Home Eco Viaggi Vacanze green? Ecco le mete migliori per il 2016 secondo Lonely Planet

Vacanze green? Ecco le mete migliori per il 2016 secondo Lonely Planet

1905
1
CONDIVIDI

Ogni anno, Lonely Planet stila diverse classifiche su come trascorrere le vacanze durante il periodo natalizio. Quest’anno, ha raccolto una serie di esperienze considerate “top” per il 2016 e volte a coniugare la passione per la natura all’amore per i viaggi. I consigli sono raccolti nel “Best in travel 2016“.

Diamo un’occhiata a questa lista.

Iniziamo col dire che di suggerimenti su come trascorrere le vacanze ce ne sono di tutti i tipi (per turisti avventurosi o per tutta la famiglia) e collocati in varie latitudini: dal dar da mangiare ai panda in Cina, all’aiutare a salvare le scimmie in Sudafrica, fino al tentare un incontro ravvicinato con le “sirene” nelle Filippine. Esperienze a strettissimo contatto con la natura, durante le quali riscoprire il proprio amore per animali e foreste o dare una mano a tutelarle.

Cina: al centro di ricerca Chengdu, le famiglie possono osservare e “abbracciare” i panda. Il centro di ricerca, attivo dal 1987, cerca di salvare e proteggere questi splendidi esemplari di panda giganti in via di estinzione.

Sudafrica: potete iscrivervi a un programma di volontariato per partecipare alla preparazione di cibo, alla pulizia e manutenzione dei recinti, all’osservazione del comportamento di questi primati.

Per gli amanti delle esperienze estreme e avventurose, in Australia c’è la possibilità di mettere alla prova la propria sopravvivenza nell’Outback, fra i posti meno ospitali del mondo, imparando a sopravvivere nel ‘bush’ insieme a specie animali fra le meno rassicuranti, in primis serpenti e piante letali.

Dalla Slovenia alle Filippine, invece, sono disponibili le esperienze più bizzarre tra gli animali.
Gli esperti di Lonely Planet invitano a considerare incontri ravvicinati con i “draghi” delle grotte slovene di Postumia, un vivaio in cui nuotano esemplari di protei, anfibi ciechi che sembrano piccoli draghi.

Nelle Filippine, invece, si trovano i dugonghi, i cui avvistamenti nell’antichità fecero nascere il mito delle creature metà pesce e metà donna.

Per gli “unicorni marini” il luogo migliore è invece la Groenlandia: a maggio una crociera è l’esperienza migliore per gli avvistamenti di narvali.

Queste sono le vacanze green suggerite dalla Lonely Planet. Un po’ estreme e lontane probabilmente.

Per vivere delle vacanze veramente sostenibili, però, non è necessario andare così lontani da casa. Se avete nel cuore il desiderio di fare qualcosa di veramente utile, ma nelle tasche non avete i soldi sufficienti per fare grandi viaggi, potete recarvi nei più vicini canili o centri di ricovero per animali abbandonati o senzatetto. Senza spesa, solo quella del vostro tempo, potrete rendere questo Natale migliore per voi e per gli altri.

In più, vi suggeriamo di dare un’occhiata all’ecodecalogo di Greenpeace: dieci semplici regole per vivere il Natale in maniera più sobria, nel rispetto dell’ambiente (e di noi stessi).

(Foto: lonelyplanet.com)

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here