Disastro ambientale nelle aree di Bagnoli a Napoli

Sigilli ai siti dell’ex Italsider e dell’ex Eternit. Indagati 21 ex dirigenti della società ‘Bagnoli Futura’ e di vari enti, compreso il ministero dell’Ambiente. L’accusa è di “omessa bonifica” e “ulteriore aggravamento dell’inquinamento.

Le aree dell’ex Italsider e dell’ex Eternit di Bagnoli, alla periferia di Napoli, sono state sequestrate dai Carabinieri nell’ambito di un’indagine della Procura che ipotizza una situazione di disastro ambientale. Indagati 21 ex dirigenti della società ‘Bagnoli Futura’ e di vari enti locali. Tra i luoghi simbolo della riqualificazione del quartiere la Città della scienza, devastata da un rogo doloso poco più di un mese fa. 

Il sequestro disposto ha oggetto la zona già sottoposta ad attività di bonifica gestita dalla società di trasformazione urbana Bagnolifutura Spa, sia altre aree, compresa la cosiddetta Colmata di Bagnoli. Secondo le indagini nelle aree già certificate come modificate c’è stata “omessa bonifica dei terreni” come si legge in una nota della Procura e l’intervento ha generato un “ulteriore aggravamento dello stato di inquinamento dei terreni”. 

Gli esami tecnici disposti dagli inquirenti hanno accertato un notevole inquinamento dell’area: gli interventi di bonifica – secondo la Procura – avrebbero aggravato la già difficile situazione ambientale. Nell’inchiesta sono coinvolti, oltre ai presidenti e direttori generali pro  tempore della Bagnolifutura spa e del Ccta (laboratorio interno della  Bagnolifutura), anche i rappresentanti pro tempore di tutti gli enti  pubblici coinvolti a vario titolo nel procedimento di bonifica del sito di interesse, quali il direttore generale del ministero  dell’Ambiente, i dirigenti Arpac, il dirigente della Provincia, il coordinatore del Dipartimento Ambiente del Comune di Napoli, i legali  rappresentanti ed i tecnici delle ditte esecutrici dei lavori di  bonifica, la direzione lavori. I reati ipotizzati a loro carico sono: la truffa ai danni dello Stato, reati di falso, reato di miscelazione di rifiuti industriali, reato di disastro ambientale. 

Fonte “http://tg24.sky.it”

bagnoli napoli, disastro ambientale, inquinamento, inquinamento aree pubbliche


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter

[newsletter_signup_form id=1]