Home Alimentazione Biologica Ganoderma: proprietà usi e controindicazioni del fungo dell’immortalità

Ganoderma: proprietà usi e controindicazioni del fungo dell’immortalità

1772
0
CONDIVIDI

Proprietà, usi e controindicazioni del Ganoderma Lucidum, il fungo dalle proprietà miracolose che combatte dolori, allergie, potenzia il sistema immunitario e rende più forti.

Il Ganoderma Lucidum,chiamato anche Reishi, è un fungo a cui vengono attribuite proprietà miracolose. Utilizzato da millenni nella medicina tradizionale giapponese e cinese, è impiegato nella cura di diverse problematiche.

I suoi benefici sono vari e sembra che la medicina cinese ricorra al Ganoderma per curare decine di patologie. Tra le proprietà più conosciute troviamo quelle stimolanti, cardiotoniche, rinforzanti del sistema immunitario, tonificanti. Il Ganoderma è adoperato anche come antistaminico naturale in caso di allergie e per le problematiche che riguardano le vie aeree superiori.

Non solo: i suoi benefici garantiscono una migliore ossigenazione del sangue e supportano l’organismo nella battaglia contro i radicali liberi.

Si tratta di un fungo parassita tipico degli alberi di quercia e castagno. Il fungo non è immediatamente commestibile, a causa del suo gusto amaro e della sua consistenza legnosa. Il modo migliore per assumerlo è sottoforma di polvere essiccata, adoperata nella preparazione di infusi, decotti, ma anche compresse.

I suoi poteri sono da attribuire principalmente ai polisaccaridi in esso contenuti, che stimolano il sistema immunitario, e ai peptidi Lz-8, che regolano la pressione sanguigna e riducono il colesterolo.

I triterpeni sono i componenti più importanti del Ganoderma e più è alta la concentrazione più il prodotto è valido. Si ritiene che queste molecole posseggano importanti proprietà di bioattività, come antiossidazione, epatoprotezione, anti-ipertensione, riduzione del colesterolo e che siano degli anti-aggreganti piastrinici. Ci sono studi che riferiscono della loro capacità di contrastare/rallentare la proliferazione di metastasi.

Il Ganoderma, come abbiamo accennato, è utile anche a contrastare la produzione di istamina, in caso di blande reazioni allergiche.




Ottimo contro le infiammazioni, riduce dolore e gonfiore, accelerando il processo di guarigione. Ha un effetto benefico anche da un punto di vista psicologico, visto che riduce la stanchezza, aiuta a rilassarsi, a combattere lo stress ed è considerato alla stregua di un antidepressivo. Inoltre, secondo una recente ricerca scientifica, potrebbe aiutare a rallentare l’accumulo di grassi, prevenendo l’obesità.

A livello nutrizionale, il Ganoderma contiene principalmente proteine, grassi, carboidrati, minerali e fibre.

Lo scrigno in cui è contenuta la maggior parte dei suoi principi attivi sono le spore. Da esse si può ottenere un estratto, il Reishi Elisir, uno dei prodotti più potenti e ricchi ottenuti dal Ganoderma.

Per la realizzazione dell’estratto di spore, il fungo viene fatto crescere seguendo tutti i criteri della coltivazione biologica. L’acqua utilizzata per l’irrigazione viene prelevata a una profondità di 80 metri dal sottosuolo. La coltivazione non produce deforestazione e avviene in luoghi incontaminati che garantiscono la sicurezza e la qualità del prodotto finale.

In generale, non sono attribuite particolari controindicazioni all’utilizzo di Ganoderma, considerato infatti un prodotto innocuo e valido.

Diverso è il caso di pazienti immunodepressi e/o sottoposti a trapianto di organi che dovranno assolutamente confrontarsi con un medico prima dell’assunzione di qualsiasi rimedio a base di ganoderma. A scopo precauzionale è sconsigliata la somministrazione anche a donne in gravidanza e durante l’allattamento e ai bambini al di sotto dei tre anni.

Altre informazioni sul Ganoderma Lucidum e sul suo estratto le trovate qui.