Home Mondo Veg Lucuma, dolcificante naturale per preparare delizie gluten free

Lucuma, dolcificante naturale per preparare delizie gluten free

1713
0
lucuma

Avete mai sentito parlare o mangiato la Lucuma? Frutto noto come “Oro degli Inca”, molto dolce, ha un basso indice glicemico. Ideale come alternativa allo zucchero.

Abbiamo appena fatto in tempo a lasciarci Halloween alle spalle che abbiamo già il Natale e tutte le festività correlate alle porte. Sapete questo cosa vuol dire? Una scorpacciata continua di dolci! Peccato che i prodotti in commercio contengano quantità inconcepibili di zuccheri dannosi… l’alternativa c’è! Si chiama lucuma ed è un vero e proprio super food.

Chiamato “Oro degli Inca”, questo frutto ha un indice glicemico molto basso, ed è quindi adatto anche per i diabetici. Scopriamo insieme che cos’è, nel dettaglio, e come preparare un’ottima cioccolata con questo ingrediente.

Leggi anche: Lo zucchero fa male, i ricercatori: “Incrementa le masse tumorali”

Lucuma: che cos’è

Pouteria lucuma: è questo il nome scientifico dell’albero della famiglia delle Sapotaceae, originario del Perù, da cui si ricava il prezioso frutto. Quest’ultimo, denominato semplicemente lucuma, viene impiegato soprattutto per realizzare dolci e gelati.

La pianta è originaria della Cordigliera delle Ande, nella sua parte centrale, in Sud America. L’origine del suo utilizzo è antichissimo, addirittura a prima della costituzione delle civiltà Inca. Il consumo del frutto, insieme all’uso del legname dell’albero, è infatti datato sin dall’ottavo secolo prima di Cristo.

Oggi la coltivazione avviene soprattutto in Perù, come accennato, ma anche in altri Stati andini e persino nel Cile centrale: qui, il clima è particolarmente mite, facendolo somigliare a quello mediterraneo. Questo fa presupporre che la coltivazione della pianta possa avvenire anche in alcune delle nostre regioni.

Il frutto di lucuma matura a distanza di 9 mesi dalla fertilizzazione dei fiori. Ha una forma oblunga, con un apice conico arrotondato. La pelle è di colore verde brillante all’inizio, per poi virare al marrone in corso di maturazione. La polpa, molto dolce, è di colore giallo/arancio. Il frutto può arrivare a pesare 200 grammi, con una lunghezza di circa 15 centimetri.

Lucuma: proprietà e benefici

La Lucuma è ricca di fibre, carboidrati e betacarotene. Ha un buon contenuto di vitamine del gruppo B, soprattutto B1, B2, B3 e B5. Vi troviamo anche importanti Sali minerali come potassio, ferro, calcio, fosforo e niacina.

Come abbiamo detto, la sua particolarità è che, malgrado il sapore molto dolce, ha un indice glicemico basso. Non contiene glutine, ed è quindi adatto anche ai celiaci. Il suo elevato contenuto di fibre favorisce inoltre il benessere dell’apparato gastrointestinale. Il calcio, infine, aiuta a rinforzare le ossa.

Secondo uno studio effettuato in New Jersey, il frutto avrebbe anche proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti, rendendolo utile per prevenire l’invecchiamento della pelle e favorire la cicatrizzazione delle ferite.

tls

Lucuma: la ricetta per il cioccolato peruviano

Loading...

Generalmente, nei Paesi dove la lucuma non è prodotta direttamente viene impiegata la polvere derivante dal frutto essiccato. Occhio a quando scegliamo la polvere del frutto tra i prodotti in commercio! Dobbiamo infatti stare attenti, se vogliamo mantenere intatte tutte le proprietà del frutto, a scegliere una confezione che derivi da agricoltura biologica, che non abbia subito processi chimici e sia senza conservanti/additivi. Meglio poi se durante la lavorazione la polvere non subisce trattamenti a temperature più elevate dei 42 gradi centigradi.

Una volta scelto l’ingrediente migliore, passiamo alla ricetta per il cioccolato peruviano (che ci ha ispirato Cibo Crudo). Vediamo innanzitutto cosa ci occorre:

  • Mezza tazza di burro di cocco
  • Mezza tazza di olio di cocco
  • Mezza tazza di polvere di cacao
  • 1 tazzina di Lucuma in polvere

Passiamo ora alla preparazione. In un pentolino, mettiamo a riscaldare un po’ d’acqua, senza raggiungere l’ebollizione. Qui grattugeremo il burro, lasciandolo a bagnomaria finché non si scioglie completamente. Avendo cura di mescolare continuamente, aggiungiamo via via tutti gli altri ingredienti. Occhio a non far formare grumi!




Dopo che il composto è diventato completamente omogeneo, versiamolo in una teglia. Ultimo passaggio: in freezer per almeno 30 minuti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.