Carne coltivata in laboratorio

Carne coltivata in laboratorio: sicurezza e impatto ambientale

La carne coltivata in laboratorio, recentemente, è stata approvata per la vendita a Singapore e questo passaggio viene descritto come una vittoria per l’innovazione scientifica, il benessere degli animali, la salute umana e l’ambientalismo. 

Sicuramente a livello scientifico si tratta si un processo molto ambizioso, la produzione di carne commestibile da cellule che non danneggia un singolo animale in lavorazione. 

Quale settimana fa si era parlato anche dell’autorizzazione da parte della FDA statunitense della carne OGM di maiale per il consumo umano, con notevoli perplessità anche dei produttori stessi.

Perchè l’esigenza di coltivare carne in laboratorio?

C’è una crescente preoccupazione per l’impatto del consumo di carne sul pianeta. Si stima che circa un quarto delle emissioni di gas serra che stanno facendo aumentare le temperature provengano dall’agricoltura.

La produzione di carne bovina è considerata il peggior colpevole con i bovini che emettono metano e protossido di azoto dal letame, ma anche dai loro processi digestivi.

Ci sono anche gas aggiuntivi dall’applicazione di fertilizzanti alla terra, dalla conversione del terreno per il pascolo o la produzione di mangimi.

A causa di questi impatti sul clima e di una serie di altre preoccupazioni su questioni come il benessere e la sostenibilità, negli ultimi anni gli scienziati hanno cercato di sviluppare carne che può essere coltivata da cellule animali in fabbriche o laboratori.

Un vantaggio percepito sarebbe l’emissione di gas serra molto più bassa, in particolare il metano.

La carne prodotta in laboratorio è veramente sicura?

Alcune persone non sono convinte che la carne coltivata in laboratorio sia la soluzione del problema globale.

Questi alimenti migliorati o “funzionali”, sebbene possano avere una durata di conservazione più lunga e proprietà salutari potenziate, hanno un sapore più intenso e hanno un prezzo più alto. Ciò significa che sono accessibili solo a coloro che possono permettersi di acquistarli. Spackman scrive,”La presenza di questi alimenti sul mercato – con la loro estrazione e concentrazione di ingredienti attentamente ingegnerizzati intesi come aventi un impatto significativo sulla salute – rafforza l’idea che l’accesso a un’alimentazione salutare richiede il passaggio delle competenze tecnologiche e scientifiche trovate nel laboratorio alimentare industriale.

E mentre l’agricoltura cellulare (nota anche come carne coltivata in laboratorio) non fa le stesse affermazioni sulla salute di questi alimenti funzionali, Spackman scrive che opera sulla stessa ipotesi che “ricerca industriale e assemblaggio di produzione” vanno di pari passo con accesso a “carne pulita e rispettosa dell’ambiente”. Questo finisce per essere costoso e quindi inaccessibile ai membri meno privilegiati della società.

Dice: “Troviamo le stesse catene di approvvigionamento e gli stessi materiali di base che si basano sull’estrazione petrolchimica. E vediamo ancora una volta una divisione tra chi può persino produrre questi alimenti, figuriamoci accedervi”.

L’autrice Jenny Kleeman ha un’opinione simile, scrivendo che lo sviluppo dell’agricoltura cellulare accresce la nostra dipendenza da “aziende remote con tecnologia altamente specializzata per soddisfare i nostri bisogni di base” – non necessariamente qualcosa che dovremmo incoraggiare (in particolare quando la carenza di negozi di alimentari di COVID-19 ha evidenziato solo quanto siamo già dipendenti da filiere lontane). 

Jenny Kleeman solleva dubbi sulla decisione di Eat Just di chiedere l’approvazione a Singapore, piuttosto che negli Stati Uniti, sulla base dell’affermazione del suo CEO Josh Tetrick secondo cui la Food and Drug Administration è al passo con i tempi. Questo solleva bandiere rosse per Kleeman, che scrive,”Invece di aspettare che fosse pronto, l’azienda ha trovato un paese con standard più accettabili per darle il via libera per mettere in vendita il suo prodotto. Questo è un problema per l’intera industria della carne coltivata: i consumatori si preoccupano di più della provenienza del cibo ora come mai prima d’ora, e qualsiasi produttore di un nuovo alimento deve essere visto prendere sul serio gli standard normativi”.

La fretta di rilasciare i morsi di pollo prima che la materia prima del siero bovino fetale (FBS) venisse gradualmente eliminata a favore di un’alternativa a base vegetale è anche discutibile agli occhi di Kleeman. “È difficile immaginare una sostanza meno vegana di FBS. Questo è stato in gran parte rimosso prima del consumo dei bocconcini di pollo, e Eat Just ha detto che ora aveva un mezzo a base vegetale da utilizzare nelle linee di produzione successive”. 

Sì, mangiamo troppa carne nei paesi sviluppati e la produciamo in modi non etici, persino pericolosi (pensa alla resistenza agli antibiotici), ma possiamo rimediare più rapidamente ed efficacemente mangiando meno carne , acquistando carne di migliore qualità quando lo facciamo ( idealmente da piccoli agricoltori e produttori delle nostre aree) e privilegiando altre forme di nutrimento, come verdure, fagioli, lenticchie e cereali integrali. 

La spinta all’agricoltura cellulare non sarebbe così forte se non fosse per il disastroso sistema di produzione della carne che si è instaurato nell’ultimo mezzo secolo e per le persone che si rimpinzano di quantità di carne che sarebbero state inaudite nel nostro il tempo dei nonni. Come per tanti problemi ambientali derivanti dal consumo eccessivo cronico, un ritorno a modi di vivere antiquati e più tradizionali sarebbe un sollievo per il pianeta, i nostri corpi e i nostri portafogli.

La carne a base di cellule è un’invenzione affascinante, senza dubbio, e sarà interessante vedere il ruolo che svolge nella società in futuro. Ma non dobbiamo essere troppo veloci nell’assumere che possa aggiustare tutto, o che possiamo eludere l’assunzione di responsabilità per le nostre stesse azioni che hanno creato i problemi che la carne cellulare sta cercando di riparare.

Carne artificiale e impatto ambientale

Secondo gli scienziati, la coltivazione di carne in laboratorio potrebbe causare più danni al clima a lungo termine rispetto alla carne di bestiame.

I ricercatori stanno cercando alternative alla carne tradizionale perché gli animali da allevamento stanno aiutando a far aumentare le temperature globali. Tuttavia, la carne coltivata in laboratorio può peggiorare le cose in alcune circostanze.

I ricercatori dicono che dipende da come viene prodotta l’energia per produrre carne da laboratorio.

Nel 2013 un team di scienziati olandesi ha prodotto quello che sostenevano fosse il primo hamburger al mondo coltivato in laboratorio.

Da allora, c’è stato molto clamore e rumore, ma anche dei veri progressi.

Carne artificiale

I ricercatori della Oxford Martin School hanno esaminato le implicazioni climatiche a lungo termine della carne coltivata rispetto alla carne dei bovini. Gli scienziati affermano che studi precedenti tendevano a esaminare le varie emissioni dei bovini e a convertirle tutte nel loro equivalente di anidride carbonica.

Il team dice che questo non ti dà il quadro completo poiché il metano e il protossido di azoto hanno impatti diversi sul clima.

“Per tonnellata emessa, il metano ha un impatto sul riscaldamento molto più grande dell’anidride carbonica. Tuttavia, rimane nell’atmosfera solo per circa 12 anni, mentre l’anidride carbonica persiste e si accumula per millenni”, ha detto il coautore Raymond Pierrehumbert.

“Ciò significa che l’impatto del metano sul riscaldamento a lungo termine non è cumulativo e ne risente notevolmente se le emissioni aumentano o diminuiscono nel tempo”.

Il modello climatico degli scienziati ha scoperto che in alcune circostanze e nel lunghissimo termine, la produzione di carne da laboratorio può provocare un maggiore riscaldamento.

Questo perché le emissioni del laboratorio sono legate alla produzione di energia che è quasi interamente costituita da anidride carbonica, che persiste nell’atmosfera per centinaia di anni.

Alcuni ricercatori affermano che la carne coltivata ha molte altre barriere da superare prima che sia un enorme successo tra i consumatori.

carne artificiale, carne coltivata in laboratorio


Gino Favola

Laureato in Scienze Politiche, da sempre sono stato appassionato dai temi della tutela dell'ambiente e della sostenibilità. Da sempre convinto che l'economia debba essere ricondotta sotto le leggi della società civile, mi sono interessato a letture come quelle di Tiziano Terzani, Simone Perotti, Michael Pollan. Mi occupo nello specifico della sezione " ecoreati" per dare uno strumento in più, una sentinella attiva nel territorio, che da voce a tutte le segnalazioni dei nostri lettori che condividono con noi la sensibilità per la difesa dell'ambiente e della natura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ambiente Bio è una risorsa informativa che affronta le tematiche relative a uno stile di vita sano e virtuoso in ogni senso.

Contattaci: [email protected]

Iscrizione Newsletter
Per favore inserisci un indirizzo email valido
Questo indirizzo è già in uso
The security code entered was incorrect
Grazie per esserti iscritto