Home Alimentazione Biologica Ritirato tonno in scatola per la presenza elevata di istamina

Ritirato tonno in scatola per la presenza elevata di istamina

558
0
CONDIVIDI

Scatta l’allarme in un supermercato all’ingrosso di Caserta, dove è stato ritirato dagli scaffali il Tonno Insuperabile in olio d’oliva dell’azienda De Langlade & Grancelli di Genova.Il tonno è stato ritirato in seguito alle analisi condotte dall’Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno (IZSM), su indicazione della Asl di Caserta, che hanno rilevato un’eccessiva presenza di istamina.

 L’istamina è un elemento da non sottovalutare, soprattutto se presente in elevate quantità, responsabile di causare gravi allergie. Il lotto ritirato è il numero L21, codice EAN 8005210080172, in confezione da tre scatolette da 80 grammi l’una, con scadenza 2019.

L’avviso è stato reso noto ed esposto anche in altri supermercati all’ingrosso, dove si invita a restituire il lotto incriminato e a  fornire la fattura di acquisto. Come in molti questioni legate all’allerta nazionale per ciò che riguarda gli alimenti, le tempistiche non sono state celeri, come dovrebbero essere visto che parliamo di salute del cittadino. L’avviso di non conformità del prodotto è arrivato all’azienda il 2 di luglio ma la procedura di ritiro è scattata il 7 luglio.

tonno insuperabile1

Vista la gravità della questione, per la salute dei consumatori, certe burocrazie andrebbero eliminate. Il danno legato alle istamine è non di poca portata. Quando assumiamo un alimento con una particolare concentrazione di istamina, creiamo nel nostro organismo un’allergia alimentare, con sintomi come prurito, arrossamento del viso e del collo, orticaria, nausea, vomito, diarrea, cefalea e vertigini, sono i sintomi più comuni dell’intolleranza all’istamina; questi sintomi, variabili in base alla concentrazione della sostanza e alla sensibilità individuale, tendono a svanire abbastanza rapidamente, ma nei casi più gravi possono arrivare a produrre un brusco calo della pressione arteriosa, fino al collasso cardio-circolatorio.

Particolarmente a rischio sono i soggetti intolleranti all’istamina (circa l’uno per cento della popolazione; soprattutto le donne di mezza età) e le persone con insufficienza primaria o secondaria di DAO (ad esempio per assunzione di farmaci particolari). L’enzima diaminossidasi (DAO) partecipa infatti ai meccanismi endogeni di degradazione dell’istamina a livello intestinale.

Avvisiamo comunque che il  fatto è partito dal supermercato all’ingrosso Eurocash F.lli Morgese. Ad avvertire la cittadinanza lo stesso supermercato che ha affisso gli avvisi. Il lotto ritito  è il numero L21, codice EAN 8005210080172, in confezione da tre scatolette da 80 grammi l’una, con scadenza 2019. Chi ne avesse in casa lo deve riportare al supermercato.