triticale proprietà in campo

Triticale, incrocio virtuoso tra grano e segale: cos’è e perchè dovresti mangiarlo

Il Triticale è un membro particolare della famiglia dei cereali. Il suo nome volgare era tricticale , cioè un incrocio tra il grano (latino triti cum ) e la segale (latino se cale ). Mettili insieme e ottieni triti + cale = triticale!

L’incrocio è stato fatto usando grano maschile e segale femmina. Entrambi sono cereali contenenti glutine, anche se decisamente più bassi in questa proteina vegetale rispetto al grano moderno mutato dalle radiazioni.

La storia del triticale

Nel 1875 il botanico scozzese Steven Wilson illustrò  i risultati del suo incrocio tra il frumento e la segale, due piante che appartengono non soltanto a specie ma anche a generi diversi. Wilson era riuscito per la prima volta a ottenere piante con caratteristiche intermedie tra quelle dei due progenitori.

Il primo incrocio fertile tra il frumento tenero e la segale fu ottenuto qualche anno dopo, nel 1888, dall’agronomo tedesco Wilhelm Rimpau. All’epoca Rimpau non si rese conto dell’importanza storica dell’evento: aveva assistito alla creazione di una nuova specie che non esisteva prima in natura. La piantina del tedesco però era soltanto parzialmente fertile: produsse quindici semi, di cui soltanto dodici riuscirono a germinare.

A fronte d questo episodio, negli anni a seguire vi furono molti tentativi di produrre un incrocio fertile tra il frumento e la segale che avesse le migliori caratteristiche di entrambi i genitori.  Si raggiunse il successo, provando a incrociare la segale con il grano duro anziché quello tenero, quando nel 1937 si scoprì che la colchicina, una sostanza prodotta dal fiore Colchicum autumnale, era in grado di trasformare i semi sterili del triticale in semi fertili.

colchicum triticale
Senza la sostanza prodotta dal Colchicum autunnale, probabilmente non si avrebbe avuto la possibilità di creare il Triticale.

Perchè creare un incrocio tra più specie

Le ragioni per creare un ibrido di grano e segale sono simili al motivo per cui gli esseri umani ibridizzano altre piante. Gli ibridi tendono ad aumentare la resistenza e / o a migliorare la resa.

Il grano ha una serie di inconvenienti, come la scarsa resistenza alle malattie e la preferenza per i terreni molto particolari. La segale si adatta a terreni e condizioni più varie e ha un’eccellente resistenza alle malattie. Tuttavia, i raccolti di segale sono di gran lunga inferiori rispetto al grano, quindi i coltivatori di piante consideravano i due grani una perfetta combinazione.

Come vedremo in seguito, i grani di alcune famiglie di piante – specialmente segale, frumento e orzo – sono strettamente correlati. Così, hanno scambiato informazioni genetiche per generazioni per creare molti dei grani tradizionali che apprezziamo oggi!

Usi del triticale

Il triticale non viene generalmente coltivato o utilizzato come coltura commerciale per la produzione alimentare umana. Piuttosto, serve da foraggio per numerose specie animali in tutto il mondo.

Solo di recente le persone hanno iniziato a usarlo e considerandolo un possibile raccolto per creazione di prodotti destinati ad uso umano. Dal momento che molte culture in tutto il mondo dipendono dai cereali come principale fonte di calorie, potrebbe un giorno dimostrarsi un’importante coltura per sfamare grandi numeri di popolazione.

Potremmo trovarlo nei negozi di alimenti naturali o con etichette alimentari limitate. In genere viene venduto come triticale arrotolato per la produzione di porridge. In alternativa, i suoi semi vengono venduti in sacchetti come qualsiasi altro grano da germogliare o da macinare in farina per fare pane, panini e altri prodotti da forno.

Triticale pane
Il triticale in uno dei suoi migliori utilizzi. Fare un pane scuro con semi e cereali, più digeribile del pane bianco fatto con farine raffinate.

Proprietà organolettiche e benefici per la salute

La segale è un cereale “antico” che veniva mangiato dai nostri nonni: ed è più nutriente del grano. Alcuni studi indicano benefici per la salute specifici per la segale che il grano non offre. Una singola porzione di segale contiene molte sostanze nutritive come:

  • Fosforo: 64% del valore giornaliero (VG)
  • Potassio: 26% VG
  • Magnesio: 51% VG
  • Zinco: 43% VG
  • Ferro: 36% VG
  • Vitamina B6: 28% VG (ampiamente distrutta dalla cottura)
  • Tiamina: 27% VG
  • Niacina : 27% VG

Perché il grano è molto meno nutriente della segale?

Il problema deriva principalmente dal fatto che il grano soffre dell’enorme problema delle colture intensive. Questa situazione ha portato a riduzioni drastiche del suo profilo nutrizionale, mentre le moderne tecniche di coltivazione lasciano molto a desiderare.

Il triticale ha meno glutine rispetto al grano. Anche rispetto al grano monococco completamente non ibridato.

Inoltre, contiene di più dell’amminoacido essenziale lisina. Poiché è principalmente coltivato come foraggio per animali, il contenuto di lisina più elevato è particolarmente vantaggioso.

Si noti che il  foraggio differisce dai mangimi in termini di allevamento. Il foraggio è fatto da piante coltivate per gli animali che mangiano verde, mentre i mangimi di solito si riferiscono a cereali o materiali analoghi secchi e raccolti per il consumo animale.

Valori del triticale

Il triticale sembra avere alcuni dei benefici del grano e della segale miscelati insieme. Ha molte più proteine ​​della farina di segale, molto più folato della segale o di grano e molto più manganese di entrambi.

Poiché tutti questi grani sono disponibili in molte varietà,e se cerchi i dati su di essi, ti rendi conto che i nutrienti importanti in una porzione di triticale includono quanto segue:

  • Fosforo: 36% VG
  • Potassio: 7% VG
  • Magnesio: 32% VG
  • Zinco: 23% VG
  • Ferro: 14% VG
  • Calcio: 4% di valore giornaliero (VG)
  • Rame: 23% VG
  • Manganese: 160% VG

Studi e ricerche su Triticale

A differenza del grano e della segale, non c’è molta ricerca sul triticale. Gli studi sugli esseri umani fino ad oggi si concentrano principalmente sul contenuto di proteine, che viene mantenuto ad un grado elevato. Gli studi sugli animali indicano un alto grado di digeribilità.

Numerosi studi mostrano benefici per la segale, come la prevenzione dei calcoli biliari , la riduzione del rischio di diabete di tipo II e altro ancora.

Ma ciò non significa che il triticale abbia gli stessi benefici. Potrebbe avere simili, meno o anche più grandi, ma non lo sapremo fino a quando non ci sarà la ricerca.

Il triticale è un OGM?

La cosa importante da ricordare sul triticale è che si tratta di un chicco di cereale prodotto dall’uomo. Non è un prodotto di Madre Natura. Né è venuto attraverso l’ibridazione non tossica, assistita dall’uomo in un ambiente agricolo tradizionale.

Il triticale è un prodotto naturale del processo riproduttivo della pianta. Pur non essendo considerata una coltura geneticamente modificata, il triticale è sicuramente un precursore delle colture OGM di oggi.

LEGGI ANCHE:

Intolleranza al Glutine e sintomi della celiachia

In Maremma torna il grano antico ed il pane è più salutare

Celiachia: ha più di 10.000 anni il grano che aiuta a prevenirla

Grano Saraceno: Un alimento del passato

Il circolo vizioso del grano

frumento, grano, pane di triticale, triticale, triticale incrocio


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter