olio di argan in cucina

Olio di Argan in cucina: come e perchè usarlo

L’ olio di argan è ben conosciuto per il suo uso cosmetico soprattutto per la bellezza di pelle e capelli. Vediamo insieme i benefici che offre anche alla nostra salute attraverso l’alimentazione. 

I semi di argan vengono utilizzati per ricavare un olio utile alla bellezza di pelle e capelli, ma anche per realizzare un olio ad uso alimentare.

La differenza è nella tostatura. Per l’olio ad uso cosmetico non vi è tostatura dei kernel, mentre per quello ad uso alimentare i semi vengono tostati. Potrete riconoscerli anche dal colore e dall’odore: color giallo paglierino e odore acre per l’olio d’argan cosmetico, e color rame e sentore di nocciola per l’olio alimentare.

Olio di argan: le proprietà in cucina

L’olio di argan commestibile viene utilizzato come condimento per esaltare il sapore dei piatti. Ma la sua azione non si limita a migliorare il gusto. Quest’olio regola il colesterolo grazie all’ acido oleico, stimola le cellule del cervello e protegge i tessuti del fegato. 

Il segreto è racchiuso nella sua composizione. Oltre agli antiossidanti naturali, acidi grassi essenziali, contiene carotenoidi, acido ferulico, steroli e polifenoli. Il suo contenuto di vitamina E è tre volte superiore a quello dell’olio d’oliva. 

L’ olio di argan è utilizzato inoltre nella medicina tradizionale marocchina perché stimola e riequilibra il sistema digestivo, stabilizza i livelli di zucchero nel sangue, rinforza il sistema immunitario e aiuta a ridurre il colesterolo oltre ad essere raccomandato per malattie gastrointestinali, il cuore e la circolazione.

Olio di argan in cucina contro il colesterolo

È un olio ricco di acido oleico, un acido grasso monoinsaturo della famiglia degli omega 3, e di acido linoleico, un acido grasso polinsaturo appartenente agli omega 6. 

In diversi studi è stata ampiamente dimostrata l’efficacia dell’olio come rimedio naturale per controllare alti livelli di colesterolo LDL, trigliceridi e fosfolipidi. Uno studio in particolare ha evidenziato che la frazione fenolica dell’olio di Argan previene l’ossidazione del colesterolo (LDL) isolato in plasma umano, e rallenta la produzione del colesterolo (HDL) tramite l’alta densità dei livelli di lipoproteine. 

L’ olio di argan contro diabete e malattie cardiache

Inoltre si suggerisce il consumo di quest’olio per prevenire le malattie coronariche. Infatti migliora la funzione endoteliale in ipertesi oltre ad inibire gli effetti sull’adesività delle piastrine nell’endotelio vascolare,  minimizzando il rischio di trombosi e ictus.

Infine l’attività antidiabetica è stata dimostrata tramite un test di tolleranza al glucosio orale su diabetici. I diabetici a cui è stato somministrato nella dieta hanno riscontrato una riduzione della glicemia dopo circa 15 giorni.

LEGGI ANCHE: Olio di argan e suoi usi

acido oleico, contro il colesterolo, olio di argan, proprietà olio di argan, uso alimentare argan


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Commenti (3)

  • Ho appena scoperto questo sito per caso e trovo che sia interessante.

    Per l’olio di Argan da consumare, qualcuno mi sà dire dove lo posso comprare? Grazie.

    • Ciao Nora grazie. Per l’olio di argan lo puoi trovare nei negozi che vendono prodotti naturali, alcuni etnici, ed erboristerie ben fornite, basta specificare sempre olio alimentare.

  • Massimiliano consolo

    Sono molto curioso di conoscere i dettagli del procedimento di estrazione dell olio, non vorrei che si utilizzi il sistema che si applica per il 99% degli oli (tutti gli oli che non sono extravergini) ovvero l estrazione chimica….perché se così fosse da un lato aiuti l hdl e ldl dall altro assume sostanze altamente tossiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter