vino biodinamico

Vino biodinamico in California: i viticoltori della Concannon Winery stabiliscono il nuovo standard di sostenibilità

La sostenibilità ormai è imprescindibile per molti consumatori

Sebbene il consumo di vino abbia guadagnato popolarità, soprattutto durante la pandemia, un numero crescente di consumatori è alla ricerca non solo delle espressioni di massima qualità dei loro vitigni preferiti. Molti di loro vogliono anche sapere esattamente cosa sta succedendo nelle bottiglie, al di là del vino.

Il “biodinamico” è ormai diventato un punto di forza delle cantine di tutto il mondo, così come i riconoscimenti dei concorsi enologici e le varietà pregiate. Diverse cantine della California settentrionale, tuttavia, stanno aprendo al pubblico una finestra sul mondo della produzione biodinamica, mostrando loro come hanno perseguito la sostenibilità ottimale nella produzione di vino per anni, o addirittura decenni. Per Concannon Winery e McManis nella Livermore Valley la produzione di vino sostenibile è il sancta sanctorum dell’attività vitivinicola.

Il concetto di biodinamicità e sostenibilità nel mercato vitivinicolo

Ogni azienda vinicola definisce la produzione di vino sostenibile in modo diverso, ma alcuni proprietari e produttori di vino non esitano a utilizzare le attuali condizioni di crescita e il riscaldamento globale per spiegare perché il termine “sostenibile” è tutt’altro che una furba scorciatoia per spingere le bottiglie nelle sale di degustazione, nei negozi di liquori e nelle vinerie.

La storia della sostenibilità di McManis Winery è così avvincente che attira seri appassionati di vino dal Canada e dalla Svezia, anche senza i giardini ben curati, le fantasiose sale di degustazione, i caffè e i negozi di articoli da regalo presenti in altre cantine. Justin McManis (parte della quinta generazione della dinastia di questa famiglia di viticoltori) e l’enologo Michael Robustelli sanno bene quel che dicono e hanno le idee più che chiare riguardo alla produzione di vino sostenibile.

La chiave di volta della viticoltura sostenibile e biodinamica

“Abbiamo iniziato il nostro viaggio verso la certificazione sostenibile al 100% nel 2008, e quando abbiamo certificato il nostro primo vigneto, ci siamo subito resi conto che non dovevamo cambiare così tanto le nostre pratiche agricole”, sottolinea Robustelli. “Ha convalidato ciò che stavamo già facendo: implementare l’energia solare, riciclare tutta la nostra acqua di risciacquo in modo che nulla venga sprecato, utilizzare colture di copertura permanenti e osservare la biodiversità all’interno dei vigneti”.

Justin McManis aggiunge che le Regole di Lodi (uno dei più vecchi programmi di coltivazione di vigneti sostenibili nello stato della California, istituito nel 2005) hanno dato vita ad altri programmi di sostenibilità, come la California Sustainable Wine Growing Alliance o CSWA. Mentre McManis è ora ufficialmente certificato tramite CSWA, che richiede alle aziende vinicole certificate di impegnarsi in continui miglioramenti delle loro proprietà, le 120 pratiche agricole standard delle Regole di Lodi per aiutare gli agricoltori a gestire in modo sostenibile i loro vigneti rimangono sempre punti di riferimento altrettanto importanti.

La storia della Concannon Vinery

“Abbiamo iniziato a concentrarci un po’ di più sull’agricoltura quotidiana e a cercare di coltivare un prodotto di qualità migliore”, continua Robustelli. “La sostenibilità va oltre l’agricoltura. C’è il lato delle risorse umane della sostenibilità, così come il lato economico, e tutti devono coesistere affinché l’intera opera sia sostenibile”.

Lungo la strada a Concannon, la prima cosa che i visitatori notano è un muro, una “linea temporale” che inizia nel 1883, rivelando che questa è la più antica azienda vinicola d’America ad essere rimasta in funzione dalla sua nascita fino ad oggi. La sua reputazione di produttrice di vino di qualità è radicata nei suoi venerati “Cloni di Cabernet” (7, 8 e 11) che sono nati da un’unica “Vite madre” che il fondatore John Concannon ha portato in California da Chateaux Margaux in Francia.

Mentre l’enologo James Foster utilizza la cronologia come punto di partenza per una discussione sui vini più prestigiosi di Concannon, fornisce anche un quadro sul perché la sostenibilità abbia effettivamente un senso.

Sebbene l’identità di Concannon come azienda vinicola californiana sostenibile designata non risalga al 1883, Foster sottolinea che lo stabilimento è stato uno dei primi pionieri dello stato e della nazione nella vinificazione sostenibile.

Sostenibilità nella produzione di vino biodinamico equivale a successo

“Il nostro successo non riguarda solo i metodi con cui coltiviamo le nostre uve, manteniamo i nostri vigneti e proteggiamo l’ambiente”, afferma Foster. “Abbiamo sempre guardato al quadro più ampio della gestione ambientale, a ciò che avrebbe avuto un impatto positivo sugli altri produttori di vino. In effetti, bisogna andare oltre l’essere un buon vicino di altri coltivatori e produttori, impegnarsi in attività filantropiche nella nostra comunità e creare un ambiente di lavoro esemplare per i nostri dipendenti è molto più importante. Sebbene siamo stati a lungo forti sostenitori dell’agricoltura sostenibile, Concannon ha partecipato attivamente allo sviluppo del Codice delle pratiche di coltivazione della vite sostenibili del Wine Institute (o CSWA) nel 2009″.

Concannon è stata una delle 17 aziende vinicole della California che hanno partecipato al CSWA Certified Pilot Program per testare l’efficacia dei requisiti di certificazione e offrire feedback per l’introduzione di un programma di certificazione in tutto lo stato e una serie di standard sostenibili per tutte le aziende vinicole della California attraverso la verifica di terze parti. Foster conclude la sua lezione di storia osservando che, nel gennaio 2010, Concannon è stata una delle 13 prime aziende vinicole a ricevere questa rigorosa certificazione, a dimostrazione che “l’impegno a rafforzare le pratiche di conservazione esistenti e gli standard aziendali ha dato i suoi frutti. “

Leggi anche:

Vino biodinamico, biologico, naturale o libero?Guida ai vini “green”

Vino bio: selezione di vini biologici provati e scelti per voi

Vino: negli USA una startup inventa quello sintetico e senza uva

vino biodinamico


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto