lavare il riso

Perché e quando lavare il riso

Alcuni consigli utili per gustare al meglio questo straordinario ingrediente

Ci sono ricette in cui il riso necessita di un lavaggio preventivo prima dell’uso; altre in cui questa pratica è altamente sconsigliata. Lavaggio sì o lavaggio no? Cerchiamo di capire come e soprattutto in che occasioni lavare il riso sotto l’acqua corrente, cercando di fare attenzione alle inevitabili eccezioni, che sono ormai radicate nella tradizione culinaria italiana.

Questa piccola e breve guida ha per protagonista un ingrediente davvero speciale: il riso.

Sono moltissime le varietà di questo cereale, diffuso e coltivato fin dall’antichità, colonna portante dell’alimentazione orientale, in primo luogo, ma non solo. Eppure, se non si conoscono bene le caratteristiche di ciascuna varietà, i tempi di cottura, i giusti utilizzi e gli abbinamenti, si rischia di commettere gravi errori anche nelle ricette più semplici. Tenete conto che molto spesso è semplicemente una questione di amido: l’amido di riso, infatti – legante naturale, rimedio contro l’acidità di stomaco – è l’elemento che permette di avere un risotto cremoso e “all’onda” oppure un’insalata fresca e non collosa.

E dall’amido di riso, principalmente, dipende la necessità di avere un lavaggio o meno del riso stesso, prima di iniziare a preparare la ricetta. Scopriamo perché.

Partiamo dalle basi: il riso e l’amido

Il chicco della pianta del riso (Oryza sativa) contiene circa l’85% di amido: una percentuale davvero molto alta. Ma c’è amido e amido così come c’è chicco e chicco: in particolare, l’amido del riso è costituito da due diversi tipi di polimeri di glucosio:

  • l’amilosio, un polimero di glucosio lineare, tipico delle varietà di riso a chicco lungo (riso fino o superfino) che è perfetto per le insalate e i piatti orientali: durante la cottura, infatti, tende a rimanere ben sodo, separato e non gelatinoso;
  • l’amilopectina, un polimero di glucosio ramificato: proprio grazie alla sua struttura, gelatinizza durante la cottura ed è tipico di quelle varietà di riso che risultano più collose e cremose e che vengono spesso utilizzate in risotti, minestre e dolci.

Cosa succede quando si sciacqua il riso?

Lavare il riso sotto l’acqua vuol dire privare il chicco della parte superficiale ricca di amido, eliminandone una buona parte. Ovviamente questa operazione è più adatta a quelle varietà di chicco che sono già in partenza povere di amido di tipo amilopectina, e che invece contengono amilosio. Lo scopo del lavaggio, infatti, è quello di accentuare le caratteristiche del chicco lungo, ottenendo in cottura un riso ben sgranato, staccato, morbido e leggero.

Il lavaggio invece non è molto efficace (e di sicuro è sconsigliato) con le tipologie di riso a chicco piccolo e tondo, ideale per risotti (ad esempio Carnaroli, Vialone nano, Roma, Baldo): non solo l’operazione risulterebbe lunga e complessa, perché queste varietà sono molto ricche di amido, ma vanificherebbe uno il principale pregio delle suddette tipologie di riso, ovvero la cremosità, le proprietà leganti e collose.

Come lavare il riso

Di sicuro non si tratta nel complesso di un’operazione difficile come pulire il pesce, e ognuno di noi almeno una volta l’avrà già fatto. Il nostro consiglio è di utilizzare un colino a maglie strette, posato sul bordo di una ciotola riempita d’acqua fredda. Versate il riso nel colino, immergendolo nell’acqua, e smuovetelo con le mani. Noterete subito che l’acqua diventerà immediatamente torbida, perdendo la sua trasparenza. Scolate il riso sollevando il colino dalla ciotola, lasciate sgocciolare l’acqua e svuotate la ciotola; riempitela con della nuova acqua pulita e ripetete l’operazione finché l’acqua non resterà pressocché limpida.

Quando lavare il riso

Arriviamo dunque al punto fondamentale: quando va lavato il riso? In base a quanto detto finora è facile intuire che il riso NON va mai lavato:

  • per cucinare risotti, altrimenti non avremo un risotto cremoso o “all’onda”, ma semplicemente un piatto di riso non legato;
  • per cucinare dolci e minestre, e la ragione è più o meno la stessa: salvo rare eccezioni, si tratta di ricette che richiedono un riso dalle proprietà particolarmente leganti;
  • quando utilizziamo un chicco tondo e piccolo, ovvero una tipologia di riso ricca di amido (amilopectina), per cui sarebbe un peccato perderlo.

È invece consigliabile lavare il riso:

  • per piatti orientali, come per la preparazione del sushi o di piatti con riso pilaf e riso thai;
  • per insalate di riso, in cui è bene che i chicchi rimangano ben separati e che siano ben sgranati;
  • quando ritenete che possa essere contaminato da polvere e altre impurità dovute al confezionamento: anticamente la pratica del lavaggio del riso era quasi sempre d’obbligo, perché era necessario pulirlo da residui ed eventuali granelli di terra, sabbia o roccia;
  • se lo utilizzate per lanciarlo ad un matrimonio: in questo caso è bene lavare e poi lasciar asciugare il riso, in modo da evitare che macchi di bianco gli abiti scuri di sposo e invitati.

Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Commento

  • Buongiorno,

    in verità l’amido nel riso è sempre composto sia da amilosio che da amilopectina. Il rapporto tra queste due tipologie di amido, rende il riso più o meno “colloso” in fase di cottura, ma è anche responsabile dell’innalzamento o meno dell’indice glicemico di chi lo assume.
    In generale, la “polvere” presente sul riso è semplicemente amido e residui di lavorazione della riseria, quindi non si tratta di sporco. Per questo motivo eviterei di lavare il riso sempre, a meno che non si intenda fare sushi o supplì, ossia piatti collosi.
    Mai lavare il riso per lanciarlo agli sposi, perché macchia gli abiti, mentre l’amido si toglie facilmente con una scrollata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.