Home Alimentazione Biologica Cosa il colore delle urine può dirci sulla nostra salute

Cosa il colore delle urine può dirci sulla nostra salute

5438
0
CONDIVIDI

Quando c’è qualcosa che non va, il nostro corpo cerca di farcelo capire attraverso alcuni segnali. Abbiamo visto, ad esempio, come interpretare i segnali mandati dalle nostre unghie. Oggi vedremo invece cosa ci vogliono comunicare le nostre urine.

Riuscire a interpretare il colore può essere un modo per carpire informazioni importanti sulla salute dei nostri organi interni. Questo non significa che se si nota qualche cambiamento bisogna subito allarmarsi. L’importante è non ignorarlo.

Il colore

Quando si cerca di decodificare il colore delle urine, la prima cosa da considerare è il livello di idratazione del corpo. Molto spesso, infatti, i cambiamenti di colore dipendono da quanto si beve. Altre cose che possono determinare una variazione di colore in modo più o meno naturale sono il cibo che ingeriamo e i farmaci che assumiamo. Queste sono alcune cose da tenere sempre bene in mente, se notiamo delle variazioni nelle nostre urine.

colore urine

Vediamo adesso da cos’altro può dipendere il colore delle nostre urine.

  • In genere delle urine trasparenti indicano che il nostro corpo è bene idratato. Tuttavia, in alcuni casi, un’urina molto chiara potrebbe essere un sintomo premonitore di diabete. Soprattutto se accompagnato a sete costante e frequente minzione.
  • Colore ambrato. È il colore di un’urina sana. Quando questo colore diventa più scuro, potrebbe essere un segnale che indica la necessità di bere un po’ di più. Un tipo di urina di colore più intenso in genere è accompagnato anche a un odore forte. Esistono comunque alcuni alimenti che possono scurire il colore delle vostre urine, come le barbabietole.
  • Se il colore delle urine inizia a diventare molto scuro, tendente al marrone, le feci sono molto chiare e la pelle e gli occhi sono tendenti al giallo, potrebbe essere presente una malattia al fegato.
  • Tendenti al rosso. Il rosso è il colore in genere considerato più allarmante. Certo, questo colore potrebbe anche derivare da alcuni cibi e sostanze ingerite, ma se persiste è necessario confrontarsi con uno specialista. Gli alimenti che danno questa tonalità insolita sono le barbabietole, le more e il rabarbaro. Se non viene dal cibo, il colore rosso potrebbe indicare la presenza di sangue nelle urine, causato da diverse ragioni: infezioni del tratto urinario, calcoli, alcuni tipi di cancro, infiammazioni della vescica, ipertrofia prostatica, malattie renali. In alcuni casi, il colore potrebbe essere accompagnato da dolore e difficoltà a urinare.
  • Questo è un colore decisamente insolito, ma che in genere è collegato al consumo di alcuni cibi o all’assunzione di alcuni farmaci. C’è anche una rara condizione nota come porfiria – condizione enzimatica ereditaria – che può rendere l’urina blu o viola.
  • Anche in questo caso, le ragioni più probabili che portano a un colore dell’urina verde sono collegate ai cibi, come gli asparagi, la liquirizia nera o cibi che contengono forti coloranti non assorbiti dall’intestino. Anche alcuni farmaci possono rendere il colore delle urine verde. In alcuni casi però, il verde potrebbe ricollegarsi alla presenza di pus e quindi potrebbe trattarsi di infezioni urinarie.


Se le urine appaiono “torbide” e sono accompagnate da un bisogno impellente di urinare, dolore durante la minzione, dolore addominale e cattivo odore, potrebbero essere segno di un’infezione delle vie urinarie. Se gli stessi sintomi sono invece uniti a urine di colore rosso, potrebbero indicare la presenza di problemi alla prostata. Urine scure e pelle e occhi giallognoli, invece, potrebbero indicare la presenza di problemi al fegato.

In genere, variazioni del colore delle urine collegate alla presenza di altre problematiche sono accompagnate anche dalla presenza di altri disturbi o sintomi.

Urine schiumose

Questa caratteristica potrebbe ricollegarsi alla presenza di proteine nelle urine, un fenomeno che può essere causato da fattori momentanei, non preoccupanti, ma anche da disturbi sottostanti come problemi renali o diabete. Una piccola quantità di proteine nelle urine è considerata normale, un contenuto elevato no. In casi del genere, infatti, meglio rivolgersi a uno specialista per evitare possibili complicazioni.

(Foto in evidenza: wisegeek ; foto interna: howlongdoesweedstayinyoursystemforaurinetest)