barriera corallina

Barriera corallina restaurata dalle donne del Kenya: il nuovo progetto

Fino a tre anni fa la barriera corallina lungo le coste del Kenya era quasi totalmente estinta. L’aumento della temperatura del mare in superficie aveva scatenato devastanti episodi di sbiancamento per la quarta volta in meno di due decenni e con lo sbiancamento del corallo è arrivata una diminuzione della vita marina. La pesca eccessiva ha solo aggravato il problema.

Per le comunità costiere dipendenti dal mare per i loro mezzi di sussistenza, il degrado della barriera corallina e i suoi effetti sull’ecosistema marino hanno minacciato di rovesciare un intero stile di vita. In alcune aree esaminate dal Kenya Marine and Fisheries Research Institute (KMFRI), è stato distrutto fino al 60-90% del corallo.

Era necessario un contraccolpo e così l’istituto iniziò a lavorare con le comunità locali per riabilitare le barriere coralline degradate lungo la costa del paese. Tra le aree prese di mira c’era l’isola Wasini, una piccola striscia di terra al largo della costa sud-orientale del Kenya. I risultati sono stati sorprendenti.

Restauro coralli: ripristinare e riabilitare la barriera corallina

Le donne sull’isola hanno condotto un’iniziativa per ripristinare il corallo degradato che ha dimostrato come le tecniche di ripristino del corallo possano rilanciare gli ecosistemi marini e creare mezzi di sostentamento sostenibili per le comunità che dipendono dalla pesca e dall’ecoturismo.

“I pesci hanno iniziato a tornare da quando sono iniziate le attività di restauro”, afferma Nasura Ali, dell’unità di gestione della spiaggia Wasini, che conta circa 250 membri, di cui circa 150 donne. Più di 40 persone sono state addestrate nelle tecniche di restauro.

Molti dei coralli trapiantati dai giardini di corallo nelle aree di scogliera degradate per lo studio sono sopravvissuti, fornendo nuovi habitat per le specie ittiche tra cui jack, cernie, pesce imperatori e pesce scorpione.

Questo successo ha portato al finanziamento del progetto Kenya Coastal Development (KCDP). La gente del posto sull’isola Wasini da allora ha coltivato più di 3.000 coralli.

Le barriere coralline offrono riparo e aree di riproduzione per centinaia di specie di vita marina. La popolazione ittica nelle acque intorno all’isola è aumentata di tre volte rispetto ad altre aree.

Le creme solari danneggiano la barriera corallina

“Non solo questi sforzi di conservazione hanno aumentato il numero di pesci nelle aree protette, ma le popolazioni in aumento si stanno riversando in aree non protette, a beneficio di molte più persone”, afferma Dishon Murage, consulente dell’organizzazione statunitense per la conservazione ambientale Seacology e docente presso Università tecnica di Mombasa.

Incremento delle popolazioni ittiche

Le donne dell’isola di Wasini hanno anche ripristinato le popolazioni ittiche coltivando l’erba marina. La pesca eccessiva di alcune specie, come i pesci da innesco, ha portato alla scomparsa dell’erba marina perché i pesci da innesco si nutrono dei ricci di mare che lo divorano. Usando sacchi di iuta fatti di sisal per proteggere le piantine e impedire loro di essere lavate via, le donne ripiantarono le piantine di alghe sul fondo dell’oceano.

Oltre a fornire cibo, l’erba marina svolge un ruolo chiave nell’ecosistema globale della barriera corallina, fornendo rifugio ai pesci giovani dopo la schiusa, proteggendoli da forti onde fino a quando non maturano e si spostano nelle barriere coralline.

Roundup il diserbante della Monsanto che uccide anche la barriera corallina

Murage, che lavora con la popolazione dell’isola Wasini da oltre un decennio, afferma che il restauro dei coralli ha anche favorito l’ecoturismo. Prima del progetto di conservazione, solo il 30% della comunità faceva affidamento sull’ecoturismo per ottenere un reddito. “Questo tasso è salito a quasi l’80% oggi”, afferma Murage.

Restauro coralli: aumento del turismo ecosostenibile

I turisti pagano una tassa nominale di 500 scellini kenioti (£ 3,80) per vivere l’ambiente marino, mentre i locali pagano circa 102 scellini.

Nazo Yaro, che è anche parte dello sforzo di conservazione marina, ha anche aiutato educare i pescatori a fermare la pesca indiscriminata, specialmente nelle aree vulnerabili della barriera corallina. “Le aragoste e i polpi sono tornati di conseguenza”, dice trionfante.

Sia Ali che Yaro sono stati addestrati a realizzare scogliere artificiali per gentile concessione di un’iniziativa congiunta del KMFRI e del programma di sviluppo delle Nazioni Unite attraverso il Fondo globale per l’ambiente , che sostiene gli sforzi di conservazione ambientale guidati dalla comunità.

Barriera corallina: la prossima generazione “non potrà mai vedere la bellezza del reef”

Le barriere coralline possono essere create in vari modi. Un metodo, ampiamente praticato in Giappone e Malesia, prevede l’uso di blocchi di cemento. “Tuttavia, è molto costoso, perché richiede molto cemento e sabbia”, afferma Mwaura.

Poiché il progetto mira ad aumentare il restauro dei coralli in una vasta area di circa 2 ettari (4,9 acri), al posto del calcestruzzo vengono utilizzati materiali disponibili localmente. I massi rocciosi trovati sul litorale e tenuti insieme con cemento idraulico, vengono utilizzati per creare strutture artificiali di barriera corallina.

Ma prima che i coralli vengano piantati su queste scogliere artificiali, vengono allevati in un vivaio, un processo che dura dalle tre alle quattro settimane. “Il vivaio dovrebbe essere un’area adatta priva di sedimentazione, forti correnti e traffico navale, dove l’acqua è prevalentemente a flusso libero”, afferma Mwaura.

L’osservazione visiva indica che i coralli trapiantati in questo modo hanno un tasso di sopravvivenza del 75%. Una ricerca condotta da KMFRI nel 2013 ha scoperto che 15 delle 32 specie di corallo studiate erano in grado di sopravvivere. Il metodo è stato quindi utilizzato per il restauro nelle aree dell’oceano scelte dalla popolazione locale.

Pesci della barriera corallina minacciati: il lato oscuro dietro il commercio ittico

Il Kenya e le Seychelles sono gli unici paesi africani ad attuare questo tipo di restauro della barriera corallina, con il Kenya che apre la strada a tali sforzi lungo la costa dell’Oceano Indiano già nel 1968, quando fu istituito il parco marino nazionale di Malindi.

Tuttavia, le Seychelles, il Madagascar e le Mauritius sono tra i paesi che hanno superato il Kenya nella conservazione della barriera corallina garantendo sostegno finanziario, nonché un monitoraggio efficace e l’applicazione della legge.

Foto https://www.wur.nl/en/project/REEFolution-Kenya.htm

barriera corallina, restauro coralli


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

[ginger_reset_cookie class="uk-button uk-button-default uk-button-small" text="Reset Cookie" redirect_url="/"]
Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto