Home Alimentazione Biologica L’allerta continua: le morti sospette causate dal vaccino Flaud salgono ad 11

L’allerta continua: le morti sospette causate dal vaccino Flaud salgono ad 11

252
1
CONDIVIDI

Aggiorniamo la notizia pubblicata in precedenza:

28/11/2014: Sono ormai undici le morti sospette a causa del vaccino antinfluenzale Fluad. Ieri i due casi di Siracusa e quello di Termoli. Oggi altri due a Prato e Lecce, uno a Como, un caso a Parma e altri due a Roma. L’Agenzia italiana per il farmaco dopo i tre decessi di ieri a 48 ore dalla vaccinazione ha disposto il divieto di utilizzo di due lotti (142701 e 143301) del farmaco. Per i primi risultati delle analisi effettuate dall’Istituto superiore di sanità ci vorrà almeno una settimana. «I casi sono cinque e stanno arrivando altre segnalazioni che stanno esaminando», ha detto il direttore generale dell’Aifa, Luca Pani che ha spiegato che «altre segnalazioni ancora da confermare riguardano altri lotti di cui non è escluso il ritiro cautelativo». Nel frattempo si mobilitano anche le procure: i pm di Siena e Prato hanno aperto delle inchieste sui casi di decessi legati al vaccino.

 

27/11/2014: Notizia inquietante dell’ultimora; a seguito di 3 morti sospette riconducibili all’utilizzo di vaccini antinfluenzali, è stato bloccato l’utilizzo e la somministrazione del vaccino in oggetto.

Innanzitutto segnaliamo i lotti bloccati e sicuramente pericolosi: I lotti 142701 e 143301 del vaccino antinfluenzale FLUAD della Novartis Vaccines bloccati dall’Aifa dopo tre morti sospette, non sono disponibili e venduti nelle farmacie ma erano destisnati alle ASL. E’ quanto trapela da Siena, sede degli stabilimenti Novartis.

Come viene puntualizzato dall’agenzia ANSA, ci sarebbero tre sospetti decessi legati alla somministrazione di dosi dei due lotti del vaccino antinfluenzale FLUAD il cui utilizzo è stato oggi bloccato dall’Agenzia italiana del farmaco. Due di queste sarebbero avvenute in Sicilia ed una in Molise. L’Aifa ha bloccato l’utilizzo dei due lotti del vaccino in questione. I ”tre eventi ad esito fatale – specifica l’Aifa – hanno avuto esordio entro le 48 ore dalla somministrazione delle dosi dei due lotti”.

‘In attesa di disporre degli elementi necessari, tra i quali l’esito degli accertamenti sui campioni già prelevati – spiega l’Aifa in una nota – per valutare un eventuale nesso di causalità con la somministrazione delle dosi dei due lotti del vaccino, l’Agenzia Italiana del Farmaco ha disposto, a titolo esclusivamente cautelativo, il divieto di utilizzo di tali lotti”. L’AIFA invita i pazienti che abbiano in casa confezioni del vaccino FLUAD a verificare sulla confezione il numero di lotto e, se corrispondente a uno di quelli per i quali è stato disposto il divieto di utilizzo, a contattare il proprio medico per la valutazione di un’alternativa vaccinale.


Anziani i tre morti, due donne e un uomo
Si tratta di un uomo di 68 anni in Sicilia, di una donna di 87 anni sempre in Sicilia, e di una donna di 79 anni in Molise. Ci sarebbe poi, secondo quanto si è appreso, il caso di un novantaduenne molisano ricoverato in gravi condizioni. Le vaccinazioni sarebbero avvenute da quasi un paio di settimane. Le morti sarebbero avvenute in un caso per problemi cardiaci e in un altro per problemi encefalici. Al momento quindi non è stata verificata con certezza la relazione tra l’uso del vaccino e le gravi complicazioni.

Fimmg, dal medico solo se ci sono sintomi entro due giorni
“Se sono passate 48 ore dalla somministrazione non ci sono rischi, se qualcuno dovesse presentare invece dei sintomi entro due giorni deve contattare il proprio medico”. Lo afferma il segretario della Fimmg, Giacomo Milillo in merito al ritiro da parte dell’Aifa di due lotti del vaccino antinfluenzale FLUAD in seguito a tre decessi.

 

1 COMMENTO

  1. E oltre il danno si rischia pure la beffa. Proprio l’altro ieri ho ascoltato una notizia nella quale un centro di ricerca statunitense ha “scoperto” l’inutilità del vaccino attuale. Ho cercato il riscontro di questa notizia nella rete ma non ho trovato nulla. Chissà, forse Big Pharma non gradisce la diffusione di una tale informazione “bomba”. Se dovreste scoprire qualcosa, in merito, prego d’informarmi. Grazie

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here