brasile petrolio disastro ambientale

Il Brasile e l’ennesimo disastro ambientale. La costa nord-est invasa da petrolio greggio da oltre un mese, ed è un mistero sulle cause!

È un crimine ambientale di dimensioni colossali e la multa può raggiungere 50 milioni di dollari. Questa è una delle poche certezze ad oggi. Ed è un mese dall’inizio della comparsa di chiazze di petrolio sulla costa nord-orientale del Brasile. Un’altra scoperta è che si tratta di petrolio greggio, non prodotto nel paese, secondo i test condotti da Petrobras.

L’origine non è ancora nota. E non ci sono più informazioni importanti sul disastro. Chi l’ha commesso, quando e come, per esempio. Anche l’esatta estensione geografica interessata è sconosciuta. L’area è enorme e cresce ogni giorno di più. È già considerata “storia recente senza precedenti”. All’inizio di ottobre erano state raggiunte più di 100 spiagge del nordest.

Le chiazze di petrolio costiere colpiscono 54 città del nordest

Le chiazze di petrolio hanno colpito le rive di otto stati nel nord-est del Brasile. L’unica zona nella regione che finora erano sfuggite a questo disastro era Bahia. “Una fuoriuscita con questa gamma e caratteristiche, non abbiamo mai visto prima. È emozionante “, afferma Fernanda Pirillo, coordinatrice generale di emergenza dell’Istituto brasiliano per l’ambiente e le risorse naturali rinnovabili (Ibama) , un’agenzia creata 30 anni fa Al 30 settembre, c’erano 113 località colpite in 54 città degli otto stati: Pernambuco, Paraiba, Rio Grande do Norte, Alagoas, Ceará, Maranhão, Sergipe e Piaui, in ordine di valore di contaminazione della costa.

Le macchie di petrolio sulla costa di Bahia

“Il 3 ottobre le chiazze di petrolio che hanno colpito varie località costiere nel nord-est sono arrivate a Bahia, secondo la conferma di Ibama e della Marina. Il punto di contaminazione è nel distretto di Mangue Seco, nella città di Jandaíra, nella costa nord. Nessun dettaglio sulla dimensione dell’area colpita o altri impatti causati dalle macchie inquinanti. In una dichiarazione, la Marina afferma che le chiazze di petrolio sono sotto la sua giurisdizione e che il 2 ° Comando del Distretto Navale ha inviato una squadra di Ispezione Navale (IN) sulla scena. ”

immagine di macchie di petrolio sulle spiagge del nordest
Macchie di olio sulle spiagge di otto stati nord-orientali. E nessuno sa da dove vengono

Oltre 2.000 chilometri contaminati da macchie

Vi sono già più di 2000 chilometri di spiagge, coste, mangrovie ed estuari, nonché isole o arcipelaghi, colpiti o minacciati. Per non parlare dei danni alle comunità e alle economie locali, che dipendono dal turismo e dalla pesca di sussistenza.

Alcune delle località interessate sono aree di protezione ambientale e riserve estrattive. Sono rifugi per uccelli nativi e migratori, tartarughe, delfini e una moltitudine di specie marine.

Molte di queste regioni ospitano specie minacciate di estinzione. Un uccello e sette tartarughe marine sono stati trovati morti, avvolti nell’olio. Altri, non si sa quanti, sono stati lavati e rigettati in mare dalla popolazione. Un errore. Avrebbero dovuto essere indirizzati ai centri di trattamento.

l'infografica mostra la costa nord-orientale
L’infografica G1 dell’idea del disastro.

Pernambuco, le prime tracce di criminalità ambientale

Le prime tracce di questo crimine ambientale sono state identificate ufficialmente a Pernambuco il 2 settembre. Macchie di olio sono apparse sulla spiaggia di Boa Viagem a Recife, la capitale del Pernambuco. E nuovi casi sono stati rapidamente segnalati in diverse città sulla costa dello stato. Olinda, Ipojuca, Capo Sant’Agostino, Jaboatao de Guararapes, Isola di Itamaracá.

A Pernambuco, 120 chilometri colpiti dai punti

“Su un totale di 187 chilometri di estensione di costa Pernambuco, località circa 120 chilometri, sono state colpite dall’inquinamento in qualche modo”, dice Eduardo Elvino, inquinamento direttore di controllo di fonti dell’Agenzia Stato Pernambuco ambientale ( CPRH).

