spesa al supermarket abitudini cibo covid

Covid-19: come sono cambiate le abitudini alimentari degli italiani?

La pandemia da Covid-19 ha cambiato notevolmente le nostre abitudini alimentari facendoci riscoprire un diverso vissuto quotidiano e spingendoci ad adattarci al dramma che sta subendo tutto il mondo.

Nei giorni passati confinati a casa, abbiamo acquistato più generi alimentari del solito: 1 italiano su 3 ha fatto la spesa più spesso e acquistato maggiore quantità di cibo rispetto al passato. Un’ansia da bunker quella di fare super scorte, che man mano si è affievolita con il tempo, visto il persistere della pandemia.

Emergono dei dati circa gli acquisti da parte degli italiani, che ovviamente hanno riguardato maggiormente il cibo.

Covid e alimentazione: quali i prodotti più venduti?

Dall’inizio della pandemia l’impennata di generi alimentari venduti ha interessato soprattutto gli ingredienti per preparare dolci come farina (+213%), lievito di birra (+226), mascarpone (+100%), miele (+68%), burro (+86%), zucchero (+55%) e uova (+54%).

Un grande aumento delle vendite ha interessato anche il reparto ortofrutta (+16%). Un segnale che dimostra come gli italiani abbiano seguito i consigli degli esperti, preferendo cibi con un alto contenuto di vitamina B e C. Quindi al via carrelli pieni di arance, kiwi, fragole, insalate, carote e pomodori, broccoli, carciofi e cavolfiori, patate e asparagi.

batteri intestinali cibi crudi e cotti

Un generoso aumento ha poi riguardato anche le conserve rosse di carne (+37%), un trend che sta riscontrando un crescente aumento.

È interessante inoltre notare come sia aumentato molto meno il consumo di olio (+18%), pesce fresco (+ 14% rispetto al +30% della carne) e quello di alcolici (vino +15%, birra +10% ) rispetto allo stesso periodo del 2019. Di quest’ultimi si prevedono però incrementi delle vendite sotto Natale.

Come sono cambiate le abitudini alimentari degli italiani?

Secondo i dati il cambiamento delle abitudini alimentari in pandemia Covid ha riguardato in primis la prima colazione. Un pasto importantissimo e necessario per il corretto risveglio e lucidità del nostro corpo. Un’abitudine che era stata accantonata per colpa dei ritmi frenetici della vita lavorativa.

È inoltre diminuito maggiormente il pranzo fuori casa (50-55% tra studenti e lavoratori) dovuto alla situazione pandemica. Si preferisce in questo modo rimanere con i propri cari e fare un pasto salutare e preparato al momento al posto di cibi fast come panini, piadine e hamburger.

Aumentato vertiginosamente anche il consumo di dolci di famiglia, utilizzando le tradizionali “ricette della nonna” che vedono un po’ tutti come dei provetti chef e pasticceri. A supportare questo dato le views dei siti web di cucina che sono schizzate alle stelle.

Delivery: sì, ma non troppo!

Essendo costretti a rimanere a casa, alcuni di noi hanno preferito l’alternativa Delivery. I recenti dati però attestano che è incrementato il suo utilizzo, ma non come ci si aspettava.

Per risparmio economico la consegna di cibo cucinato a domicilio non ha sfondato:  quasi 1 italiano su 2 (48%) dichiara a priori di non volerlo praticare, e per chi invece prevede la possibilità di farsi recapitare a casa del cibo già pronto la spesa delivery è stata fatta meno di una volta a settimana.

Meno cibo nella spazzatura…

Un prezioso dato ha indicato come gli italiani si siano abituati a sprecare di meno: si riutilizza infatti maggiormente il cibo per varie pietanze, limitando al minimo il suo cestinamento in spazzatura. Uno spreco alimentare che in Italia in situazione non-Covid vale più di 15 miliardi di euro l’anno.

A fronte di più acquisti, tra freschi e congelati, la quantità di generi alimentari andata sprecata è stata stimata di soli 430 grammi alla settimana, in linea con l’ultimo rapporto Waste Watcher. Per 6 italiani su 10 quindi nulla è finito nella pattumiera.

Un dato importante e soddisfacente per un problema che attanaglia tutta Europa. Il meno cibo nella spazzatura attesta la capacità di riutilizzo di alcuni prodotti come le conserve dolciarie. Quello che non è finito nella pattumiera, non è di certo andato a collocarsi nel grasso corporeo degli italiani…

patatine fritte salate acrilammide

Relazione felice con la bilancia dopotutto

Le nuove abitudini alimentari in situazione Covid non hanno molto influito sul peso. La maggior parte degli italiani, a fronte di una vita piuttosto sedentaria, ha conservato mediamente lo stesso peso di partenza. In particolare questo dato riguarda 4 italiani su 10. Per gli altri 6 c’è stato un aumento di peso di soli 2 kg.

Merito soprattutto della cucina mediterranea, che consente un giusto apporto calorico-proteico secondo i nutrizionisti. Una scelta felice, nonostante lo stress pandemico, per chiunque abbia deciso di mangiare sano cibandosi di prodotti a chilometro zero.

Una scelta che gli italiani sembrano conservare che, abbinata a un buon esercizio fisico, ha garantito una rassicurante linea corporea.

La risposta degli italiani, infine, è stata secondo questi dati ottimale. Una ricerca del gusto tradizionale, che fa bene alla salute!

Fonte

abitudini alimentari, alimentazione salutare, covid-19, salute, spreco alimentare


valentina paolillo

Laureata in Scienze Biologiche, mi sono sempre interessata ai perché del mondo biologico. Nei miei articoli tratto soprattutto i cambiamenti climatici, ma non dimentico animali e fiori che sono la mia passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto