rifiuti di plastica

Il 55% di rifiuti di plastica nel mondo sono prodotti da venti aziende. I dati sul rapporto ufficiale.

Venti aziende sono responsabili della produzione di più della metà di tutti i rifiuti di plastica monouso nel mondo, alimentando la crisi climatica e creando una catastrofe ambientale, rivela una nuova ricerca.

L’indice Plastic Waste Makers identifica coloro che guidano la crisi climatica con la produzione di polimeri vergini.

Leggi anche —->Il 75% di tutti i prodotti per il trucco contiene plastica, lo studio di Greenpeace

Secondo una nuova analisi completa, tra le aziende globali responsabili del 55% dei rifiuti di imballaggi in plastica del mondo ci sono sia società statali che multinazionali, compresi i giganti del petrolio e del gas e le società chimiche.

I primi 20 produttori di plastica monouso

L’indice Plastic Waste Makers rivela per la prima volta le aziende che producono i polimeri che diventano oggetti di plastica usa e getta, dalle maschere per il viso ai sacchetti e bottiglie di plastica, che alla fine della loro breve vita inquinano gli oceani o vengono bruciati o gettati in discarica.

Nel rapporto pubblicato vengono delineati cinque principali risultati. Si svelano le aziende che producono la stragrande maggioranza dei rifiuti di plastica monouso a livello globale e le istituzioni finanziarie che li abilitano. Si valutano le aziende che stanno compiendo passi concreti verso un’economia circolare della plastica e progettano la crescita della produzione di plastica monouso.

Inoltre, rivela che l’Australia è in testa alla lista dei paesi per la generazione del maggior numero di rifiuti di plastica monouso su base pro capite, davanti a Stati Uniti, Corea del Sud e Gran Bretagna.

Leggi anche —->Migliaia i cammelli morti mangiando plastica nel deserto

ExxonMobil è il più grande inquinatore di rifiuti di plastica monouso al mondo, contribuendo con 5,9 milioni di tonnellate alla montagna di rifiuti globale, conclude l’analisi della Minderoo Foundation of Australia con partner tra cui Wood Mackenzie, la London School of Economics e lo Stockholm Environment Institute. La più grande azienda chimica del mondo, Dow, con sede negli Stati Uniti, ha creato 5,5 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica, mentre l’impresa cinese di petrolio e gas, Sinopec, ha creato 5,3 milioni di tonnellate.

Undici delle società hanno sede in Asia, quattro in Europa, tre in Nord America, una in America Latina e una in Medio Oriente. La loro produzione di plastica è finanziata da banche leader, tra cui:

  • Barclays
  • HSBC
  • Bank of America
  • Citigroup
  • JPMorgan Chase

L’enorme impronta dei rifiuti di plastica delle prime 20 aziende globali ammonta a oltre la metà delle 130 milioni di tonnellate di plastica monouso gettate via nel 2019, afferma l’analisi.

Le plastiche monouso sono prodotte quasi esclusivamente da combustibili fossili, determinando la crisi climatica e, poiché sono alcuni degli articoli più difficili da riciclare, finiscono per creare montagne di rifiuti globali. Solo il 10% -15% della plastica monouso viene riciclata a livello globale ogni anno.

L’analisi fornisce uno sguardo senza precedenti sul piccolo numero di società petrolchimiche e sui loro finanziatori, che generano quasi tutti i rifiuti di plastica monouso in tutto il mondo.

Leggi anche —–>La plastica generata da Amazon nel 2019 farebbe il giro della Terra 500 volte

Al Gore, l’ambientalista ed ex vicepresidente degli Stati Uniti, ha affermato che l’analisi rivoluzionaria ha rivelato come le aziende di combustibili fossili si stessero affrettando a passare alla produzione di plastica mentre due dei loro mercati principali – i trasporti e la generazione di elettricità – venivano decarbonizzati.

“Poiché la maggior parte della plastica è prodotta da petrolio e gas, in particolare gas fracked, la produzione e il consumo di plastica stanno diventando un fattore trainante significativo della crisi climatica”, ha affermato Gore.

“Inoltre, i rifiuti di plastica che derivano, in particolare dalla plastica monouso, si accumulano nelle discariche, lungo i bordi delle strade e nei fiumi che trasportano grandi quantità nell’oceano”.

La crisi dei rifiuti di plastica cresce ogni anno . Nei prossimi cinque anni, la capacità globale di produrre polimeri vergini per materie plastiche monouso potrebbe crescere di oltre il 30%.

Si prevede che entro il 2050 la plastica rappresenterà il 5-10% delle emissioni di gas serra.

“Si prospetta una catastrofe ambientale: gran parte dei risultanti rifiuti di plastica monouso finiranno come inquinamento nei paesi in via di sviluppo con sistemi di gestione dei rifiuti scadenti”, affermano gli autori del rapporto. “Il tasso di crescita previsto nella fornitura di questi polimeri vergini … probabilmente manterrà nuovi modelli circolari di produzione e riutilizzo ‘fuori dal denaro’ senza stimoli normativi”.

Leggi anche —-> Inquinamento da plastica in aumento: lo sconcertante rapporto di Tearfund su Coca Cola, PepsiCo, Nestlè e Unilever

Il rapporto afferma che l’industria della plastica in tutto il mondo è stata autorizzata a operare con una regolamentazione minima e una trasparenza limitata per decenni. “Queste aziende sono la fonte della crisi della plastica monouso: la loro produzione di nuovi polimeri” vergini “da materie prime di petrolio, gas e carbone perpetua la dinamica di raccolta differenziata dell’economia della plastica”.

Il rapporto afferma che ciò mina il passaggio a un’economia circolare, compresa la produzione di polimeri riciclati dai rifiuti di plastica, il riutilizzo della plastica e l’utilizzo di materiali sostitutivi. Solo il 2% della plastica monouso è stato realizzato con polimeri riciclati nel 2019.

“L’inquinamento da plastica è una delle minacce più gravi e critiche che il nostro pianeta deve affrontare”, ha affermato il dott. Andrew Forrest AO, presidente della Minderoo Foundation.  Le attuali prospettive sono destinate a peggiorare e semplicemente non possiamo permettere a questi produttori di materie plastiche derivate da combustibili fossili di continuare come hanno fatto senza controllo. Con i nostri oceani che soffocano e la plastica ha un impatto sulla nostra salute, dobbiamo vedere un intervento deciso da parte dei produttori, dei governi e del mondo della finanza per interrompere il ciclo dell’inazione “.

Articolo aggiornato il giorno 28/05/2021

Plastic Waste Makers, rifiuti di plastica


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto