più alta mortalità

Lista delle città europee con la più alta mortalità per mancanza di spazi verdi

Le aree verdi sono associate a effetti benefici sulla salute, come una mortalità prematura inferiore e un’aspettativa di vita più lunga, tra gli altri. Un recente studio rivela che le città europee eviterebbero fino a 43.000 morti all’anno se rispettassero le linee guida dell’OMS per l’accesso a questi tipi di aree. 

Un team del Barcelona Institute for Global Health (ISGlobal) ha stilato una classifica delle città europee con la mortalità più alta e più bassa attribuibile alla mancanza di aree verdi. La ricerca, che analizza più di 1.000 città in 31 paesi europei, conclude che tra tutte potrebbero evitare fino a quasi 43.000 morti premature ogni anno se rispettassero la raccomandazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sulla vicinanza residenziale agli spazi .verde. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista The Lancet Planetary Health .

Gli spazi verdi sono associati a vari effetti benefici sulla salute, tra cui una minore mortalità prematura, una maggiore aspettativa di vita, un minor numero di problemi di salute mentale, un minore sviluppo di malattie cardiovascolari, una migliore funzione cognitiva nei bambini e nelle persone, bambini più grandi e più sani.

Leggi anche—>Inquinamento luminoso in crescita: gravi le conseguenze sulla salute

Leggi anche—>I luoghi più inquinati d’Italia: 14mila morti premature ogni anno per biossido di azoto. La Pianura Padana è anche l’area più contaminata d’Europa

Inoltre mitigano l’inquinamento atmosferico, il calore e il rumore, contribuiscono al sequestro di CO 2  e offrono opportunità per l’esercizio e l’interazione sociale.

Secondo le prove scientifiche esistenti, l’OMS raccomanda l’accesso universale a questi e stabilisce l’obiettivo che ci sia un’area verde di almeno mezzo ettaro a una distanza non superiore a 300 metri in linea retta da ciascuna casa.

In accordo con questo obiettivo e con i dati forniti da studi precedenti, un team dell’Iniziativa Urbanistica, Ambiente e Salute di ISGlobal ha stimato la mortalità attribuibile alla mancanza di aree verdi in 978 città e 49 aree metropolitane.

Accesso insufficiente per oltre il 60% della popolazione

Per calcolare lo spazio verde esistente in ciascuna città, lo studio utilizza l’indice di vegetazione della differenza normalizzata (NDVI) come indicatore principale. L’NDVI è un indicatore che misura quanto è verde una certa area. Prende in considerazione qualsiasi tipo di vegetazione, dai viali alberati ai giardini di proprietà private, ed è ricavato da immagini satellitari.

più alta mortalità

Poiché il tipo di flora varia tra città e regioni e non tutte hanno lo stesso tipo di verde, il team ha tradotto la raccomandazione dell’OMS in un valore NDVI specifico per la città.

Il team ha ottenuto dati sulla mortalità per cause naturali e sui livelli di spazio verde per ciascuna delle città studiate rispetto all’anno 2015. Successivamente, hanno utilizzato una metodologia per l’analisi quantitativa dell’impatto sulla salute. 

Leggi anche—->Lo studio collega l’esposizione dell’inquinamento atmosferico infantile a malattie mentali precoci in aumento

Grazie ai dati sull’associazione tra aree verdi e mortalità forniti da ampie meta-analisi pubblicate in precedenza, è stato stimato il numero di decessi per cause naturali che potrebbero essere evitati se ogni città rispettasse la raccomandazione dell’OMS.

I risultati generali per l’NDVI mostrano che il 62% della popolazione studiata vive in aree con meno spazi verdi di quanto raccomandato. Questa carenza sarebbe associata a 42.968 decessi, che verrebbero evitati attuando le indicazioni dell’OMS e che equivalgono al 2,3% della mortalità totale per cause naturali.

“I nostri risultati mostrano che la distribuzione di questi è molto diseguale tra le città in Europa, poiché la mortalità attribuibile all’esposizione insufficiente alle aree verdi varia tra lo 0 e il 5,5% del totale delle morti naturali a seconda della città “, commenta Evelise Pereira, ricercatrice di ISGlobal e primo autore dello studio.

“ Tuttavia, l’impatto diseguale non è solo tra città, ma anche tra diverse aree della stessa città, il che pone alcune persone in una posizione di svantaggio a seconda della città o del quartiere in cui vivono. Molte volte queste zone non sono vicine a dove vivono le persone, quindi non generano benefici per la salute ”, aggiunge l’esperto.

Città con la più alta mortalità attribuibile

L’elenco con i tassi di mortalità più elevati attribuibili alla mancanza di aree verdi comprende città della Grecia, dell’Europa dell’Est, delle repubbliche baltiche, dell’Italia, nonché della maggior parte delle capitali del continente. Tra questi ultimi, quelli che mostrano la più alta mortalità sono Atene, Bruxelles, Budapest, Copenaghen e Riga.

” Lo studio mostra che c’è molto lavoro da fare in termini di città verdi e che la riduzione della mortalità sarebbe ancora maggiore se fossero fissati obiettivi più ambiziosi rispetto alle raccomandazioni dell’OMS ” , avverte Mark Nieuwenhuijsen di ISGlobal.

” Le città europee dovrebbero scommettere sul recupero delle aree urbane per trasformarle in aree verdi, con soluzioni basate sulla natura, come tetti verdi o giardini verticali, e altre misure come la delocalizzazione del traffico e la sostituzione dell’asfalto con spazi verdi e corridoi”, parchi boschivi o tascabili. Allo stesso modo, il nostro studio mostra quanto sia importante che siano accessibili e vicino alle case ”, aggiunge.

Percentuale area verde

Lo studio ha incluso una seconda analisi per la quale hanno utilizzato un altro indicatore degli spazi verdi: la percentuale di area verde (% GA). A differenza dell’NDVI, questo indicatore misura la percentuale di un’area dichiarata ufficialmente a verde e tiene conto solo delle aree verdi pubbliche.

Le stime del carico di mortalità associato a questo secondo indicatore si basavano su prove scientifiche precedenti meno solide di quelle utilizzate nel caso dell’NDVI.

I risultati ottenuti non erano statisticamente significativi. Questa seconda analisi ha mostrato un numero inferiore di morti evitabili: 17.000 in totale.

Un importante limite dello studio è che non ha tenuto conto della presenza di spazi blu, come fiumi o spiagge, i cui possibili benefici per la salute, quindi, non sono stati stimati. Questo studio è il secondo di una serie che mira a misurare le diverse esposizioni urbane nelle città europee. Nel gennaio 2021 è stata pubblicata la graduatoria di mortalità attribuibile all’inquinamento atmosferico. 

Le 5 città con il più alto tasso di mortalità

Le cinque metropoli con più di 100.000 abitanti con il maggior carico di mortalità attribuibile a un indice di vegetazione a differenza normalizzata (NDVI) più basso sono:

PosizioneCittadinaNazioneMorti evitabili – NDVI% di popolazione al di sotto dei livelli raccomandati
1TriesteItalia14574%
2TorinoItalia54692%
3BlackpoolRegno Unito14473%
4GijonSpagna13871%
5BruxellesBelgio42678%

Le 5 città con il minor carico di mortalità

Le cinque metropoli con più di 100.000 abitanti con il minor carico di mortalità attribuibile a un indice di vegetazione a differenza normalizzata (NDVI) più basso sono:

PosizioneCittadinaNazioneMorti evitabili – NDVI% di popolazione al di sotto dei livelli raccomandati
1ElcheSpagna4venti%
2TeldeSpagna233%
3GuimarãesPortogallo318%
4PerugiaItalia1031%
5CartagenaSpagna1051%

più alta mortalità, spazi verdi


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto