distruzione della natura

Allarme da aziende leader: fermare la distruzione della natura o rischiare un “pianeta morto”

Distruzione della natura: I leader mondiali devono fare di più per prevenire la distruzione della natura, hanno avvertito i leader aziendali prima di un vertice in Cina che mira a elaborare una bozza di accordo delle Nazioni Unite per la biodiversità.

In una lettera aperta , gli amministratori delegati di Unilever, H&M e altre nove società hanno invitato i governi a intraprendere azioni significative contro le estinzioni di massa della fauna selvatica e il collasso degli ecosistemi o si rischia “un pianeta morto”.

L’avvertimento arriva mentre la Cina si prepara ad assumere la presidenza di un importante incontro delle Nazioni Unite sull’ambiente per la prima volta ospitando la fase di apertura della riunione Cop15 della convenzione sulla diversità biologica (CBD) a Kunming questa settimana, con la maggior parte dei delegati che partecipano virtualmente.

Nella seconda fase dei colloqui del prossimo anno, che sono stati ripetutamente ritardati a causa della pandemia, i governi elaboreranno di persona gli obiettivi di questo decennio per prevenire la perdita di biodiversità.

Che cos’è la conferenza sulla biodiversità di Kunming?

Nella lettera, la coalizione Business for Nature ha affermato che l’attuale bozza di un accordo delle Nazioni Unite in stile parigino per la natura, che include obiettivi per eliminare l’inquinamento da plastica, ridurre l’uso di pesticidi di due terzi e dimezzare il tasso di introduzione di specie invasive entro il 2030, ha non andare abbastanza lontano per fermare la distruzione del mondo naturale. Separatamente, più di 1.000 aziende con 4,7 trilioni di dollari (3,5 trilioni di sterline) di entrate hanno firmato un appello del gruppo affinché i governi adottino politiche per invertire la perdita della natura entro il 2030.

L’accordo sul clima di Parigi , adottato nel 2015, è un trattato internazionale giuridicamente vincolante per affrontare la crisi climatica impegnandosi a mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C, il limite di sicurezza scientificamente consigliato, con l’aspirazione a non violare 1,5°C sopra i livelli preindustriali .

“La natura è a un punto di svolta e il tempo è contro di noi. Dobbiamo riconoscere la perdita della natura per la crisi che è”, ha affermato la lettera ai leader mondiali, condivisa esclusivamente con il Guardian. “Dobbiamo capire che mentre è fondamentale per affrontare il cambiamento climatico, la natura rappresenta più di una semplice soluzione climatica.

I dirigenti hanno esortato i leader mondiali a impegnarsi per un equivalente dell’obiettivo climatico di 1,5°C per la natura attorno al quale le imprese e la società civile possono unirsi, scrivendo che le proposte attuali non erano chiare. Hanno inoltre esortato i governi a eliminare e reindirizzare tutti i sussidi dannosi per l’ambiente e incorporare il valore economico della natura nel processo decisionale.

“Dobbiamo monitorare il nostro impatto sul clima e sulla natura con la stessa disciplina con cui monitoriamo i nostri profitti e perdite”, ha affermato Roberto Marques, amministratore delegato di Natura & Co, che possiede il Body Shop e Aesop, che ha firmato la lettera. “Chiediamo ai governi di eliminare e reindirizzare tutti i sussidi dannosi. I governi forniscono ancora molti sussidi per industrie e iniziative molto dannose per la natura”.

Marques ha affermato che la presidenza cinese è stata un momento importante in quanto le decisioni prese dal più grande emettitore di gas serra del mondo decideranno se il mondo ha raggiunto o meno gli obiettivi ambientali in questo secolo.

Eva Zabey, direttore di Business for Nature, ha dichiarato: “C’è un doppio tamburo con Cop15 seguito subito da Cop26. Sappiamo che la natura sarà una caratteristica fondamentale di Glasgow, quindi questa è la nostra opportunità per aumentare davvero questa ambizione politica.

“Quello che è successo con l’accordo di Parigi è che una volta che hai l’ambizione politica, dà alle aziende la certezza di investire, innovare, cambiare i loro modelli di business. Usando i limiti della Terra come struttura, le aziende possono assicurarsi di fare la loro parte”.

Il presidente della Cina, Xi Jinping, dovrebbe parlare questa settimana alla prima fase, in gran parte cerimoniale, della Cop15. Il Guardian comprende che il secondo incontro, che si terrà di persona a Kunming dal 25 aprile all’8 maggio 2022, potrebbe essere spostato dalla Cina a causa delle restrizioni ai confini della pandemia.

David Cooper, vice segretario esecutivo della CBD, ha affermato che le discussioni stanno avanzando bene, nonostante la pandemia. “Ci aspettiamo che i leader politici incarichino ora i loro negoziatori di trovare consenso, garantendo al contempo l’ambizione necessaria sugli obiettivi della biodiversità e sui mezzi per raggiungerli”, ha affermato.

distruzione della natura


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto