Home Alimentazione Biologica Proprietà del sesamo: come usare i semi e dove trovarli

Proprietà del sesamo: come usare i semi e dove trovarli

3248
1
CONDIVIDI
proprietà del sesamo

Il sesamo è una pianta originaria dei paesi orientali con numerose varietà distinte soprattutto in base al colore dei semi (a semi bianchi, neri e rossastri).

Il termine “apriti sesamo”, apparso nel 1298, deriva dal greco sesamon, che si è preso a prestito da una lingua parlata nel Mediterraneo orientale, forse di origine semitica. La radice della parola significa probabilmente grasso o olio.

Nei racconti delle Mille e una notte, Ali Baba dicendo “Apriti sesamo”, apre la porta della caverna e consente l’accesso ai tesori accumulati dai 40 ladroni. Per alcuni, questo racconto ricorda l’importanza che ha sempre avuto questa pianta nella dieta umana. In effetti, una volta aperti, rivelano baccelli di grande valore nutritivo! La recente scoperta delle loro proprietà antiossidanti rafforza il simbolismo che questi semi avevano come i loro poteri magici.

I suoi semi sono ricchi di minerali, tra cui magnesio, zinco e ferro, inoltre risulta essere un’alta fonte di fibre. In Oriente i suoi semi oleosi sono molto apprezzati, ne conosciamo l’olio, il tahini (crema di semi) e il gomasio (ottenuto da sale marino e semi).

Principi attivi e proprietà del sesamo

Ottimo Antiossidante: Gli antiossidanti sono sostanze che proteggono le cellule del corpo dai danni causati dai radicali liberi. Queste sono molecole altamente reattive che sono coinvolti nello sviluppo di malattie cardiovascolari, alcuni tipi di cancro e altre malattie.

Ricco di vitamina E: Sesamo contiene tocoferoli, composti antiossidanti possono formare vitamina E.  Studi nell’uomo hanno mostrato che l’aggiunta di sesamo alla dieta quotidiana in forma di semi (11 g al giorno), olio (almeno 22,5 g) o in polvere (50 g) aumentano i livelli ematici di gamma-tocoferolo. Studi epidemiologici indicano che oltre a possedere proprietà antiossidanti, gamma-tocoferolo può giocare un ruolo nella prevenzione del cancro e malattie cardiovascolari.

Lignani: Semi di sesamo contengono lignani, composti vegetali che hanno un ruolo simile a quello degli estrogeni, ed per questo sono anche chiamati fitoestrogeni. Studi dimostrano come possano avere beneficio nell’ipertensione, nel controllo dei lipidi e conseguentemente nel riuscire a mantenere i livelli di LDL nella norma.

Fitosteroli: I semi di sesamo sono uno degli alimenti che contengono il maggior numero di fitosteroli , questi composti hanno una struttura simile a quella del colesterolo, ma sono utili per mantenere la salute cardiovascolare in ottimo stato. Studi dimostrano come l’assunzione di 2 grammi al giorno (2000 mg) di fitosteroli riduce del 10% il tasso di colesterolo LDL (“cattivo”).

                I preziosi minerali contenuti nel sesamo

Calcio: Il seme intero del sesamo è un’ottima fonte di calcio. Il calcio è di gran lunga il minerale più abbondante nel corpo. È prevalentemente immagazzinato nelle ossa, che è parte integrante. Essa contribuisce alla formazione di ossa e denti, oltre a mantenere la loro salute. Il calcio svolge un ruolo fondamentale nella coagulazione del sangue, il mantenimento della pressione del sangue e la contrazione muscolare (compreso il cuore).

Fosforo: I semi di sesamo sono un’ottima fonte di fosforo.Il fosforo è il secondo minerale più abbondante nel corpo dopo calcio. Esso gioca un ruolo essenziale nella formazione e mantenimento di ossa e denti sani. Inoltre, partecipa tra gli altri nella crescita e rigenerazione dei tessuti e aiuta a mantenere il normale pH del sangue. Infine, il fosforo è un costituente delle membrane cellulari.

Magnesio: I semi di sesamo interi sono una ricca fonte di magnesio. Il magnesio è coinvolto nello sviluppo, la costruzione di proteine, attività enzimatiche, contrazione muscolare, salute dentale e la funzione del sistema immunitario. Esso gioca un ruolo nel metabolismo energetico e nella trasmissione degli impulsi nervosi.

Ferro: Eccellente fonte di ferro, ogni cellula del corpo contiene ferro. Questo minerale è essenziale per il trasporto di ossigeno e la formazione di globuli rossi nel sangue. Esso svolge anche un ruolo nella produzione di nuove cellule, ormoni e neurotrasmettitori (messaggeri di impulsi nervosi). Va osservato che il contenuto di ferro negli alimenti vegetali è meno ben assorbita dal corpo del ferro da cibi animali. L’assorbimento del ferro da impianto però è favorita se consumato con alcuni nutrienti, come la vitamina C.

Zinco:Ricchi di zinco, lo zinco partecipa a reazioni immunitarie nella produzione di materiale genetico, come la percezione del gusto, la guarigione della ferita e lo sviluppo del feto. Interagisce anche con ormoni sessuali e della tiroide. Nel pancreas, partecipa alla sintesi (produzione), alla prenotazione e il rilascio di insulina.

Manganese: Semi di sesamo intero è una fonte eccellente di manganese. Manganese agisce come cofattore di numerosi enzimi che facilitano un diverso dozzina di processi metabolici. Essa contribuisce anche alla prevenzione dei danni provocati dai radicali liberi.

Rame: Semi di sesamo intero è una fonte eccellente di rame. Come componente di numerosi enzimi, il rame è necessario per la formazione di emoglobina e collagene (proteina per la struttura e la riparazione dei tessuti) nel corpo.

Vitamina B1: Semi di sesamo tostato e alla griglia sono un’ottima fonte di vitamina B1. Chiamato anche tiamina, vitamina B1 è parte di un coenzima necessario per l’energia principalmente dai carboidrati che mangiamo. Partecipa anche alla trasmissione degli impulsi nervosi e favorisce la crescita normale.

Vitamina B6 : I semi di sesamo sono una buona fonte di vitamina B6. Noto anche come piridossina, vitamina B6 è parte di coenzimi coinvolti nel metabolismo delle proteine e degli acidi grassi e la sintesi (fabbricazione) di neurotrasmettitori (messaggeri in impulsi nervosi). Funziona anche per la produzione di globuli rossi e permette loro di trasportare più ossigeno. Piridossina è necessaria anche per la conversione del glicogeno in glucosio e contribuisce al corretto funzionamento del sistema immunitario. Infine, questa vitamina svolge un ruolo nella formazione di alcuni componenti di cellule nervose e la modulazione dei recettori ormonali.

Vitamina B2: Seme di sesamo è una fonte di vitamina B2, conosciuta anche come riboflavina. Come vitamina B1, gioca un ruolo nel metabolismo energetico delle cellule. Inoltre, essa contribuisce alla crescita e la riparazione dei tessuti, la produzione di ormoni e formazione dei globuli rossi.

Vitamina B3: Fonte di vitamina B3. Noto anche come niacina, vitamina B3 funziona in molte reazioni metaboliche e contribuisce in particolare alla produzione di energia da carboidrati, grassi, proteine, e alcol che consumiamo. Partecipa anche al processo di formazione del DNA, consentendo la normale crescita e sviluppo.

                               Il sesamo e i folati

Folati: Semi di sesamo è una fonte di folati. I folati (vitamina B9) sono coinvolti nella produzione di tutte le cellule del corpo, inclusi i globuli rossi. Questa vitamina svolge un ruolo essenziale nella produzione di materiale genetico (DNA, RNA) nel sistema nervoso e il sistema immunitario, così come nella guarigione di ferite e piaghe. Come è necessario per la produzione di nuove cellule, un apporto adeguato è essenziale durante periodi di crescita e sviluppo del feto.

Oltre a tutto ciò il sesamo è considerato una fonte elevata di fibra alimentare. Le fibre, che si trovano solo nelle piante, sono un gruppo di sostanze che non vengono digerite dal corpo. Una dieta ricca di fibre è associata a un minor rischio di cancro al colon e può contribuire a soddisfare l’appetito, fornendo una sensazione di sazietà. Ci sono due tipi principali di fibre (solubili e insolubili), che hanno diversi effetti benefici nel corpo: sesamo contiene entrambi, ma con una maggiore percentuale di fibre insolubili.

Il sesamo nero è meno conosciuto rispetto a quello più comune bianco , ma il tè di semi di sesamo nero è un rimedio conosciuto da millenni in Cina per le sue proprietà medicamentose. La curiosità è che viene utilizzato per prevenire la nascita di capelli bianchi, ma è molto utilizzato per i dolori reumatici, per la cura degli attacchi di vertigine, per la pulizia del sangue, del fegato e dei reni.

Come possiamo preparare questa rinfrescante miracolosa bevanda?

Mettere in una padella antiaderente un cucchiaino di semi di sesamo nero, e farli tostare per meno di un minuto. Alla fine del procedimento ridurre in polvere i semi tostati e mescolarli al mezzo cucchiaino di tè verde in foglie. La miscela così ottenuta va messa in una tazza nella quale ci verseremo dell’acqua bollente e lasceremo in infusione per una decina di minuti. Successivamente possiamo procedere a filtrare e a bere la nostra pozione.

LEGGI ANCHE: La nostra fantastica ricetta dei FELAFEL 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here