Home Alimentazione Biologica Memoria e apprendimento: potenziali con questi frullati

Memoria e apprendimento: potenziali con questi frullati

718
0
CONDIVIDI

Frutta e verdura sono alimenti essenziali per la salute del nostro cervello, anche quello dei nostri bambini.

Frullati e centrifugati colorati e sani possono essere un modo per invogliare i bambini a consumare il giusto mix di nutrienti, utili ad affrontare gli impegni quotidiani e ad aiutarli nello svolgimento delle loro attività. Soprattutto le attività che richiedono concentrazione.

Un buon funzionamento neuronale parte anche e soprattutto dal giusto nutrimento.

Le ricette di frullati e centrifugati possono essere veramente infinite. Oggi, ve ne proponiamo tre che possono stimolare la memoria e la concentrazione.

Centrifugati o frullati?

Prima di vedere da vicino le nostre ricette, però, cerchiamo di risolvere un piccolo dubbio. Centrifugati e frullati sono diversi tra di loro. Entrambi utili per fare il pieno di energia e assimilare i nutrienti essenziali, potrebbero essere alternati in base ai diversi momenti della giornata.

Secondo Riza, ad esempio, il centrifugato andrebbe consumato a colazione. Nel processo di preparazione, le fibre vengono scartate, questo facilita il processo digestivo del composto, rendendo quasi immediato l’assorbimento delle sostante nutritive. La carica energetica quindi è immediatamente disponibile, ecco perché il centrifugato potrebbe essere la soluzione giusta per iniziare al meglio la giornata.

Attenzione però, perché lo zucchero della frutta viene assorbito velocemente, innalzando l’indice glicemico con una conseguente sensazione di fame. Per questo, nel mix, è meglio utilizzare frutta e verdura non troppo zuccherate.

Il frullato, invece, mantiene le fibre dei suoi ingredienti ed è inoltre arricchito col latte (anche vegetale). Questo rende il composto più equilibrato e nutriente. Assorbito più lentamente, è un ottimo antifame adatto appunto alla merenda.

Ma veniamo adesso alle nostre combinazioni.




Mele, carote e mandorle per ricaricarsi di energia e aiutare il cervello

Le vitamine e le fibre contenute nelle mele, i minerali delle carote e delle mandorle sono un toccasana per le attività del cervello, ricaricano di energia e forniscono un eccellente nutrimento.

Per questo frullato vi serviranno:

  • 2 mele
  • 3 carote
  • 3 mandorle
  • 1 bicchiere di latte scremato (anche vegetale)

Lavate bene la frutta, private le mandorle della buccia e mettete tutto nel frullatore. Il composto va consumato subito.

Frullato di cocco e banana

Questa ricetta è particolarmente adatta a favorire l’apprendimento e la memoria, grazie soprattutto al quantitativo di minerali presenti nei suoi ingredienti che sono:

  • 1 bicchiere di latte
  • 3 mandorle
  • mezza banana matura
  • una piccola parte di cocco tagliato in piccoli pezzi e senza buccia

Sbucciate la banana, il cocco e le mandorle. Nel frullatore andrete a inserire prima la banana e il cocco. Frullate e aggiungete il latte e le mandorle. Frullate di nuovo e servite subito.

Per aiutare il cervello dopo una giornata faticosa

Ecco la ricetta di un frullato che aiuta la mente dopo una giornata faticosa. Serviranno:

  • una tazza di mirtilli freschi,
  • una banana piccola
  • 1 cucchiaino di olio di semi di lino.

Frullate tutto e bevete subito.

Altri utili abbinamenti per centrifughe e frullati:

  • anguria e yogurt per reidratarsi e proteggere la pelle dai raggi UV
  • banana e succo d’arancia per fare il carico di potassio e vitamina B6
  • frutti di bosco per la vitamina C
  • fragole e fragoline di bosco che forniscono vitamina C per assorbire il ferro
  • kiwi, pera, mela e albicocca per avere più vitamina C, potassio e ferro
  • pesca, prugne e cacao: è più gustoso e ci aiuta ad assimilare vitamine e fosforo, potassio e magnesio

Ricordate, comunque, che accanto agli alimenti che fanno bene al cervello, ce ne sono tanti altri che rallentano le attività cognitive e accelerano il processo di declino cognitivo. Trovate un elenco dei cibi da evitare a questo link: http://ambientebio.it/i-cibi-che-fanno-male-al-cervello/

(Foto: Pamela Bates)