Il CPRH fa parte del Segretariato per l’ambiente e la sostenibilità di Pernambuco (Semas) , il primo ente statale che avvia indagini sul problema e tenta di identificare i responsabili.

Le macchie hanno colore, struttura e odore di catrame

Odore, appiccicosità e colore delle macchie ci hanno ricordato un tempo in cui le spiagge brasiliane erano afflitte da carri armati e navi d’altura, tra cui petroliere, ricorda Elvino. Le maree hanno portato tutto questo olio sulle spiagge. Mescolato con sabbia e riscaldato dal sole, diventa una sostanza densa, scura, puzzolente e appiccicosa che è difficile da pulire.

Sostanza che era popolarmente conosciuta come catrame. Queste operazioni sono illegali da molti anni in Brasile. Per legge, le petroliere possono effettuare questa pulizia solo nei porti. E da aziende specializzate che possono riciclare e riutilizzare la maggior parte di questi rifiuti.

Ipotesi di origine: pulizia illegale dei serbatoi delle navi

Ma il catrame del lavaggio illegale delle cisterne di navi era una delle prime linee di indagine seguite dagli investigatori di Pernambuco. Lo stato ha creato un gruppo di ricerca con esperti provenienti da Semas , CPRH , dalla Federal Rural University di Pernambuco e dalla stessa Ibama . “La struttura è molto simile al catrame, che ci ha sorpreso molto perché non abbiamo registrazioni di questo tipo di materiale qui da molti anni. Non abbiamo escluso che si tratti di zavorra e lavaggio di merci. Ciò avrebbe potuto essere fatto in uno o più punti della costa nord-orientale ”, afferma Elvino.

L’origine del petrolio greggio è straniera

“Il petrolio potrebbe non essere di qui (brasiliano), ma è passato di qui”, afferma il direttore di CPRH . Il gruppo di studio, riferisce, ha studiato le correnti marine. Ha anche raccolto e analizzato immagini satellitari per cercare di identificare la fonte. Stanno controllando fotogramma per fotogramma, immagini di un mese prima del 2 settembre. L’obiettivo è trovare macchie d’olio in alto mare e quindi la nave responsabile. “Stiamo cercando di chiudere una diagnosi, concentrandoci sul più probabile, ma finora non abbiamo trovato nulla di sospetto. È molto difficile trovare i responsabili”, afferma Elvino.

Raccolte più di di 100 tonnellate di fanghi di petrolio sino ad oggi

Il ministro dell’Ambiente Ricardo Salles ha dichiarato oggi che i team delle agenzie ambientali Ibama e ICMBio hanno raccolto oltre 100 tonnellate di fanghi di petrolio al largo della costa nord-orientale dall’inizio di settembre. Il commento, su Twitter, è stato pubblicato dopo che il ministro è andato a Sergipe per esaminare le regioni colpite dal petrolio, che si è diffuso lungo la costa nord-orientale dal mese scorso.

Ha anche pubblicato foto sul social network in cui segue i tecnici Ibama su una spiaggia piena di chiazze di petrolio. “Dal 2 settembre, le squadre di Ibama e ICMBio (hanno agito) con i 42 comuni (colpiti dalle imperfezioni), la Marina e altre agenzie e associazioni.

LEGGI ANCHE:

Disastro Ambientale in Brasile: la marea tossica raggiunge l’oceano portando morte e distruzione

Incendi in Brasile: Bolsonaro afferma che l’Amazzonia non è patrimonio dell’umanità

immagine di tartaruga coperta di pece
Finora sette tartarughe sono state trovate morte, ricoperte di catrame Immagine, Istituto Verdeluz / Divulgazione.

Petrobras e Transpetro furono convocati da Ibama

Il direttore di CPRH riferisce che Ibama inizialmente ha convocato Petrobras e Transpetro , il suo braccio logistico e di trasporto, per chiarire l’inquinamento. La compagnia ha alcune piattaforme di trivellazione petrolifera sulla costa nord-orientale: Bacino di Sergipe e Alagoas, Bacino di Potiguar, che coinvolgono gli stati del Rio Grande do Norte, Paraíba e Ceará; Bacino di Camamu-Almada e Bacino di Jequitinhonha, entrambi a Bahia. Anche la tua storia di perdite quest’anno è preoccupante. Ci sono stati quattro incidenti con danni ambientali; tre di loro in mare.

Petrobras , tre incidenti offshore nel 2019

Uno di questi incidenti non è stato segnalato al mercato e agli azionisti come si dovrebbe perché è una società quotata in borsa. Oltre a informare i volumi di Ibama molto più bassi di ciò che è effettivamente trapelato Questo è l’incidente del P-53 ad Arraial do Cabo, che ha contaminato le spiagge della regione dei laghi di Rio de Janeiro.

Sono stati persino banditi.L’incidente è avvenuto il 25 marzo 2019. Petrobras ha impiegato due giorni per avviare azioni per contenere il petrolio versato, secondo il quotidiano O Globo . l’ Ibama sostiene che sono fuoriusciti oltre 122.000 litri di petrolio, mentre la società inizialmente aveva riportato solamente 1.700 litri. In precedenza, il 23 febbraio, un incidente sul P-58 ha formato una chiazza di petrolio di 2,4 km in mare. Questa piattaforma si trova a 85 chilometri dalla costa di Espírito Santo.

Rottamazione di piattaforme petrolifere

Il 26 agosto, Petrobras ha annunciato al mercato che stava evacuando più di 100 dipendenti dalla nave piattaforma FPSO della città di Rio de Janeiro, nel bacino di Campos, a 130 chilometri dalla costa di Rio de Janeiro.

Le crepe nello scafo della nave furono all’epoca responsabili della fuoriuscita di 6.600 litri di petrolio in mare. Fuori servizio dallo scorso anno, la nave stava per lasciare il campo Espadarte da Modec , una società esternalizzata che gestisce l’unità.

Secondo la National Petroleum Agency (ANP) , circa 100 piattaforme petrolifere dovrebbero essere smantellate nei prossimi 20 anni. Il motivo sarebbe la demolizione di queste unità, che hanno una vita utile di 25 anni. Oggi ce ne sono già 66 in questa condizione e altri 23 si stanno avvicinando all’età finale, riferisce il Terra. La maggior parte proviene da Petrobras.

Perdita d’olio alla raffineria di Abreu e Lima sino alle mangrovie

Ma i primi sospetti su Petrobras riguardo alle chiazze di petrolio sulle spiagge di Pernambuco non si basavano esclusivamente su questa storia e sulle sue piattaforme nella regione. Sempre il 26 agosto, pochi giorni prima della comparsa delle macchie sulla costa di Pernambuco, circa 5.000 litri di acqua e olio sono fuoriusciti dall’impianto di trattamento dei rifiuti industriali della Raffineria di Abreu e Lima (Rnest) a Ipojuca, Pernambuco. I rifiuti hanno raggiunto un’area di mangrovie, un ruscello, flora e fauna locali. La società è stata multata per R $ 705 mila da CPRH

Il mistero delle chiazze d’olio continua

Il mistero sull’origine e la portata della fuoriuscita di petrolio confonde anche la comunità accademica. Monica Costa, professore di oceanografia chimica presso l’Università Federale del Pernambuco (UFPE) , si unisce al coro di coloro che non credono che l’inquinamento sia stato causato dal lavaggio delle cisterne delle navi. “Potrebbe essere stato un incidente sulla piattaforma, un oleodotto sottomarino o persino una nave da trasporto petrolifero. Non deve essere stato un’esplosione o un disastro. Un incidente senza vittime umane, perché se ne avesse avuto, tutti lo saprebbero “.

immagine di chiazze di petrolio sulla costa di Sergipe
I punti misteriosi sulla costa di Sergipe.

Fuoriuscita di petrolio avvolta dal mistero

“È prematuro parlare di lavaggio (dal serbatoio delle navi). Ma un lavaggio è qualcosa di troppo puntuale per questa vasta area interessata ”, afferma il professore di Biologia e ingegneria della pesca presso l’Università Federale di Alagoas , Cláudio Sampaio. Anche l’oceanografo ha seguito la contaminazione solo dalla stampa. Tuttavia, è incuriosito dal fatto che Sergipe sia uno degli ultimi stati colpiti, insieme a Piauí e Maranhão, a causa della direzione delle correnti.

Le correnti possono aiutarti a trovare l’origine

Analizziamo le correnti marine della costa nord-orientale per cercare di scoprire l’origine dell’incidente, afferma Santos. Sergipe, vale la pena ricordare, è il secondo stato del Nordest nella direzione Sud-Nord. Prima c’erano Bahia e poi Alagoas, Pernambuco, Paraíba e Rio Grande do Norte, in quell’ordine. Piauí, anche nella direzione sud, è anche prima di Maranhão, e la sua costa è stata colpita solo in seguito, secondo gli avvistamenti di Ibama .

Mangrovie colpite dal petrolio nel Rio Grande do Norte

Il coordinatore generale d’emergenza di Ibama afferma che non è ancora possibile calcolare il pieno impatto ambientale e socioeconomico. Ma sottolinea che l’istituzione ha osservato solo impatti più gravi sulla sabbia delle spiagge. “L’eccezione è il Rio Grande do Norte, dove vediamo le mangrovie colpite dal petrolio. Abbiamo anche incluso le barriere coralline nello stato di emergenza, ma non sono state colpite “, dice. Le aree più colpite sono a Rio Grande do Norte, secondo Ibama . Ci sono 44 località in 14 città. Il Pernambuco viene dopo, con 19 punti di avvistamento in dieci comuni.

Il Rio Grande do Norte è lo stato più colpito

A Rio Grande do Norte, gli spot sono arrivati ​​per la prima volta a Natal, la capitale. Si sono poi estesi alle spiagge di Camurupim in Nisia Floresta e Pipa nel comune di Tibau do Sul. do Sul e Pium. ”La spiaggia di Pipa è un vivaio per tartarughe marine e delfini. E subisce un altro danno. Come ha già dimostrato l’Endless Sea , da oltre 20 anni il turismo disordinato sta distruggendo Pipa , così come altri luoghi paradisiaci nel nord-est.

Area di protezione ambientale della Costa del Corallo minacciata

A Paraíba, dove il petrolio ha raggiunto la costa inquinando le spiagge di Pernambuco, sono stati individuati spot in 15 località. Ci sono sei città colpite, tra cui la capitale João Pessoa. Ad Alagoas ci sono undici località in nove città, tra cui la capitale, Maceió. Un’area rilevante per la vita marina colpita dai punti di Alagoas è la spiaggia di Japaratinga, nell’omonima città. Si trova presso la Coral Coast Environmental Protection Area (APA) di Alagoas. “È una regione di barriere coralline, rifugio di tartarughe marine e lamantini, tra molte specie. Tutti sono preoccupati e molto spaventati da tutto ciò“, afferma Sampaio, dell’Università Federale di Alagoas.

Apa Coral Coast in pericolo a causa di macchie d’olio

Ma soprattutto, è sulla costa che si trova l’ APA Coral Coast, la più grande unità marina di conservazione federale, creata per proteggere una barriera corallina ( il più importante ecosistema marino ) con non meno di 3000 km di coralli costieri. nord-orientale.

Le chiazze di petrolio colpiscono il Parco naturale delle dune di Sabiaguaba

A Ceará, la distruzione raggiunge otto località in sei città, tra cui Fortaleza. Jijoca de Jericoacoara, uno dei tre comuni che ospitano il Parco Nazionale di Jericoacoara ( noto ), è un altro luogo colpito da luoghi in Ceará. “A Fortaleza, l’olio ha già inquinato il Parco Naturale delle Dune di Sabiaguaba , raggiungendo la sabbia dove le tartarughe depongono le loro uova e mettendo in pericolo la catena alimentare di altre specie, compresi gli uccelli migratori“, spiega la biologa Jeovah Meireles, Professore di geomorfologia costiera, Università Federale di Ceará. La regione metropolitana di Fortaleza è lunga 160 chilometri e le macchie hanno raggiunto diversi punti, tra cui mangrovie, acque sotterranee, scogliere e la costa rocciosa, afferma il geologo, che ha coordinato il piano di gestione per il Parco Nazionale di Jericoacoara .

immagine della canna con olio nella spiaggia di Sergipe
Due botti con questo furono trovate sulle spiagge di Sergipe.

 

Le chiazze d’olio colpiscono Alcântara a Maranhão

Larissa Barreto ha controllato personalmente le condizioni di Alcântara. “C’erano molte macchie, abbiamo raccolto campioni e stiamo studiando.” Un’esperta di tartarughe, avverte che non possono essere restituiti al mare quando vengono trovati coperti di olio. “Qui abbiamo avuto una tartaruga ritrovata ad Alcântara e l’hanno restituita al mare. La cosa giusta è fare riferimento agli enti pubblici. Questi animali sono molto sensibili. Tentare di rimuovere l’olio potrebbe soffocarle. Inalando questo olio, si attacca anche il fegato, che smette di funzionare, e il sistema riproduttivo. Ma non sono solo le tartarughe (colpite). Lamantino, pesce in generale, cetacei e gran parte della vita marina possono essere contaminati da questo olio, che è difficile da rimuovere ”, spiega, aggiungendo che l’impatto è grande.

Sette tartarughe marine uccise da chiazze di petrolio

Oltre alla tartaruga tornata in mare, un’altra è stata trovata morta a Maranhão, nell’isola di Poldos, a Aroises. Delle sette morte, gli altri si trovavano a Jijoca de Jericoacoara e Fortaleza, Ceará; Extremoz, a Rio Grande do Norte; Ilha Grande, Piaui; e due a Cabo de Santo Agostinho, Pernambuco. L’uccello morto è stato trovato a Caucaia, Ceará. “L’inquinamento da spiagge e animali morti è la parte visibile di questo impatto sugli ecosistemi. Ma ci sono molte cose che non puoi vedere. L’olio è molto tossico per la vita marina. Il contatto con esso può essere mortale, specialmente per i microrganismi, la catena di approvvigionamento alimentare. Ciò ha un effetto di increspatura letale ”, spiega Bruno Pralon, professore di zoologia all’Università Federale del Piaui .

Le tartarughe muoiono soffocate dal petrolio

Pralon sottolinea inoltre che, diventando imbevuti di olio, gli uccelli perdono prima la capacità di volare. “A causa delle piume che diventano pesanti e appiccicose. Ma sono le piume che regolano la temperatura corporea. Pertanto, l’intera salute dell’uccello è seriamente compromessa “, afferma. La costa di Piaui è uno dei pochi luoghi del paese frequentato dalle cinque specie di tartarughe che visitano le acque brasiliane, afferma Pralon. “Inclusa la bellissima tartaruga di cuoio, le specie più grandi e anche le più rare. E ora sono tutti minacciati di morte, soffocati dal petrolio. ”

immagine di chiazza di petrolio in spiaggia di nordest
Come è possibile raggiungere otto stati senza conoscere l’origine del disastro?

Le macchie d’olio colpiscono estuari, mangrovie e coste

Nello stato di Sergipe, il petrolio ha raggiunto tre città. L’oceanografo Jonas Ricardo dos Santos afferma che è difficile misurare tutti gli impatti sull’ambiente. Ancora di più perché il problema cresce ogni giorno. Sottolinea, tuttavia, che l’olio galleggia sull’acqua perché è più leggero. Pertanto, oltre a raggiungere le spiagge, colpisce estuari, coste e mangrovie. “La spiaggia è il lato esposto di questa tragedia. Quando raggiunge le coste, gli estuari e le mangrovie, l’impatto è anche diretto sull’uomo. Questi sono luoghi in cui viviamo quelli che chiamiamo organismi filtranti, come cozze e ostriche o sururus, come sono meglio conosciuti nel Nord-Est. Trattengono gran parte dei contaminanti nei loro tessuti. Attraverso di essi, si può misurare come sia l’inquinamento di questi luoghi. E gli umani consumeranno cozze e ostriche contaminate da petrolio, così come i pesci “.

Guarda il video e scopri di più

servizio

Cosa: il governo del Pernambuco incontra i rappresentanti dell’area ambientale degli stati nord-orientali
Quando: questo martedì (10/01/2019) alle 14:00.
Dove: Vice Governorate Building, nel Bairro do Recife.

Immagine di apertura: Verdeluz Institute / Press Release


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto