Home Alimentazione Biologica Combinazioni alimentari: come aumentare la biodisponibilità dei nutrienti

Combinazioni alimentari: come aumentare la biodisponibilità dei nutrienti

2708
1
CONDIVIDI

Combinazioni alimentari: alcuni esempi su come associare gli alimenti per aumentare la biodisponibilità dei nutrienti nel corpo.

Ormai dovremmo averlo imparato: non tutti i cibi stanno bene insieme, esistono infatti diverse combinazioni alimentari che andrebbero assolutamente evitate. Ad esempio? Carboidrati e cibi acidi e proteine e amidi.  Associazioni errate possono affaticare la nostra digestione, portando gli enzimi a ostacolarsi a vicenda.

Ma le combinazioni alimentari non influenzano solo il modo in cui il nostro stomaco lavora, causando gonfiore addominale e pesantezza; l’abbinamento di alcuni ingredienti può anche aumentare o diminuire la biodisponibilità dei nutrienti, come ad esempio avviene con curcuma e pepe.

Vediamo alcuni esempi.

CATTIVE COMBINAZIONI ALIMENTARI

Fagioli e vino rosso

Questi due alimenti non dovrebbero andare insieme, soprattutto se il vostro corpo ha carenza di ferro. Il motivo? I tannini presenti all’interno del vino possono inibire l’assorbimento del minerale. Quindi, se consumate i legumi, o altri cibi vegetali come le verdure a foglia verde, per fare il carico di ferro, evitate di associare bevande o altri elementi che contengono tannini.

Spinaci e prodotti lattiero-caseari

Gli ossalati presenti negli spinaci, ma anche nelle bietole, nei cavoli e nel prezzemolo, impediscono l’assorbimento di calcio contenuto nei formaggi.




Noci e tofu

L’acido fitico ostacola l’assorbimento di alcuni minerali, tra cui proprio il ferro. Per chi segue una dieta vegetariana o vegana, dunque, è meglio non associare alimenti che contengono queste sostanze, come noci e cereali integrali, in grado di bloccare l’assimilazione del ferro presente nel tofu o in altri prodotti a base di soia.

BUONE COMBINAZIONI ALIMENTARI

Extra-Vergine di Oliva e Pomodori

I pomodori contengono licopene, un antiossidante liposolubile che può aiutare a ridurre il rischio di cancro e le malattie cardiovascolari. Associare l’olio ai pomodori può favorire l’assorbimento del licopene.

Avocado e insalata verde

La vitamina K, presente in molte verdure a foglia verde, è essenziale per il nostro organismo, sia per il ruolo che svolge nella coagulazione del sangue, che per la salute delle ossa. È una vitamina liposolubile, quindi sono necessari dei grassi per assorbirla. Un modo molto semplice e salutare per farlo è aggiungere alle nostre insalate dell’avocado e dell’olio come condimento.

Fagioli e peperoni

Se volete migliorare l’assorbimento del ferro nel vostro organismo, la cosa importantissima da fare è aggiungere vitamina C. Soprattutto se seguite una dieta vegetariana. Quindi, iniziate a spruzzare del limone su spinaci, cavolo o rucola o unire i peperoni ai fagioli, magari sperimentando nuovi piatti!

(Foto)




1 COMMENTO

  1. Molto utile questo articolo. Dovrò segnarmi tutti questi abbinamenti giusti o sbagliati da qualche parte non è facile ricordarli tutti!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here