Dieta AIP

Dieta AIP, il protocollo contro le malattie autoimmuni

La dieta AIP è un modello alimentare dventato molto popolare negli ultimi anni, viene chiamata anche protocollo autoimmune, perchè aiuta a combattere le malattie.

Una dieta che si basa sul lasciare da parte il consumo di alcuni alimenti, per un tempo determinato e vedere mano a mano i cambiamenti che si verificano nella salute della persona.

Malattie autoimmuni

Le malattie autoimmuni sono in aumento tra le persone ma diventa difficile per molti comprendere che l’alimentazione aiuta in queste patologie.

Per la maggior parte, queste condizioni hanno un fattore scatenante in comune, e cioè l’incapacità del corpo di riconoscere tra il tessuto sano e un agente estraneo invasore. Il sistema immunitario è responsabile della protezione del corpo da tutti questi agenti invasivi. Ma quando hai una malattia autoimmune, attacca i tessuti, le proteine ​​e le cellule che appartengono allo stesso corpo.

Esistono molte malattie autoimmuni e attaccano qualsiasi tipo di tessuto all’interno del corpo. Alcune delle condizioni più conosciute sono l’artrite, l’ipotiroidismo, la sclerosi multipla, la psoriasi, il lupus e il diabete di tipo 1.

Cause dello scatenarsi delle malattie autoimmuni

La predisposizione genetica è tra i principali fattori che causano malattie autoimmuni . Sebbene ci siano anche una varietà di fattori e situazioni di rischio, che determinano o meno l’aspetto di queste condizioni.

D’altra parte, le abitudini che si portano nella vita potrebbero anche innescare alcune di queste patologie. A causa di ciò, cambiando lo stile di vita che conduci, forse puoi prevenire lo sviluppo di malattie come queste e i sintomi si riducono significativamente.

Infezione da patogeni o alterazione dell’immunoregolazione: di fronte alla presenza di patogeni, il sistema immunitario individua parte degli amminoacidi che compongono detti patogeni. Quando non c’è una corretta autoregolazione ed è presente un tessuto simile a quello del corpo, le difese del corpo potrebbero attaccarlo. Una procedura come questa potrebbe causare malattie autoimmuni .

Alterazioni nell’immunoregolazione potrebbero apparire per i seguenti motivi:

Disbiosi intestinale e permeabilità: gli specialisti sono stati in grado di verificare che un intestino permeabile e una disbiosi intestinale potrebbero causare queste condizioni autoimmuni. I piccoli peli che si trovano all’interno dell’intestino tenue sono responsabili dell’assorbimento dei nutrienti. Ma quando c’è permeabilità intestinale, questi peli sono danneggiati o consumati, a causa di una cattiva alimentazione o da molti agenti tossici nel corpo. Inficiando così il corretto assorbimento dei nutrienti.

Un altro fattore che si verifica anche nelle malattie autoimmuni è che il tessuto intestinale è completamente scoperto e alcune sostanze entrano nel flusso sanguigno. Essendo sostanze che non devono arrivarci. Se queste circostanze si protraggono per molto tempo, il corpo potrebbe attaccare le proprie cellule.

Stress: Situazioni di grande stress, fanno sì che il corpo sia in un costante stato di allerta. Essendo una situazione che dura a lungo, il sistema immunitario sarà esausto, a causa del lavoro eccessivo. Fare errori costanti nell’identificazione di agenti patogeni o agenti invasori e attaccare lo stesso corpo.

Dieta AIP in aiuto contro le malattie autoimmuni

La dieta AIP , chiamata anche protocollo autoimmune, è un grande aiuto per il trattamento delle malattie autoimmuni. 

Il medico che ha iniziato a sviluppare questo protocollo autoimmune si chiama Loren Cordain, successivamente la dottoressa Sarah Ballantyne l’ha elaborato. Questo metodo deriva dalla dieta nota come paleo, basata sull’apportare modifiche nella dieta e anche all’interno dello stile di vita. In questo modo, aiuta l’intestino e il sistema immunitario a guarire.

Quando vengono affrontati i fattori dello stile di vita, così come gli alimenti più ricchi di nutrienti, la salute generale viene ripristinata. Consentendo di ottenere livelli ottimali di nutrienti, nonché elementi fondamentali di cui il sistema immunitario ha bisogno per guarire.

La dieta AIP ci aiuta a migliorare e curare il sistema immunitario, riducerre i disturbi intestinali e guarire il sistema digestivo.

L’ideale per seguire al meglio questo tipo di dieta sarebbe quello di farsi seguire da uno specialista, un nutrizionista competente.

Questa dieta è divisa in due fasi. Nella prima fase ci sono degli alimenti che devono essere eliminati per ridurre l’infiammazione e lo squilibrio del microbiota.

Dieta AIP prima fase

Tra i prodotti che dovrebbero essere tolti dalla dieta e i farmaci che non dovrebbero essere ingeriti ci sono:

  • Noccioline
  • Cereali o granaglie di qualsiasi tipo, Uova, Legumi
  • Semi
  • Latticini
  • Verdure solanacee, come patate, melanzane, pomodori o peperoni.
  • Additivi del cibo
  • Alcol
  • Prodotti ultra lavorati
  • Zucchero raffinato
  • Tabacco
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei, come ibuprofene e diclofenac.

Questi alimenti vanno sostituiti con alimenti freschi, nutrienti, fermentati e magari anche dei probiotici. Si devono migliorare anche le condizioni di vita facendo attivtà rilassanti, muovendoci un pò di più e migliorando la qualità del sonno. Questa prima fase non ha un limite, dobbiamo valutare personalmente quando iniziamo a sentire una riduzione dei sintomi e un miglioramento, generalmente si può contare dalle 3 settimane ai 3 mesi.

Dieta AIP seconda fase

Quando il sistema digerente è rafforzato a seguito della prima fase dobbiamo iniziare a reintrodurre lentamente i vari alimenti. Vanno introdotti uno per uno ascoltando il nostro corpo e indentificando gli alimenti che scatenano i sintomi, questo per ristabilire una dieta equilibrata e completa su misura per noi. Per introdurre gli alimenti dobbiamo aspettare 5 giorni dall’uno all’altro, che è il momento giusto per capire se si scatenano sintomi o meno. Se un alimento ci crea problemi va tolto definitivamente per non dover ritornare alla fase 1.

Come fare per introdurre gli alimenti

– Scegli il cibo che vuoi incorporare. Dopo averlo fatto, detto cibo deve essere consumato più volte al giorno. Quando ciò è già stato fatto, l’assunzione di quel cibo specifico deve essere interrotta per un massimo di 6 giorni.

– Consumare piccole quantità del prodotto in questione. È necessario far trascorrere almeno 15 minuti per sapere se si verifica una reazione.

– In presenza di qualsiasi sintomo sfavorevole, il test dovrà essere completato e il cibo dovrà essere evitato all’interno della dieta AIP . Poiché non si verifica alcuna reazione, la quantità di cibo da consumare deve essere maggiore. Guardando sempre gli effetti che si verificano nelle prossime 3 ore.

– Può accadere che non compaiano sintomi quando si consuma il cibo scelto nella dieta. E per questo caso è possibile introdurre il cibo in porzioni normali. Quindi dovrà essere evitato per 6 giorni, con l’obiettivo di includere altri alimenti.

– Con questo in mente, la procedura dovrebbe essere ripetuta con tutti i cibi sani rimossi.

Quali alimenti possiamo consumare con la dieta AIP

  • Ortaggi in tutte le sue varietà, eccetto alghe e solanacee
  • Frutti di mare e pesce di ottima qualità e con grandi quantità di acidi grassi
  • Frutta fresca ma in quantità moderate
  • Alimenti con probiotici e cibi fermentati, come kimchi o sottaceti, miso tempeh
  • Carni magre e bianche
  • Cocco, avocado e olio d’oliva
  • Spezie che non provengono dai semi, così come le erbe.
  • Miele ma in quantità moderata
  • Tè nero e tè verde

La dieta AIP è decisamente restrittiva ma i vantaggi sono elevati e il potere antinfiammatorio si può riscontrare dopo poco tempo.

DIETA AIP, protocollo autoimmune


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.