GELATI CONFEZIONATI

Gelati confezionati: report di Altroconsumo ci consiglia verso quali orientarci

Disponibili in diverse varianti, gusti, dimensioni tipologie (a basso contenuto di grassi, senza lattosio, senza glutine, vegani), i gelati confezionati, che tanto ci rinfrescano dalla calura estiva, sono tra i più amati dagli italiani.

Interessante, a riguardo, un report di Altroconsumo, riguardante alcuni dei marchi più noti (Algida, Sammontana, Motta), consigliandosi verso quali gelati confezionati orientarci.

Ingredienti di alcuni tra i più noti gelati confezionati

Ma cosa contengono alcuni tra i più noti gelati confezionati? Ecco i dati del report di Altroconsumo:

  • ghiaccioli: i meno calorici, sono a base di acqua, zucchero, succo di frutta e aromi stabilizzanti. Ogni ghiacciolo contiene 50 calorie.
  • stecchi alla frutta (es. Fruttiamo yogurt e frutti rossi Sammontana) contengono latte, addensanti ed emulsionanti, oltre allo yogurt, ridotti quantitativi di zucchero e poche calorie in più rispetto ad un ghiacciolo (69 calorie). Attenzione agli emulsionanti, classificati dalla banca dati sugli additivi di Altroconsumo come “non raccomandabili” perché potrebbero modificare la permeabilità della parete intestinale e alterare la struttura della flora batterica
  • coppette piccole 2 colori fiordilatte/cacao a marchio Esselunga, che pesano ciascuna 40 grammi, contenenti latte, panna, olio di cocco, emulsionanti, addensanti, aromi
  • Coppa Oro Sammontana, ciascuna del peso di 90 grammi, contenente 213 calorie, zuccheri che salgono a 30 grammi (stando alle linee guida Oms il loro apporto nell’alimentazione di un adulto non dovrebbe superare i 50 grammi al giorno)
  • Cornetto Algida versione classica: pesa 75 grammi, contiene latte fresco intero, oli vegetali di cocco e girasole, panna fresca. Ricco di addensanti ed emulsionanti, ha 235 calorie, 14 grammi di grassi e 16 grammi di zuccheri.
  • Cornetto Esagerato XXL : pesa 145 grammi, ha 29 grammi di grassi, 36 grammi di zuccheri e 380 calorie.
  • Cornetto con cialda integrale e granella di cereali all’avena, che non contiene latte e ha un contenuto ridotto di grassi rispetto al prodotto classico
  • Magnum Algida: contiene latte scremato reidratato, burro di cacao, olio di cocco, burro concentrato. Vanta 260 calorie, 16 grammi di grassi e 25 grammi di zuccheri.
  • sandwich-gelato Maxibon Motta: contiene latte scremato reidratato, sciroppo di glucosio, 290 calorie, 13 grammi di grassi e 22 grammi di zuccheri, oltre 10 grammi di carboidrati complessi.
Gelati industriali: attenzione alle etichette per evitare ingredienti poco salutari, specie per i più piccoli, attirati da pubblicità ingannevoli.

La produzione di gelati confezionati in Italia

La produzione di gelati confezionati o gelati industriali in Italia è iniziata 70 anni fa, con una progressiva evoluzione degli ingredienti ed una sempre più larga diffusione. Ma quali sono le loro fasi di creazione?

  • miscelazione degli ingredienti
  • pastorizzazione, ossia trattamento con il calore per eliminare i patogeni presenti nella miscela
  • maturazione a freddo della miscela da 2 ore a 3 giorni per permettere ai suoi ingredienti di amalgamarsi
  • aggiunta degli ingredienti sensibili al calore
  • congelamento in macchine mantecatrici
  • formatura, in cui il gelato acquista la sua forma e viene completato con l’aggiunta, ad esempio di granella di nocciole o cioccolato
  • confezionamento e stoccaggio, fino ad arrivare tra le mani del consumatore

Gli ingredienti “a rischio” dei gelati industriali e i punti a loro favore

A quali ingredienti occorre prestare attenzione nella scelta dei gelati confezionati?

pericolosi perché, in grandi quantitativi, possono causare diabete e malattie cardiovascolari.

Tra i punti in favore dei gelati confezionati:

  • conservazione a bassa temperatura
  • l’essere avvolti nella confezione industriale
  • sicurezza igienica
  • porzione ben definita
  • etichetta contenente info precise su elenco ingredienti e dati nutrizionali
  • possibilità che la scelta di un gelato confezionato sia adeguata alle nostre necessità dietetiche e al nostro stile di vita

Il binomio gelati confezionati/estate è senza ombra di dubbio ben radicato tra le abitudini degli italiani ma attenzione alle etichette, senza lasciarsi circuire da pubblicità, colori e forme accattivanti, riferimento a personaggi noti che stimolano la fantasia dei piccoli consumatori.

gelati confezionati, gelati industriali, report Altroconsumo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.