Home Alimentazione e Salute Le taccole e il benessere dell’intestino

Le taccole e il benessere dell’intestino

7109
0
CONDIVIDI
Caratteristiche e benefici delle taccole

Spesso le snobbiamo, ma le taccole sono in realtà un alimento ricco e completo, che dovremmo tutti rivalutare!

Probabilmente i ragazzi e gli adolescenti nemmeno le hanno mai sentite nominare! Eppure le taccole sono ricche di benefici, soprattutto per l’apparato digestivo.

Scopriamone insieme tutte le proprietà-

I “piselli mangiatutto”

Per essere precisi, quelle che chiamiamo così sono in realtà una particolare varietà di piselli. Il baccello è più lungo e piatto e ha un colore verde chiaro.

A differenza dei piselli tradizionali, di queste si mangia l’intero baccello non appena il seme è formato in esse. La membrana del baccello è infatti sottile e commestibile.

Per questa ragione vengono spesso chiamate come i “piselli mangiatutto”. In alcune varianti locali, il nome utilizzato è “piselli cinesi”.

Valori nutrizionali

In esse troviamo tanta fibra alimentare, nonché carotene e vitamina C in quantità abbastanza elevate. Buone anche le percentuali di vitamina B9 e ferro.

Ecco tutti i valori nutrizionali per 100 grammi di prodotto:

  • 66 kcal
  • Proteine vegetali: 22%
  • Vitamine: gruppo B (B1 e B9), A, C, E
  • Sali minerali: fosforo, potassio e ferro
  • Ftalati e saponine

Benefici

Grazie al loro elevato contenuto di fibre naturali, le taccole sono particolarmente adatte per regolare l’intestino.

Molto indicate per chi soffre di stitichezza cronica, specialmente quando è collegata a rigonfiamenti dell’intestino. Ottime anche per chi soffre di colite.

Vengono impiegate molto anche nelle diete ipocaloriche. Non solo perché hanno un apporto calorico estremamente basso, ma anche perché grazie alla fibra danno senso di sazietà. Contribuiscono inoltre a ridurre l’assorbimento di grassi e zuccheri.

Buona fonte di ferro, sono consigliate anche a chi ha problemi di anemia e stanchezza o è in convalescenza.

Taccole: quando e come mangiarle

Questi piselli possono essere consumati in diversi periodi dell’anno. Il momento migliore è però la primavera. Dopo l’inverno, infatti, il nostro organismo ha bisogno di rigenerarsi. Soprattutto, abbiamo necessità di riequilibrare i livelli di sali minerali, di cui sono ricche le taccole.

Sono tante le ricette in cui possiamo aggiungerle.

Possiamo prepararle all’insalata (sono le mie preferite: le vedete in foto!). Oppure saltate in padella con un po’ di pomodoro. E perché no, usate per preparare una bella lasagna vegetariana al forno!

Si tratta di un alimento estremamente versatile, perché il suo sapore delicato si accompagna molto bene a tanti piatti e preparazioni.

In ogni caso, è meglio non cuocerle troppo, per evitare di andare a disperdere tutti i nutrienti di cui sono ricche.