macelleria vegana

A Londra nasce la prima macelleria vegana: boom di ordinazioni e negozio online sold out

In occasione della Giornata mondiale del vegano lo scorso 1 novembre, la prima macelleria vegana permanente del Regno Unito ha aperto a Londra ed è stata completamente esaurita. Inondato da 100 ordini online nei primi 10 minuti, il negozio fisico ha anche attirato lunghe file di consumatori per strada.

Sebbene sia allestito in modo molto simile a una macelleria tradizionale con pareti di piastrelle bianche e casse di carne, il Rudy’s Vegan Butcher offre agli avventori selezioni completamente prive di carne e latticini, tra cui prodotti a base vegetale , pollo seitan, polpette di ‘soysage’ e Involtini di tacchino di Natale. I sostituti sono a base di seitan proteico di soia e frumento che imita l’esperienza della carne.

“È tutto progettato per emulare la carne. Ha un sapore come la carne, ha una consistenza simile alla carne”, ha detto lo chef vegano veterano e co-fondatore di Rudy Matthew J. Foster, ha riferito a Fox News.

Una sezione del primo ristorante vegano

Spinto dalla crudeltà sugli animali a cui ha assistito come chef professionista, Foster e la sua compagna di lavoro e di vita Ruth (Rudy) hanno aperto la macelleria non tradizionale come estensione del loro famoso ristorante, Rudy’s Dirty Vegan Diner. Quest’ultimo è stato lanciato nell’aprile 2018 come il primo ristorante vegano di Londra, secondo quanto riportato da Camden New Journal.

“Non sembrava più giusto”, ha detto Foster al notiziario. “Possiamo sopravvivere e prosperare molto meglio con una dieta a base vegetale“.

Il ristorante diventa un mix tra il veloce e popolare fast food americano e il ristorante a base di piatti vegetali. Ora, la macelleria amplia la propria visione e le proprie offerte, così come i kit fai-da-te per la casa per i pasti preferiti di Rudy. Per ogni kit fai da te acquistato, Rudy dona £ 1 (circa un dollaro) a Friend Farm Animal Sanctuary.

Piatti cruelty-free e gustosi

La macelleria senza carne fornirà anche cibi pronti come chili non carne, insalata vegana ‘lobstah’ e salse di formaggio senza latticini.

Oltre ad essere cruelty-free per gli animali, una dieta vegana è stata anche pubblicizzata come uno dei modi più efficaci con cui le persone possono ridurre la loro impronta di carbonio . La produzione globale di carne, in particolare manzo e agnello, richiede un’elevata quantità di emissioni di carbonio e sollecita le risorse naturali, qualcosa che le alternative senza carne possono in gran parte evitare, ha riportato il New York Times .

“Stiamo distruggendo il pianeta per le nostre papille gustative”, ha avvertito Foster, ha riferito Camden New Journal.

La crescita del movimento vegan

Il movimento veg del Regno Unito è in forte espansione, nonostante il fatto che solo l’1% della popolazione sia vegana. Le vendite di alimenti a base vegetale sono aumentate del 40% tra il 2014 e il 2019 a circa 1,05 miliardi di dollari all’anno nel Regno Unito, secondo le stime del rapporto. Si prevede che questa cifra supererà 1,41 miliardi di dollari entro il 2024.

A livello globale, l’ interesse per i prodotti a base vegetale e le opzioni proteiche alternative rispecchia quello del Regno Unito. La tendenza statunitense è stata sostenuta dalla carenza di carne nei negozi di alimentari , a causa della chiusura degli stabilimenti di carne durante la pandemia.

“Molti consumatori percepiscono che gli alimenti a base vegetale sono un’opzione più salutare, e questa nozione è il fattore chiave alla base della riduzione del consumo di carne negli ultimi anni”, ha confermato la specialista su food & beverage Kate Vlietstra.


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.