Home Alimentazione Biologica Salicornia glauca o asparago di mare

Salicornia glauca o asparago di mare

7702
0
CONDIVIDI
salicornia

L’habitus della salicornia glauca, nome comune asparago di mare, è molto simile a quello delle sue congeneri e di altre Chenopodiaceae alofite che si insediano nello stesso ambiente.

La salicornia si confonde facilmente con l’Arthrocnemum fruticosum, da cui differisce per pochi caratteri e con il quale è spesso associata.

La pianta ha un portamento cespitoso, formante un cespuglio fittamente e irregolarmente ramificato fin dalla base. L’altezza, in genere di pochi decimetri, può raggiungere anche gli 80-100 cm. I rami sono articolati, lignificati, di consistenza erbacea e carnosa nelle porzioni terminali, con articoli lunghi circa 1 cm. I rami sterili sono generalmente più lunghi di quelli fertili.

Durante la piena attività vegetativa, in inverno e primavera, la pianta ha una colorazione verde glauca (da cui il nome), mentre in estate e in autunno ha una colorazione con tinte rossastre.
Questa perenne erbacea, di colore verde glauco (in autunno di colore rosso),è ramificata in numerosi rami legnosi alla base e superiormente carnosi formati da una serie di articoli cilindrici lunghi alcuni millimetri.

Le foglie assai ridotte, carnose e cilindriche come il fusto, opposte, sono fuse assieme a formare un articolo avvolgente il fusto. I fiori assai modesti e poco visibili sono disposti a tre a tre con quello centrale più grande e sono disposti all’ascella di particolari foglie e sembrano collocati in piccole nicchie. La fioritura avviene normalmente in luglio-agosto. Fiori ermafroditi, impollinati dal vento.Il frutto è leggermente allungato, di colore nero e lucente, completamente avvolto dal perianzio, che diventa carnoso.

Predomina nelle zone palustri, più ricche di sale, capace di sopravvivere a lunghi periodi di siccità. La Salicornia ha aspetto carnoso simile ad una pianta grassa. Essa forma bassi e intrigati cespugli che si estendono sulle rive e sugli isolotti creando un’ ambiente particolare: il salicornieto.

La salicornia, come dice il nome, contengono molti sali tra i quali quelli di iodio e di bromo: per questo i loro succhi avrebbero le proprietà di fornire iodio agli ipotiroidei e di avere un effetto calmante. Contengono vitamina C e la loro attività antiscorbutica era conosciuta dai Vichinghi che le portavano con loro nelle lunghe navigazioni.

Ricchi di ferro,magnesio,potassio e calcio,gli asparagi di mare sono anche indicati per le loro proprietà depurative, rinfrescanti e antiscorbutiche. Vengono solitamente bolliti e semplicemente conditi con olio di oliva, sale e limone.  L’asparago di mare si usa mettere anche sott’olio e se lo fate scottare lo potete poi anche congelare magari e poi farla fritta.

Squisita ricetta di Spaghetti con Salicornia

Ingredienti 
4 hg di asparagi di mare

pomodorini 
200 g. spaghetti integrali
3 spicchi di aglio 
olio 

Sciacquare gli asparagi di mare, rimuovere il rametto centrale più legnoso. Utilizzare solo le parti esterne tenere. Lessare a vapore , senza aggiunta di sale, gli asparagi di mare per 5 minuti. Non buttare l’acqua. Fare  soffriggere leggermente l’aglio tritato, aggiungere i pomodorini e dopo una decina di minuti gli asparagi. Fare saltare. Cuocete nell’acqua della bollitura gli spaghetti. Scolate condite nel piatto di portata guarnendo con fette di limone.