di metano in Italia

L’ONG statunitense ha documentato emissioni da impianti in 

  • Lombardia
  • Emilia Romagna
  • Liguria
  • Toscana
  • Marche
  • Lazio
  • Abruzzo
  • Molise
  • Campania
  • Basilicata
  • Puglia

E in particolare dagli impianti di:

  • Bordolano
  • Fornovo
  • Ripalta
  • Garaguso
  • Pineto
  • Sabbioncello
  • Panigaglia
  • Torrente Tona
  • Roseto
  • Ripalta
  • Falconara
  • Melizzano
  • Fiume Treste
  • Centro Oli Tempa Rossa
  • Candela
  • Moliterno
  • San Potito
  • Cotignola
  • Fano
  • Sergnano
  • Cavone
  • Minerbio
  • Terranuova Bracciolini
  • Masseria del Capitano
  • Gallese
  • Santo Stefano

Il metano, che viene rilasciato nell’atmosfera dalle miniere di carbone abbandonate, dall’agricoltura e dalle operazioni petrolifere e del gas, ha un impatto sul riscaldamento globale 84 volte superiore alla CO2 in un periodo di 20 anniSecondo l’Environmental Defense Fund (EDF) rappresenta il 25% del riscaldamento globale causato dalle attività umane . Nonostante le restrizioni di blocco durante la pandemia di coronavirus, i livelli di metano nell’aria sono aumentati lo scorso anno.

Le perdite di metano si verificano quando le guarnizioni e le flange su tubazioni e altre apparecchiature si usurano. A volte il metano viene bruciato o deliberatamente rilasciato dalle compagnie petrolifere e del gas che non considerano redditizio vendere o trasportare il gas. Il monitoraggio e l’ispezione regolari degli impianti potrebbero ridurre la frequenza delle perdite e ridurre le emissioni. 

L’industria petrolifera e del gas potrebbe ottenere una riduzione del 75% delle emissioni di metano entro il 2030 utilizzando la tecnologia esistente, secondo l’ Agenzia internazionale per l’ energia . 

“Stiamo essenzialmente parlando di una corretta manutenzione e dell’impianto idraulico. Le compagnie petrolifere e del gas non fanno corretta manutenzione perché, di fatto, non sono obbligate quindi preferiscono spendere i soldi altrove”, ha  affermato Jonathan Banks, direttore del CATF per il metano.

“Il vero problema è che praticamente non esiste una regolamentazione delle emissioni di metano in Europa, quindi le aziende possono ‘autodichiarare’ ciò che vogliono impunemente”, ha detto Rowan Emslie del CATF a Climate Home News. “La maggior parte dei paesi non ha nessuno che ispezioni le strutture per controllare le emissioni segnalate”.

LEGGI ANCHE: Effetto serra: le 50 aziende più inquinanti del mondo

Ecobonus auto 2021 per auto ecologiche: ecco le marche più virtuose

I valori di metano salgono al livello più alto mai registrato causa allevamenti intensivi


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto