Home Mondo Veg 8 milioni di morti in meno grazie alla dieta vegana

8 milioni di morti in meno grazie alla dieta vegana

552
0
CONDIVIDI

Ecco perché, secondo gli scienziati, la dieta vegana potrebbe salvare più di 8 milioni di persone dalla morte, entro il 2050.

Modificando le nostre abitudini alimentari e adottando una dieta vegana, entro il 2050, potrebbero salvarsi da decessi prematuri ben 8,1 milioni di persone.

A elaborare questa stima, uno studio della Oxford University pubblicato sui Pnas, che calcola anche i risparmi in termini economici che si otterrebbero, se un maggior numero di persone decidesse di eliminare dalla propria dieta non solo carne e pesce, ma anche i derivati di origine animale.

Dopo la notizia dell’inserimento delle carni rosse nel gruppo 1 delle sostanze che causano il cancro, a opera dello IARC (International Agency for Research on Cancer), questa notizia aggiunge un altro punto a favore di chi ha scelto la strada verso il cruelty-free nelle proprie abitudini alimentari.

Per arrivare alla loro conclusione, i ricercatori hanno tracciato quattro diversi scenari alimentari: uno in cui rimangono invariate le attuali abitudini alimentari, uno in cui si limita il consumo di carne a 300 grammi a settimana, aumentando invece quello di frutta e verdura, uno esclusivamente vegetariano e uno vegano.

Secondo le stime effettuate, i benefici migliori in termini di salute sarebbero raggiunti da uno stile di vita vegano. Nello specifico, 8,1 milioni di vite salvate grazie a un minor numero di malattie cardiovascolari, ma anche tumori e patologie legate all’obesità.

Segue la dieta vegetariana, con 7,4 milioni di morti in meno.




Anche un cambiamento meno radicale, che limiti il consumo di carni rosse a 300 grammi alla settimana, potrebbe avere un impatto di rilievo sulla salute delle persone, evitando circa 5 milioni di morti.

Vegetariani e vegani avrebbero anche il migliore impatto sull’ambiente, riducendo le emissioni del 63% nel primo caso e del 70% nel secondo. La dieta “moderata carnivora”, invece, apporterebbe una riduzione delle emissioni del solo 30%.

Secondo gli esperti, la dieta vegana potrebbe avere notevoli benefici economici anche per i sistemi sanitari: dai 700 ai mille miliardi di dollari l’anno in meno. Più persone sane ci sono, minori sono le spese sanitarie.

Per gli autori dello studio: “Le diete sbilanciate, con un consumo eccessivo di carne, sono responsabili del maggior peso globale in termini di perdita di salute. Allo stesso tempo il sistema alimentare è responsabile di più di un quarto delle emissioni, ed è una delle forze principali che spingono i cambiamenti climatici“.

Qualche tempo fa abbiamo raccontato inoltre la storia di una mamma che ha curato la propria figlia da una grave forma di eczema, attraverso una dieta a base di frutta e verdura crude. Se volete approfondire l’argomento, potete farlo al link.

(Foto: Meal Makeover Moms)