Home Ambiente Divieto di bere acqua potabile: percentuale di arsenico superiore ai limiti di...

Divieto di bere acqua potabile: percentuale di arsenico superiore ai limiti di legge

523
0
CONDIVIDI

Dal 1° Gennaio molte famiglie nel Lazio e in particolare nel viterbese e in alcuni comuni della provincia di Roma, non possono più bere l’acqua del rubinetto di casa e delle fontanelle pubbliche perché contiene arsenico e fluoruro in quantità superiori ai limiti di legge. Una situazione che interessa diverse decine di comuni (guarda l’elenco).

Il divieto di bere l’acqua dell’acquedotto colpisce una quarantina di comuni e quasi 300mila persone solo nella Tuscia. Il contenuto di arsenico e fluoruro è presente infatti in quantità superiori ai limiti di legge, che sarebbero di 10 microgrammi/litro per l’arsenico, e 1,5 microgrammi per il fluoruro. Una situazione che non è certo una novità, visto che è dal 2001 che regioni e territori chiedono deroghe alla legge.

Il problema è che il termine concesso per la terza e ultima deroga è scaduto il 31 dicembre 2012 e i lavori di adeguamento probabilmente non termineranno prima del 2014. Così dal primo gennaio sono scattate le ordinanze dei sindaci delle province di Roma e Viterbo che, secondo le indicazioni dell’Istituto superiore di Sanità, vietano di bere l’acqua del rubinetto, di usarla per cucinare, lavarsi i denti e fare la doccia a persone con patologie cutanee.

Un’esposizione prolungata all’arsenico tramite acqua potabile e cibo può causare cancro, lesioni cutanee, malattie cardiovascolari, danni al sistema nervoso e diabete, è infatti l’allarme che arriva dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

«Il problema – critica Bengasi Battisti, sindaco di Corchiano (Vt) – è che le limitazioni d’uso dell’Iss ci sono state consegnate il 28/12, sono generiche e non sappiamo come rispondere a molte domande dei cittadini. Solo nel viterbese sono 32 i comuni interessati e 220mila gli abitanti».

Ma non mancano criticità anche nella provincia di Latina, segnala Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio. «Anche se si continua a dire che è tutto risolto lì – spiega – gli ultimi prelievi fatti a dicembre indicavano la presenza di valori fuori legge in 43 comuni delle province di Viterbo e Latina».

Di fatto il Lazio, aggiunge Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente «è l’unica regione che non è riuscita a rientrare nei parametri stabiliti, non facendo investimenti per potabilizzatori. Anche le aziende alimentari ne saranno colpite. E il problema non è di facile risoluzione, visto che per molti interventi ancora non si è proceduto al bando di appalto e la fine dei lavori è prevista per
il 2014».

Tutto ciò ha già avuto un impatto sulla salute. Uno studio del Dipartimento di epidemiologia del Servizio sanitario della regione Lazio, pubblicato ad aprile 2012, ha registrato infatti tra il 2005 e 2011, nei comuni dove la concentrazione di arsenico è superiore a 20 microgrammi, un aumento della mortalità per tutti i tipi di tumore (in particolare polmone e vescica), ipertensione, ischemia cardiaca e diabete nella provincia di Viterbo e del 12% per i tumori in quella di Latina. Anche se questi risultati dovranno essere confermati da studi successivi, l’Oms e lo Iarc (International agency research on cancer) hanno già accertato che l’arsenico è un elemento cancerogeno. Gli effetti di un’esposizione prolungata da acqua e cibo si hanno dopo almeno 5 anni, e iniziano dalla pelle, con cambiamenti nella pigmentazione, lesioni cutanee su mani e piedi che possono essere precursori di un cancro alla cute.

«L’allarme lanciato dall’Oms non è altro che l’ulteriore conferma del grande pericolo per la salute di migliaia di abitanti della nostra Regione – dichiara in una nota il candidato del centrosinistra alla regione Lazio, Nicola Zingaretti -. Giusto ieri avevo denunciato il rischio che il Lazio sta correndo a causa della presenza di arsenico nelle acque in alcune zone del viterbese e basso Lazio ed ero stato addirittura criticato da alcuni esponenti di destra e della Giunta Polverini che hanno governato in questi anni senza fare nulla per risolvere una drammatica emergenza. Questa gravissima situazione rappresenta uno dei tanti problemi lasciati in eredità da questa destra fallimentare che saremo costretti ad affrontare con immediati investimenti per restituire ai cittadini il diritto all’acqua potabile nelle loro case».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here