fukushima

Acqua radioattiva della centrale di Fukushima, un problema urgente a dieci anni dall’incidente nucleare

Nel decimo anniversario delle esplosioni all’impianto atomico giapponese, quasi 5.000 dipendenti continuano i lavori di smantellamento e decontaminazione. C’è preoccupazione per l’accumulo di acqua contaminata, motivo per cui si sta prendendo in considerazione una decisione controversa: scaricarla in mare in modo controllato. Molto più complicato sarà l’estrazione del combustibile dai reattori e il futuro smaltimento dei rifiuti.

La storia della centrale di Fukushima

L’11 marzo 2011, un triplice disastro ha colpito la costa orientale del Giappone: un forte terremoto di magnitudo 9, un successivo tsunami con onde gigantesche e, come conseguenza di questo e per  errore umano , un incidente nucleare di livello 7 (il più alto ) nello stabilimento di Fukushima Daiichi.

Le sue dighe di contenimento cedettero, la centrale fu allagata, i sistemi elettrico e di raffreddamento dei reattori erano fuori servizio, in tre di essi (1, 2 e 3) il combustibile nucleare si sciolse , fu generata una grande quantità di idrogeno e i reattori 1 , 3 e 4 sono esplose , scaricando grandi quantità di radioattività nell’ambiente (18.000 terabequerel rilasciati in mare).

Dei quasi 165.000 residenti che hanno dovuto lasciare le loro case a causa dell’incidente nucleare, secondo i dati della Prefettura di Fukushima, circa 37.000 vivono ancora all’estero, “circa 43.000 se si aggiungono anche quelli evacuati dal terremoto e dallo tsunami”, ha spiegato Eduardo Gallego. , Professore di Ingegneria Nucleare al Politecnico di Madrid, durante il seminario organizzato questa settimana dalla Società Spagnola di Protezione dalle Radiazioni (SEPR) per analizzare la situazione a dieci anni dall’incidente di Fukushima.

La società Tokyo Electric Power (Tepco), che gestisce la centrale, ha reso noto l’estate scorsa che nel 2022 i serbatoi nei quali viene stoccata l’acqua utilizzata per evitare che i reattori fondano, non avranno più spazio.

I tecnici che hanno studiato il caso avevano indicato 5 possibili soluzioni, ma hanno aggiunto che lo scarico in mare è l’unica realistica e più economica. Secondo uno studio della Società per l’energia atomica giapponese occorrerebbero 17 anni per far diluire la radioattività a livelli accettabili mescolando con quella del mare l’acqua contaminata sversata.

Il problema dello smaltimento del trizio a Fukushima

Tepco ha tentato di rimuovere la maggior parte dei radionuclidi dall’acqua in eccesso, ma non esiste la tecnologia per liberare l’acqua del trizio, un isotopo radioattivo dell’idrogeno.

Le centrali nucleari costiere scaricano comunemente acqua che contiene trizio nell’oceanoSi presenta in piccole quantità in natura, ma la Tepco ha ammesso lo scorso anno che l’acqua nei suoi serbatoi conteneva ancora contaminanti accanto al trizio.

Attualmente, più di 1 milione di tonnellate di acqua contaminata sono trattenute in quasi 1.000 serbatoi nel sito di Fukushima Daiichi, ma le autorità hanno avvertito che si esaurirà lo spazio del serbatoio entro l’estate del 2022.

Le dichiarazioni del Ministro dell’Ambiente Harada

L’unica opzione sarà quella di prosciugarlo in mare e diluirlo“, ha detto Yoshiaki Harada a un notiziario di Tokyo martedì. “Tutto il governo ne discuterà, ma vorrei offrire la mia semplice opinione”.

Nessuna decisione su come smaltire l’acqua sarà presa fino a quando il governo non avrà ricevuto una relazione da un gruppo di esperti.

Altre opzioni includono la vaporizzazione del liquido o la sua conservazione a terra per un lungo periodo.

Harada non ha detto e probabilmente non sa quanta acqua dovrà essere scaricata nell’oceano.

Un recente studio di Hiroshi Miyano, a capo di un comitato che studia lo smantellamento di Fukushima Daiichi presso la Atomic Energy Society del Giappone, afferma che potrebbero essere necessari 17 anni per scaricare l’acqua trattata dopo che è stata diluita per ridurre le sostanze radioattive a livelli che soddisfano il standard di sicurezza dell’impianto.

LEGGI ANCHE:

Fukushima: il punto della situazione a 4 anni dal disastro ambientale

I segnali della contaminazione da Fukushima sulla Costa Occidentale degli USA

Fukushima 15.000 volte peggio di Hiroshima se non si rimuovono le barre di combustibili

Le conseguenze mondiali del disastro di Fukushima che le autorità censurano

Naoto Matsumora: l’uomo rimasto a Fukushima a proteggere gli animali

Ripercussioni locali e internazionali

Qualsiasi decisione di smaltire le acque reflue nel mare farebbe arrabbiare i pescatori locali, che hanno trascorso gli ultimi otto anni a ricostruire la loro industria.

La vicina Corea del Sud ha anche espresso preoccupazione per l’impatto che avrebbe sulla reputazione e sull’equilibrio ambientale del proprio pesce.

Il mese scorso, Seoul ha convocato un alto funzionario dell’ambasciata giapponese per spiegare come sarebbero state trattate le acque reflue di Fukushima Daiichi.

Da ricordare che i legami tra le nazioni del nord-est asiatico sono già in calo dopo una disputa di risarcimento per i coreani costretti a lavorare nelle fabbriche giapponesi durante la seconda guerra mondiale.

muro di ghiaccio fukushima acqua radioattiva
L’impianto del muro di ghiaccio di Fukushima che avrebbe dovuto fermare la contaminazione delle acque, in una ricostruzione al computer.

Il governo ha speso 34,5 miliardi di yen (£ 260 milioni) per costruire un muro sotterraneo ghiacciato per impedire alle acque sotterranee di raggiungere i tre edifici danneggiati del reattore.

SCARICA IL PDF sul Muro di Ghiaccio di Fukushima

Il muro, tuttavia, è riuscito solo a ridurre il flusso di acque sotterranee da circa 500 tonnellate al giorno a circa 100 tonnellate al giorno.

Il Giappone è stato sottoposto a nuove pressioni per affrontare il problema dell’acqua contaminata prima che Tokyo ospitasse le Olimpiadi e le Paralimpiadi la prossima estate.

Mentre sei anni fa, durante l’offerta della città per i giochi, il primo ministro, Shinzo Abe, assicurò alla comunità internazionale che la situazione era “sotto controllo“.

Greenpeace riferisce di Fukushima

L’organizzazione ambientale Greenpeace ha presentato due rapporti questo mese in coincidenza con il decimo anniversario dell’incidente. Il primo, sulle Radiazioni a Fukushima 2011-2020 e condotto in quel periodo attraverso 32 indagini, indica che l’ 85% degli 840 km 2 dell’Area di Decontaminazione Speciale rimane contaminato da Cesio radioattivo . In altre parole, solo il 15% di quest’area è decontaminata, compito che spetta al governo giapponese.

Secondo il testo, in molte aree, l’obiettivo di decontaminazione a lungo termine del governo giapponese di 0,23 microsievert all’ora (μSv / h) non sarà raggiunto entro il periodo di tempo stabilito. La popolazione sarà soggetta per decenni a un’esposizione alle radiazioni superiore al massimo raccomandato di 1 mSv / anno .

Nelle aree in cui gli ordini di evacuazione sono stati revocati nel 2017, in particolare Namie e Iitate , i livelli di radiazioni rimangono al di sopra dei limiti di sicurezza, esponendo potenzialmente la popolazione a un aumento del rischio di cancro. Ad esempio, in un ex asilo e scuola di Namie City, il 93% di tutti i punti misurati rimane al di sopra dell’obiettivo di 0,23 μSv / h.

Il campionamento e l’analisi confermano la presenza di stronzio radioattivo-90 (Sr-90), rilasciato nell’incidente, un radionuclide che si concentra nell’osso e nel midollo osseo. Il governo giapponese non sta conducendo analisi di laboratorio e utilizza approssimazioni indicate come imprecise nel 2015.

Una quantità enorme rimane nei nuclei di combustibile del reattore fuso e anche una quantità significativa negli 1,23 milioni di tonnellate di acqua contaminata immagazzinata (quasi 500 piscine olimpioniche) e che il governo vuole scaricare nell’Oceano Pacifico.

D’altra parte, il rapporto Smantellamento della centrale nucleare di Fukushima Daiichi indica che il piano ufficiale per smantellare la centrale nucleare per i prossimi 30-40 anni non è realistico e non ha prospettive di successo.

I successivi governi giapponesi hanno travisato l’inefficacia del programma di decontaminazione e ignorato i rischi radiologici. Hanno anche affermato falsamente che il piano di smantellamento di Fukushima Daiichi trasformerà il sito in un terreno pulito entro la metà del secolo “, ha detto Shaun Burnie , specialista nucleare di Greenpeace East Asia.

Foto di https://asia.nikkei.com/

acqua radioattiva, Fukushima, Fukushima Daiichi, incidente nucleare


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Commento

  • La cosa terribile è che leggendo in giro pareri dei cosidetti “esperti” non sembra destare preoccupazione lo smaltimento dell’acqua col trizio in mare , viene considerato un peccatuccio veniale di nessun conto e senza rischi per l’ecosistema.
    Penso che siamo veramente messi male e tramanderemo solo pericoloso pattume alle prossime generazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto