Home Eco Viaggi I Gav per risparmiare nella scelta delle vacanze

I Gav per risparmiare nella scelta delle vacanze

1518
0

Dalla spesa alimentare condivisa di passi ne hanno fatti davvero tanti. Adesso i Gas, i gruppi di acquisto solidale, si occupano anche di vacanze. Da quando esistono, questo è indubbio, hanno registrato un enorme successo (anche se non smettiamo di ricordarvi di stare attenti alle eventuali fregature): si contano 900 gruppi solo tra quelli registrati alla Rete nazionale collegamento dei Gas, numero che raddoppia se si prendono in considerazione anche quelli non registrati.

Cosa fanno i Gruppi di acquisto solidale? Mettono insieme la domanda di un prodotto per acquistarlo al minor prezzo possibile. Una bella intuizione che ora, con la bella stagione, si allarga al settore vacanze, leggiamo in una news sul sito dell’agenzia di stampa Adnkronos. E’ cosi’ che fanno la loro comparsa i Gav, i Gruppi di acquisto vacanze, strutturati secondo i principi dei Gas. Mettendo insieme le richieste (meta, periodo, modalità di viaggio e possibilità economiche) si può arrivare a risparmiare un bel po’, “fino al 40% e, nella bassa stagione, riusciamo ad ottenere anche sconti maggiori”, racconta all’Adnkronos Cosmo Rocchio, ideatore del sitowww.gruppoacquistovacanze.it. Questo perché la famiglia che acquista la vacanza singolarmente non ha margine di trattativa nei confronti di un albergo, ma se tante famiglie, pur non conoscendosi direttamente, si uniscono e formano un gruppo, sicuramente il discorso cambia. In pratica, se una vacanza è prenotata da 40 persone invece di 4, il gruppo di 40 persone può permettersi il ‘lusso’ di chiedere delle agevolazioni. Basta raggiungere un numero adatto. Una bella opportunità di risparmio per gli utenti, ma anche un’opportunità per gli albergatori di reagire alla crisi.

“Dal 2008, per gli albergatori la situazione non ha fatto che peggiorare, ogni anno c’è meno richiesta e quest’anno abbiamo toccato il minimo storico con un calo, a mio giudizio, del 30% di presenze e prenotazioni”, dice Rocchio, che oltre ad aver creato il gruppo di acquisto vacanze è anche albergatore. Per lui, quindi, “il gruppo di acquisto rappresenta anche una risposta alla crisi”. Scommessa vinta, visto che “le richieste continuano a crescere e registriamo settimanalmente anche 9 gruppi di acquisto, composti dalle 12 alle 60 persone“. “Al momento stiamo testando questa formula su 9 strutture dell’Emilia Romagna, per l’inverno coinvolgeremo il Trentino e, se le cose vanno bene, ci allargheremo anche ad altre regioni”, aggiunge.

Ecco come funziona il Gruppo di acquisto vacanze: per risparmiare e unirsi alle altre famiglie, basta iscriversi all’offerta di acquisto di una vacanza scegliendo quella di maggior gradimento. Con l’iscrizione (che non è vincolante, specifica il sito) l’utente ha subito diritto a un primo sconto dell’8% e permette al Gav di accrescere la percentuale di sconto sul totale del soggiorno da effettuare. L’utente viene inserito in una sorta di ”wait list” dove resta fin quando non conferma o disdice la propria iscrizione.Ovviamente, più confermati ci sono, piu’ lo sconto aumenta.

 

Articolo originale “nonsprecare”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.