turismo di massa intercontinentale

Turismo di massa intercontinentale: perché viaggiare per il mondo potrebbe essere un problema

Il nostro sogno di voler viaggiare per il mondo ha un lato negativo. Infatti viaggiare non è più un’attività semplice, non è solo un hobby e non è il sogno di poche persone. È un’industria globale che ha prodotto un eccesso di turismo di massa.

Questa attività è cresciuta così tanto che, mentre nel 1950, 25 milioni di persone hanno lasciato il loro paese per conoscere un’altra destinazione, nel 2017 quel numero è cresciuto fino a 1,3 miliardi di viaggiatori all’anno. Ma perché dovrebbe essere un problema?

Il turismo di massa: quali i limiti da imporre

La maggior parte dei viaggiatori sogna di andare in un’isola paradisiaca come quella visitata da Leonardo DiCaprio nel film The Beach. Ironia della sorte, il film ha reso noto quel paradiso segreto e alcuni anni fa il governo thailandese ha deciso di chiudere temporaneamente l’accesso per consentire alla natura di riprendersi dopo l’afflusso di turisti che lo hanno danneggiato e contaminato.

L’eccesso di turismo ha avuto effetti devastanti in molti luoghi del pianeta, come noi stessi abbiamo segnalato nel caso dell’Everest. Oggi ci sono pochi siti davvero paradisiaci che non sono pieni di catene di hotel e turisti che, nonostante le loro buone intenzioni, inquinano il posto e lasciano il segno della spazzatura sulle spiagge e sui boschi. Ecco un esempio di come la natura soffre per questi sfregi con cui l’uomo continuamente la affligge.

turismo di massa intercontinentale
Tra i problemi del turismo internazionale riscontriamo un ambiente sempre più sfruttato e lasciato in balia degli eccessi dell’uomo.

Oltre alle aree naturali, che sono molte, l’eccesso di turismo ha una maggiore incidenza in alcune delle città più rappresentative del pianeta. Barcellona e Venezia sono esempi perfetti. Queste sono destinazioni che colpiscono molto per la loro architettura e storia, ma con il flusso infinito di turisti hanno perso la loro essenza culturale.

A volte il turismo sostenibile non basta

È importante vedere la realtà del problema. Molti credono che sia sufficiente evitare l’uso della plastica durante il viaggio. Certo che va bene! Tuttavia, il turismo ha un problema dal momento in cui sali sull’aereo per attraversare l’oceano, poiché i viaggi transnazionali sono inquinanti.

Il “sovraturismo” può essere combattuto dal sociale, dall’ecologia, dall’economia e dall’etica. Non dobbiamo dimenticare che abbiamo un dovere verso il pianeta: prendersi cura di esso, rispettarlo e, soprattutto, preservarlo.

Ecco alcuni suggerimenti che puoi mettere in pratica per aiutare a salvare il pianeta quando viaggi. Se hai altri suggerimenti da aggiungere all’elenco, condividili nei commenti.

Come rendere il turismo di massa meno invadente

I viaggi internazionali sono parte del motivo per cui l’industria del turismo è una delle più inquinanti. Mentre alcune compagnie aeree applicano già una tassa sul turismo per compensare tali emissioni, la realtà è che questi sforzi non sembrano neutralizzare il problema. Tuttavia, queste iniziative sono un modo per iniziare a gestire un problema ancora più grande e devono essere mantenute.

A casa probabilmente hai smesso di usare la plastica, o almeno hai imparato a ridurre i consumi. Tuttavia, anche quando viaggi puoi  farlo. Ci sono oggetti appositamente progettati per i viaggiatori che ti consentono di andare ovunque con una bottiglia, thermos per caffè e persino vestiti che non hanno bisogno di essere lavati frequentemente.

turismo di massa internazionale
il vettore Ryanair è un simbolo dell’espansione del turismo internazionale di massa del XXI Sec. Offrendo voli low cost per moltissime destinazioni ha contribuito a rendere più accessibile il turismo intercontinentale a grandi fasce di popolazione.

Puoi anche consumare localmente. Oltre ad avere un impatto positivo sull’economia del luogo in cui vai, eviterai l’uso di prodotti di importazione che percorrono migliaia di chilometri aumentando le emissioni di Co2 di cui dobbiamo sempre tener conto.

Sebbene molti di noi abbiano familiarità con l’alta e la bassa stagione in relazione al turismo, si tratta dei luoghi in cui questi termini hanno cessato di esistere, poiché c’è sempre un flusso elevato di turisti. Barcellona e Parigi possono essere le prime a venire in mente a molti, ma negli ultimi anni Thailandia, Grecia e luoghi specifici come Machu Picchu, in Perù o Dubrovnik, in Croazia, sono diventati luoghi dove non si può camminare in pace per il gran numero di persone e di turisti che li affollano.

LEGGI ANCHE:

CUBA: la nuova meta di un turismo green

Turismo sostenibile: le mete italiane che hanno vinto dei premi

Ecoturismo: I lidi eco sorgono sulle spiagge italiane

Turismo sostenibile visitando i giardini botanici

 

 

consumare localmente, problemi del turismo, tassa sul turismo, turismo di massa, turismo internazionale


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto