cambiamento climatico

Cambiamento climatico: in Europa estati sempre roventi e secche

Il cambiamento climatico influenzerà il modo in cui si vivranno le estati in Europa.

Un nuovo progetto di studio prevede che le estati in tutto il continente diventeranno più secche per la maggior parte dell’Europa nel corso del secolo. Inoltre, si prevede che il cambiamento climatico indotto dall’uomo aumenterà la frequenza di condizioni estremamente secche in tutta Europa.

Il dott.Nikos Christidis e il professor Peter Stott del Met Office Hadley Center hanno valutato come il cambiamento climatico indotto dall’uomo abbia influenzato l’andamento delle estati umide e secche in Europa e ha esaminato la disponibilità di acqua e le piogge nell’Europa settentrionale e meridionale entro la fine del secolo.

Lo studio ha analizzato non solo le tendenze estive e gli eventi estremi attraverso la modellazione dei cambiamenti delle precipitazioni, ma considera anche l’effetto del riscaldamento della temperatura attraverso i cambiamenti nell’evapotraspirazione, seguendo SSP2 4.5, uno scenario a media emissione. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Science Bulletin , e forniscono informazioni su come le comunità dovranno adattarsi mentre si preparano a vedere i deficit nella disponibilità di acqua e le siccità legate all’ondata di caldo.

Il dott. Christidis spiega: “Ci aspettiamo di vedere cambiamenti significativi nelle estati europee a seguito del cambiamento climatico indotto dall’uomo. Le estati potrebbero diventare molto più secche e questo cambiamento dovrebbe diventare più importante man mano che ci spostiamo nel secolo “.

Le stesse aspettative si trovano per il Regno Unito, dove si prevede anche il passaggio a estati più asciutte.

Il cambiamento climatico renderà vaste distese di oceani “inabitabili”

Gli unici luoghi in cui la possibilità di estati più umide rimane nel secolo successivo sono stati la Scandinavia e le Alpi. Una netta diminuzione della disponibilità di acqua in tutta Europa pone sfide a tutte le regioni.

Forse la scoperta più sorprendente di tutte è nello scenario delle emissioni medie (in base al quale sono state modellate le precipitazioni e la temperatura), ci sarebbe un passaggio a un nuovo regime climatico nell’Europa settentrionale e meridionale in cui entrambe le regioni vedrebbero un aumento della frequenza delle estati secchei, fino a più volte in un decennio, cosa altrimenti rara nel mondo preindustriale. Ciò è particolarmente vero per l’Europa meridionale, dove si prevede che gli impatti saranno più gravi.

Si prevede che le estati diventeranno più secche rispetto alle condizioni tipiche dell’Europa meridionale e settentrionale tra oggi e il 2100, con estati secche più estreme nel sud. Lo SPEI è un indice di siccità utilizzato per valutare le precipitazioni, l’evaporazione e la traspirazione nel ciclo dell’acqua.  

“Ondate di calore mortali nel 2050, pericolo per l’uomo, colture e turismo”. Il rapporto di McKinsey parla chiaro

Un altro aspetto della ricerca ha scoperto che si prevede che la frequenza degli estremi umidi aumenterà man mano che assistiamo a estati più secche, con tassi di pioggia più elevati ma non accumuli stagionali totali. Questo è il risultato di un’atmosfera più calda con una maggiore umidità specifica e quindi capacità d’acqua. La dottoressa Kate Willett del Met Office lo spiega ulteriormente . Poiché più acqua può essere trattenuta come gas nell’atmosfera, aumenta il rischio di piogge più intense, sfidando il drenaggio locale e le strutture di stoccaggio.

Il cambiamento climatico influisce sulla salute, in che modo?

Questa evidenza è coerente con i risultati principali delle  proiezioni climatiche UKCP18 , tenendo conto dell’effetto complessivo del cambiamento climatico antropogenico, si prevedono estati più secche nel Regno Unito, con estremi secchi più frequenti. I risultati di questa ricerca sono importanti per aiutare il Regno Unito a pianificare eventi estremi futuri, informando strategie di adattamento e mitigazione efficaci per limitare gli impatti dei cambiamenti climatici sulla società britannica ora e in futuro. 

cambiamento climatico


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto