Home Ambiente Canapa sativa: le coltivazioni nel mercato legale

Canapa sativa: le coltivazioni nel mercato legale

290937
4
Autorizzata la coltivazione di canapa sativa con Thc entro lo 0,6%

Come cambia il settore della canapa industriale

A due anni dall’approvazione del decreto che da il via libera alla coltivazione di canapa sativa, facciamo il punto delle situazione. Tantissimi i settori coinvolti, dal tessile all’edilizia. 

La Canapa Sativa, o meglio ancora cannabis sativa, è stata così coltivata dagli agricoltori senza necessità di autorizzazione, come prometteva il decreto. La nuova disposizione di legge ha dato impulso a un settore produttivo notevole e che promette di crescere, a patto che vi siano alla base delle regolamentazioni serie e una prospettiva di investimento per le aziende duratura.

Cosi si esprimevano i promotori della legge nel 2016: “Con la nuova legge colmiamo un vuoto legislativo e andiamo a regolamentare un settore economico in forte espansione“.

Già da qualche anno, infatti, nel nostro Paese si assiste a un vero e proprio boom nella coltivazione della canapa sativa. Secondo le ultime stime prodotte da Coldiretti, nel 2014 i terreni coltivati a cannabis sativa sono aumentati di circa il 150%. Tutto questo, malgrado le limitazioni sinora imposte.

La nuova norma, ha dato una grossa spinta al settore della coltivazione e se il 2017 è stato l’anno della partenza, il 2018 ha visto un consolidarsi e un espandersi del settore della coltivazione della canapa industriale detta anche cannabis light

Canapa sativa: aumentano i limiti di legge

Il cambiamento più importante introdotto dalla nuova legge riguarda il principio attivo della canapa sativa, il THC, presente nelle infiorescenze in vendita. Se finora, tale limite era allo 0,2%, oggi l’asticella viene posta sullo 0,6%. Nello specifico, gli agricoltori non saranno più ritenuti responsabili dello sforamento della percentuale di principio attivo, purché esso sia contenuto all’interno del nuovo margine  (0,6%). Inoltre, la giurisprudenza ha ritenuto che la soglia dello 0,5% sia da ritenere come ” non  stupefacente”

Il Thc, il cui nome scientifico è tetraidrocannabinolo, è il cannabinoide responsabile degli effetti psicotropi delle piante di cannabis. Effetti che però sono raggiunti solo quando la concentrazione della sostanza supera una certa percentuale.

In particolare, il principio attivo della canapa sativa che la legge permette di utilizzare nei suoi vari utilizzi è il CANNABIDIOLO o CBD.

Con le nuove disposizioni legislative, si dà implicitamente il via libera alla coltivazione della pianta anche senza previa autorizzazione.

Loading...

Per favorire ulteriormente lo sviluppo del settore, il Ministero delle politiche agricole ha poi destinato una quota delle risorse dei piani nazionali di settore al miglioramento della produzione e della trasformazione della canapa sativa. Il ministero stabilirà l’importo esatto che, in ogni caso, non supererà il limite di 700mila euro.

La circolare ministeriale del maggio 2018 come bivio fondamentale per il settore

Dopo mesi di incertezze e dubbi, queste in sostanza le direttive confermate dalla Circolare Ministeriale tanto attesa:

1.      È consentita la riproduzione di piante di canapa esclusivamente da seme certificato.
2.      Non è contemplata la riproduzione per via agamica di materiale destinato alla produzione per successiva commercializzazione di prodotti da essa derivati.
3.      Secondo quanto disposto dall’articolo 3, della legge n. 242 del 2016, il vivaista deve conservare il cartellino della semente certificata e la relativa documentazione di acquisto, per un periodo non inferiore a 12 mesi, e, in ogni caso, per tutta la durata della permanenza della semente stessa presso l’azienda vivaistica di produzione.
4.      La vendita delle piante a scopo ornamentale è consentita senza autorizzazione.
5.      L’attività vivaistica è altresì regolamentata dagli articoli 19 e 20 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 214, in attuazione della Direttiva 2000/29/CE concernente le misure di protezione contro l’introduzione e la diffusione nella Comunità di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali.
6.      Le importazioni a fini commerciali di piante di canapa da altri paesi non rientrano nell’ambito di applicazione della legge n. 242 del 2016 e, in ogni caso, devono rispettare la normativa dell’Unione europea e nazionale vigente in materia.

Ecco le 62 specie di seme certificato secondo la direttiva europea, così come ce le elenca il sito www.freeweed.it:

Canapa Sativa – Varietà Dioiche

– Armanca :Romania

– Asso : l’Italia , dioica

– Bergnaturhanf Ladir : Landrace svizzero di Ladir, Grigioni (est Alpi svizzere), elencato nella ‘conservazione delle risorse genetiche vegetali “(svizzera database nazionale). Robusto, altezza senza problemi di 2 metri, il contenuto di THC 2,4%

– Bernabeo : nuova varietà di fibre di canapa italiana attualmente utilizzata solo come linea di coltivazione, alcune piante sono ricche di CBG e prive di THC e CBD (probabilmente a causa di un omozigote B allele)

– Bredemann : le varietà ‘Bredemann’ (ad esempio Bredemann 18, Bredemann P, Bredemann Eletta) sono famose varietà tedesche selezionate da ecotipi Central-Russo, Bredemann. Bredemann è diventato famoso per il suo metodo che utilizza la determinazione della fibra nei giovani maschi che permettono la selezione precoce dei titoli riproduttori maschi.

– BundyGem : l’Australia , bassa e relativamente veloce varietà discendente dalla canapa canadese e sviluppato nelle regioni subtropicali, ricca di antociani

– CanMa : Canada ,  incrocio di una selezione ‘Finola’ e uno dei primi ‘ESTA-1’

– Cannakomp : Hungary

– Carmagnola : Italia , Nord landrace italiana dall’ ecotipo sud (temperatura ottimale in fase vegetativa ~ 23 ° C), ricca di CBD (anche se in origine di chemotipo misto), alta, tardiva fioritura, linea madre di diverse altre varietà

canapa sativa
Il mercato della cannabis light permette di vendere singole piantine da seme certificato

– Carmen : Canada , di piccole dimensioni

– CFX-1 , CFX-2 e CRS-1 : Canada varietà di semi di canapa, con medie e grandi dimensioni e media maturazione (105-110 giorni)

– Camaleonte : Paesi Bassi , di medie dimensioni con insorgenza di precoce fioritura, steli gialli

– Crag : Canada

– CS (Carmagnola Selezionata): Selezione di ‘Carmagnola’

– Dioica 88 : Francia , varietà alta con insorgenza di ritardo fioritura (l’unica varietà francese dioica)

– Eletta Campana : incrocio italiano tra ‘Carmagnola’ X cultivar tedesco ( ‘Fibridia’ o ‘Bredemann’), alta e con insorgenza di fioritura tardiva, THC 0,6% e CBD 0,8%

– ESTA-1 : Canada , semi della valle di Ottawa, fiore a ~ 50 giorni, di piccole dimensioni (~ 150 -180 cm)

– Fibranova : Italy , ‘Bredemann Eletta’ X ‘Carmagnola’ (temperatura ottimale in fase vegetativa ~ 23 ° C ), ricca di CBD, alta e insorgenza di tardiva fioritura, steli viola

– Fibridia : Importante ibrido degli antenati nord e sud

– Fibrimor : selezione italiana

– Finola (FIN-314): Finlandia , un incrocio stabile originariamente da Sam_Skunkman e Dr. JC Callaway per impollinazione di due ecotipi russi da Kirov @ 58 ° N (tipo adesioni del Nord K-313 e K-315 presso l’Istituto Vavilov di Plant Industry VIR ) nel 1995 ( Callaway e Laakkonen ). Al giorno d’oggi coltivata soprattutto in Finlandia e Canada. Inizia la fioritura, quando da 25 a 30 giorni, è il più piccolo (~ 150 -180 cm) e primo (~ 100 giorni). Varietà di canapa industriale, ha fibre sottili e dà una grande raccolta di piccoli semi. THC / CBD a fine fioritura possono essere al di sopra dei limiti di legge.

canapa sativa finola

– Fleischmann canapa (F-canapa): Una leggendaria varietà italiana del ’50 sulla base di Carmagnola e la linea genitore di molte selezioni moderne in Italia, Ungheria e Jugoslavia

– Havelländer ( Havelländischer Hanf):. Tedesco famoso cimelio di varietà sulla base di canapa russa, fioritura breve e anticipata / maturazione con elevata quantità di seme e produzione di biomassa, ma a basso contenuto di fibre

– Helvetica (diverse varietà): vecchia varietà svizzera, medio contenuto di THC e contenuto di CBD (di tanto in tanto di cui sopra 1%, quindi non con approvazione UE / CH),  fioritura con esordio tardivo

– Kompolti : Ungheria e Paesi Bassi , selezionati in Ungheria da cannabis Fleischmann, THC 0,1% e CBD 1,5%, alcuni esemplari con THC di contenuto medio (perso temporaneamente il riconoscimento UE), varietà con fibra molto alta, con insorgenza tardiva della fioritura. E’ nella linea parentale di diverse altre varietà

– Kompolti sargaszárú : Ungheria , la mutazione spontanea con steli giallo intenso e foglie verdi è trovata in un incrocio tra un finlandese e una varietà italiana nel 1939 e l’ibrido ‘Kompolti’ (BC3F3) ( ‘ sarga szárú ‘si traduce come’ giallo a stelo ‘)

– Kuhnow (Kuhnowscher Hanf): vecchia varietà della Germania Est sulla base di canapa italiana. Maturazione tardiva per il tipo di fibra.

– Lovrin 110 : Romania , THC dello 0,7% e CBD 1,3%, molto alta, fioritura con insorgenza intermedia, selezione di diversi tipi dalla bulgara Silistra alla varietà locale ‘Silistrenski’ (un ecotipo del sud)

– Novosadska konomplja : Serbia , varietà jugoslava, una migliore selezione di ‘Fleischmann canapa’

– Petera : Canada , semi di grandi dimensioni, alta (3-3,5 metri), maturazione tardiva

– Ramo : varietà tedesca, fioritura con insorgenza intermedia, basso contenuto di cannabinoidi

– Rastslaviska (Rastislavicke): varietà cecoslovacca o varietà locale del ecotipo sud, a crescita alta e insorgenza tardiva della fioritura, THC dello 0,2% e 1,8% CBD

– Red picciolo : Italia , ha ovviamente i piccioli rossi

– Schurig (Schurigsche Hanf): Germania, famosa varietà tedesca coltivata intorno a Markee. O una selezione dalla varietà centralizzata russo o un ibrido di Northern e Southern ecotipo con una piccola porzione di individui subdioecious. La Canapa di Schurig ha dato origine alla prima vera varietà monoica di canapa ‘Fibrimon’ (vedere la sezione ‘varietà monoiche’).

– Silvana (SV.200): Romania

– Suomi : Una varietà di canapa commercializzata dalla Seed Bank Vancouver, rischia di essere ‘Finola ‘

– Superfibra : italiana cultivar, alta e con insorgenza tardiva della fioritura

– Tiborszallasi : Ungheria e Italia , varietà locale ungherese dell’ecotipo sud (temperatura ottimale in fase vegetativa ~ 19 ° C), medio alta con insorgenza tardiva della fioritura, linea parentale di diversi altre varietà

canapa sativa cannabis light

– x59 (dado canapa):Canada , veloce e non molto alta

– Yunma 1 a 6 : Cina, di proprietà del produttore Yunnan canapa industriale Inc. Yunma 1 è la prima fibra delle sementi di varietà cinese della canapa legale. Queste piante cinesi meridionali sono adattate a 23-30 ° N, crescono alte e la fibra di maturazione è in ritardo ed anche i semi di maturazione arrivano molto tardi (110 e 190 giorni, rispettivamente), la concentrazione di THC è secondo gli standard UE. Si dice che sia un mix tra il 50% e il 50% dioica piante di polyoecious. N ° 2 al n ° 4 sono vere dioiche; per maggiori informazioni si veda il link qui sopra.

