abbattimento-pini-via-mascagni-grosseto

Grosseto: abbattimento indiscriminato di alberi in una via del centro

Nella città di Grosseto questi alberi in Via Mascagni, parliamo di pini domestici, sono diventati l’oggetto del contendere negli ultimi mesi.

Da una parte l’amministrazione comunale che li vede come un “pericolo impellente” per la viabilità, per il fatto che le radici dei pini superficiali tendono a creare problemi al manto stradale e quindi ai cittadini.

Dall’altra una fetta di cittadini grossetani che si oppone al taglio perchè questi pini rappresentano una risorsa in termini di verde pubblico, biodiversità e di sostenibilità per la città stessa.

Ci ha scritto una cittadina via email: ” Il Sindaco Vivarelli ha fatto un’ordinanza d’urgenza il 7 marzo e hanno iniziato a tagliare il 16 marzo. Con questo ha bypassato gli uffici tecnici e ora anche il DPCM del 22 marzo del 2020 che ferma qualsiasi tipo di attività non essenziale”.Anzi, ha trovato anche campo libero non avendo praticamente traffico cittadino a causa dell’emergenza Covid-19.”

Noi non possiamo che prendere atto dell’ennesimo taglio indiscriminato di verde pubblico nelle città italiane, avvenuto in moltissimi centri negli ultimi mesi, che alcuni vogliono collegare al nuovo sistema di trasferimento di dati mobili 5G.

Le dichiarazione del sindaco Vivarelli Colonna

«Non potevo permettere il deferimento dei lavori chissà per quanti altri mesi. Mesi in cui avrei esposto i miei concittadini, i nostri giovani, ad un pericolo costante. Governare significa decidere, prendersi le proprie responsabilità e andare fino in fondo alle proprie scelte. Io lo faccio, convinto di essere dalla parte del giusto. Convinto che il bene di una comunità sia superiore alle richieste ideologiche di uno sparuto gruppo di persone, la maggioranza della quale movimentata qui ma proveniente da altre parti d’Italia».

Cosa dicono i cittadini contrari

«Presenteremo immediato ricorso giurisdizionale con richiesta cautelare di sospensiva dell’esecutività del provvedimento. L’esecuzione del provvedimento impugnato, qualora fosse accertata l’illegittimità dell’ordinanza, sarebbe fonte di un gravissimo danno patrimoniale quantificabile in non meno di euro 200 mila euro».

L’associazione Grosseto al centro invita «i soggetti sopra indicati a soprassedere dalla messa in esecuzione dell’ordinanza fino al pronunciamento del giudice visto che saranno ritenuti personalmente responsabili sotto il profilo risarcitorio».

La realtà di oggi con la via spoglia di alberi

Ecco come si presentava la vista di Via Mascagni prima dell’azione di taglio portata a termine oggi.

Durante

Dopo

Visto che l’amministrazione comunale ha assicurato che verranno sostituiti con nuove piantumazioni, vi terremo aggiornati sulle tempistiche e sulla qualità di questa operazione.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

[ginger_reset_cookie class="uk-button uk-button-default uk-button-small" text="Reset Cookie" redirect_url="/"]
Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto