viaggiare in modo sostenibile

Come viaggiare il mondo in modo sostenibile 

Negli ultimi anni l’opinione pubblica si sta sensibilizzando sempre di più nei confronti dell’ambiente e si stanno trovando modi per avere sempre meno impatto sul nostro ecosistema.

Gli ambiti che stanno subendo trasformazioni a riguardo sono molteplici, a partire dal settore della ristorazione a quello dell’imballaggio, o da quello della burocrazia a quello del design. Insomma, tutti si stanno adattando all’ecosostenibilità, cercando di danneggiare il meno possibile il nostro ecosistema.

Il mondo dei viaggi non è da meno, infatti negli ultimi tempi sono sempre di più le persone che viaggiano in modo coscienzioso e ad impatto zero. Si stima che intorno all’8% delle emissioni di gas serra globali siano dovute al settore del turismo secondo uno studio del 2018 pubblicato su Nature Climate Change.

Per questo è importante che tutti cerchiamo di prendere accorgimenti per ridurre questa cifra per diminuire il nostro impatto sull’ecosistema. Abbiamo quindi creato una lista di consigli per farvi viaggiare nel modo più sostenibile possibile.

Ridurre l’uso della plastica monouso

Viaggiando abbiamo spesso bisogno di acqua o caffè, per questo è importante optare per versioni che siano riutilizzabili, e la stessa cosa si può dire per cannucce, spazzolini, borse.

Stare attenti ai modi di trasporto

Una cosa molto importante da considerare è il modo di trasporto. Infatti, gli aerei sono tra i maggiori inquinatori mondiali con tutte le emissioni di carbonio che fanno. Quindi, bisognerebbe optare per altre forme di trasporto pubblico se possibile, che magari possono essere anche più convenienti economicamente. Laddove è impossibile rinunciare all’aereo però, dovremmo preferire i voli diretti, evitando il più possibile cambi o scali.

Dove pernottare

Scegliere il luogo dove dormire è estremamente importante. Bisogna evitare i grandi resort e gli all inclusive e preferire piccole case del luogo o hotel della zona perché sono più sostenibili in diversi modi. Prima di tutto lo sono riguardo all’ambiente, infatti si pernotterebbe in luoghi puramente naturali al posto che in terre comprate per costruirvi del grandi resort, e in secondo luogo per l’economia locale, infatti stareste investendo soldi nel luogo e nella comunità di dove decidete di andare.

Un’altra opzione che sarebbe anche meglio delle due precedenti, sarebbe di fare campeggio, senza dimenticare che dovreste buttare via tutto e lasciare l’area come l’avete trovata.

Esempi di viaggi originali

Negli ultimi anni siamo stati inondati da esempi positivi su come non è necessario rinunciare a nostri vizi per rispettare l’ambiente. Alcuni hanno infatti sposato la missione ecologista e la loro passione per il viaggio, creando un nuovo format di vacanza che allo stesso tempo salva l’ambiente e ti permette di viaggiare a costo basso. La parola “volonturismo” è un neologismo utilizzato dall’organizzazione GoEco, che organizza un gran numero di viaggi con prezzi tutto sommato bassi, che permettono alle diverse persone di fare volontariato con obiettivi di difesa della natura.

Laura Maerovich è una delle tante volontarie che hanno potuto viaggiare ecosostenibilmente grazie al grandissimo network dell’organizzazione MyGreenTrip, e dice che viaggiando e vedendo la bellezza di un particolare luogo, la spinge a cercare un modo per salvare il nostro pianeta.

A questa lunga lista di ragazzi che viaggiano salvando piano piano il nostro ambiente, si aggiungono gli avventurosi fratelli Damien e Willie Benegas, che hanno unito la scalata dell’Everest con la pulizia di tutti i rifiuti lasciati indietro dagli altri alpinisti.

 Photo by Rifqi Ramadhan

Il cibo

È molto meglio optare per il cibo del luogo. Infatti, avrai molta più possibilità di trovare una buona qualità, saranno infatti materie prime della zona e stagionali, testerai in prima persona la cultura del luogo e inoltre starai aiutando l’economia locale.

Scegliere di mangiare nelle bancarelle o ristoranti del posto è infatti un modo per aggiungere un livello più autentico alla tua esperienza.

Quali souvenir scegliere?

Prima di lasciare il luogo dove avete trascorso la vacanza, non dimenticatevi di comprare i souvenir! Come avete fatto con il cibo, dovrete fare con lo shopping, vale a dire che sarà meglio comprare oggetti dai mercati o artigiani del luogo piuttosto che comprare oggetti prodotti in una catena di montaggio da qualche parte in Cina.

Se guarderete a fondo, potrete trovare oggetti unici che non solo sono stati prodotti lì, ma che racchiuderanno anche il vero e proprio significato della cultura in cui vi siete immersi durante la vostra vacanza!

Foto in evidenza: Photo by David Riaño Cortés


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.