Canapa Sativa Cultivar Ornamentali

– Panorama : Un ceppo libanese selezionato dal Dr. Ivan Bocsa negli anni ’80. Ecco alcune belle informazioni con una foto di lui e due ‘Panorama’ sul libro pagina 311 (PDF pagina 28) su Hort.Purdue.edu o un colloquio con lui su Hempfood.com . ‘Panorama’ è del chemiotipo mescolato con contenuto di cannabinoidi totale di livello basso/medio.

– Ermes : Ermes è in realtà una varietà di fibre di canapa monoica che possono ottenere l’approvazione dell’Unione europea nel prossimo futuro. La sua qualità ornamentale deriva dal tratto palmato della foglia noto in Italia come ‘ pinnatifidofilla ‘.

Varietà Ibride Unisex di Canapa Sativa

– Alyssa : Canada , femminile, varietà predominante con 85-90% di sesso femminile, fiore insorge a ~ 60 giorni, di piccole dimensioni (~ 150 -180 cm)

canapa sativa cannabis light

– Fedora 17, 19 e 74 (i numeri si riferiscono all’insorgenza della fioritura): Francia, ‘Fedora 17’ è stata l’ultima varietà che ha perso l’approvazione in Svizzera (1 giugno 2014) , una varietà di medie dimensioni con 50% femmine e 50% di piante monoiche. ‘Fédora 19’ [(JUS-9 x Fibrimon 21) F1 x Fibrimon 21] è più alta, ma ha anche una insorgenza della fioritura precoce e fino al 1,2% di CBD. ‘Fédora 74’ ha un esordio di fioritura intermedia.

– Fédrina 74 : Femmina predominante, varietà francese, alta, con insorgenza tardiva della fioritura, ~ 1,5% CBD, (Fibridia x Fibrimon 24) F1 x Fibrimon 24

– Felina 32, 34 :  Francia , varietà con 50% femmine e 50% di piante monoiche, originariamente con THC medio e contenuto di CBD alto, ma ora solo fino al 1,6% di CBD, di medie dimensioni con insorgenza di fioritura intermedia. ‘Felina 34’ = (Kompolti x Fibrimon 24) x Fibrimon 24 ha una temperatura ottimale bassa in fase vegetativa ( ~ 13 ° C) e mostra un induzione breve del fiore (o photoperiode indotto)  che lo rende ‘autoflowering’ nel Sud Europa.

– Fibriko : varietà ungherese, simile a ‘Kompolti TC ibrido’, ma con il giallo che derivava dalla varietà ‘Kompoltki Sargaszaru’ come genitore, fenotipicamente dioica (F2 dovrebbe portare a 25% prole con il giallo negli steli)

– Futura 75 e 77 : Francia , femminile predominante, varietà francese, Futura 75 è medio alta, ha una relativamente alta temperatura ottimale in fase vegetativa di ~ 20 ° C e un inizio fioritura intermedio. Futura 77 [(Fibridia x Fibrimon 24) F1 x Fibrimon 24] cresce alta con una insorgenza tardiva della fioritura e fino al 1,6% di CBD

– Hohenthürmer gleichzeitig Reifender : varietà tedesca, la prima varietà predominante femminile, ottiene allevamento selettivo con poche monoiche, piante spontanee di una varietà locale della valle Waag, Slovacchia. Probabilmente ibridata con ‘Schurig’ e varietà di canapa ‘Kuhnow’.

– Kompolti TC ibridoUngheria , F1 dei cinesi ‘Kínai unisex’ (dioica ‘Kínai Ketlaki’ x monoica ‘Kínai Egylaki’) x ‘Kompolti’, fenotipicamente dioica,  fioritura con insorgenza tardiva

– Lipko : Ungheria , varietà con il 50% femmine e 50% di piante monoiche, fioritura con esordio tardivo

– UNIKO-B : Ungheria , la varietà di fibra alta con insorgenza di fioritura in ritardo, l’ibrido F1 ( ‘Kompolti’ x ‘Fibrimon 21’) consiste di quasi solo le femmine (unisex, vedi sotto) e viene utilizzato per la produzione con eccezionalmente alte rese di sementi e per la produzione di fibre di canapa F2 commercializzata (~ 30% piante maschili). BTW Unisexual e, in misura minore, le cultivar monoiche non sono stabili e si traducono in un crescente mix di diverso ‘sesso’ fenotipico dopo un paio di generazioni.

– Cultivar unisex sono prodotte da una pianta madre dioica con il polline di un padre monoica. La generazione F1 è costituita da oltre 90% di femmine, 3-5% piante monoiche con fiori principalmente di sesso femminile e solo il 2-3% dei veri maschi. Molte delle varietà francesi sono la F2, back-incrocio di tali F1 del padre alla linea monoica con conseguente circa il 50% di vere femmine e il 50% di piante monoiche.

Una bella lezione su questo argomento, le varietà Kompolti, e l’invenzione di UNIKO-B può essere trovata di nuovo in Hempfood.com: Intervista con il Dr. Ivan Bocsa e anche l’ufficiale Vol internazionale canapa Association. 2 n ° 2 del 1995 .

Canapa sativa: vantaggi per agricoltura e ambiente

La produzione della canapa era particolarmente fiorente in Italia. Almeno fino agli anni ’40 del Novecento, quando si registravano circa 100mila ettari di terreni coltivati e il nostro Paese era il secondo produttore mondiale.

Cosa ne ha ostacolato la diffusione? Principalmente la massiccia industrializzazione dell’economia. Nel periodo del boom economico, infatti, il mercato imponeva il tessuto sintetico e la canapa industriale è andata col tempo scomparendo. Con la diffusione di una nuova mentalità green e rivolta alla tutela ambientale, la cannabis sativa può finalmente tornare a essere al centro dell’industria tessile italiana.

Da non sottovalutare i benefici per l’ambiente, visto il momento storico in cui ci troviamo. Una tonnellata di canapa secca, si stima, può ‘sequestrare’ circa 325 kg di CO2. Inoltre, la filiera produttiva della pianta è carbon negative: invece di aumentare la produzione di anidride carbonica, cioè, contribuisce a eliminarla dall’atmosfera.

PER CHI E’ ALLA RICERCA DI SEMI BIO DI CANAPA SATIVA

I campi applicativi sono diversi. La stessa legge appena approvata ne prevede una serie piuttosto lunga:

  • Alimentazione (anche se sul punto dovrà intervenire il Ministero della Salute, per stabilire i limiti di Thc negli alimenti)
  • Cosmetica
  • Creazione di semilavorati per forniture a industrie e artigiani: fibra, canapulo, polveri, cippato, oli e carburanti
  • Come fertilizzante naturale sarà impiegata nella pratica del sovescio (interramento di determinate piante allo scopo di concimare naturalmente il suolo)
  • Bioingegneria e bioedilizia
  • Fitodepurazione e bonifica di siti inquinati
  • Florovivaismo
  • Produzione di energia pulita (solo per scopi aziendali)

Tante volte vi abbiamo raccontato le innovazioni introdotte grazie alla canapa sativa in tantissimi settori applicativi. Le case di Canapa, per esempio, che già spopolano in Alto Adige. La depurazione di una parte dei terreni dell’Ilva, effettuata proprio grazie alla pianta. Le fibre ottiche per la creazione di energia solare.

E ancora tante applicazioni che la nuova legge contribuirà a rilanciare.

4 COMMENTI

  1. Cercasi ditte che in sinnergia vogliono la canapa allo scopo di creane carta per alimenti qualora ci fosse una ditta io ne farei avere il prodotto da crearne assieme una filiera per contattarmi chiami il 3248635816
    Grazie balsamo Giancarlo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.