Home Alimentazione e Salute Il caffè verde, il chicco che ti aiuta a dimagrire

Il caffè verde, il chicco che ti aiuta a dimagrire

4117
7
CONDIVIDI

Il caffè verde è apprezzato per le sue proprietà liposolubili che aiutano a dimagrire e perder peso. Vediamo insieme questo portentoso chicco.

Il caffè verde, rispetto al tradizionale caffè nero, non è sottoposto alla tostatura e torrefazione, ma viene lasciato essiccare al sole.

La consistenza dei chicchi è dura e cornea: difficili da macinare e tritare, i piccoli chicchi presentano generalmente un colore che varia dal verde al giallino.

Le proprietà del caffè verde

Il caffè verde contiene molte sostanze antiossidanti, in particolare  l’acido clorogenico, potente antiossidante naturale. L’azione che interessa di più è sicuramente quella dimagrante. Infatti è conosciuto come potente “brucia-grassi”, cioè facilita l’utilizzo dei grassi come combustione per produrre energia.

Ma non solo. Risulta utile anche per aumentare le performance atletiche, riducendo la stanchezza e l’affaticamento. Permette un’azione cardiotonica, promuove la digestione e favorisce la diuresi e il drenaggio dei liquidi corporei.

Il caffè verde e la presenza di caffeina

Diversamente da quanti molti credono, il caffè verde contiene caffeina. La percentuale di caffeina però è più bassa rispetto alle miscele arabiche, poichè nei chicchi crudi la caffeina (o 1,3,7-trimetilxantina) è associata all’acido clorogenico, formando il clorogenato di caffeina.

Questo permette anche un diverso assorbimento, infatti il corpo impiega molto più tempo per metabolizzare la caffeina, e può anche beneficiare più a lungo delle sue proprietà. Questo perché contiene principi attivi che agiscono in modo determinante sul volume degli adipociti (cellule adipose), su tutti l’acido clorogenico. Ciò è dovuto all’azione delle metil-xantine, molecole la cui attività agevola e stimola la lipolisi, migliorando anche il metabolismo e riducendo il livello di zuccheri nel sangue.

Il potere antiossidante del caffè verde

Il caffè verde ha un potere antiossidante molto alto e possiede un pH meno acido rispetto al caffè tradizionale. Tra i benefici per la salute alcuni studiosi riconoscono anche l’azione contro i radicali liberi, oltre alla capacità di stimolare lucidità mentale. Ovviamente non possiamo pretendere che un alimento o un integratore agisca da solo. Per dimagrire è nessario rivedere il nostro stile di vita, con una sana alimentazione e del movimento, indispensabile sia per mantenere in forma il nostro fisico ma anche la nostra mente.

In commercio troviamo molti prodotti che contengono il  caffè verde in forma di bevande, in polvere, in compresse, scegliamo la formulazione che può fare al caso nostro.

LEGGI ANCHE: 4 (+1) Tisane dimagranti e drenanti per ritornare in forma dopo le feste

7 COMMENTI

  1. Buongiorno, non ho capito bene: il caffè verde lo troviamo in commercio solo come ingrediente negli integratori o è possibile acquistarlo anche in modo diretto?

  2. Ciao a tutte. Il caffè verde funziona eccome: io l’ho conosciuto tramite le normali capsule che si trovano sul mercato, che hanno poco principio attivo e non sono pure. Poi navigando su internet mi sono imbattuta nel caffè verde puro: ha una qualità nettamente migliore.
    Ero all’inizio un pò titubante, ma alla fine ho avuto buoni benefici. Niente a che vedere con le capsule…

    Lo uso facendo un infuso come il tè normale. Il gusto è buonissimo !!!
    Speriamo vi troviate bene come mi sono trovata io.

    Un salutone a tutte !!!

    • Ciao chiara,
      nella tua comunicazione mi sembra di notare un po di confusione tra i concetti di purezza e principio attivo. Purezza non significa necessariamente maggiore di quantità di principio attivo. Anzi sono spesso le lavorazioni derivate che forniscono maggiori quantità di principio attivo.

      Il caffè verde in chicchi, bevuto come il caffè normale è un ottimo prodotto, tuttavia essendo il principale principio attivo di questa forma di caffè ad avere effetto, cioè l’acido clorogenico, sono solo i prodotti in capsule o compresse che utilizzino l’estratto secco a poter garantire la giusta quantità pro-die di principio attivo in grado di avere qualche funzionalità.

      L’estratto secco – ad esempio – è una lavorazione particolare che può concentrare la quantità di principi attivi in modo standard e ripetibile (in questo caso sempre la stessa quantità di acido clorogenico per grammo ad ogni lavorazione) .

      Una tazza di caffè verde contiene in media 30/40mg di acido clorogenico, contro i 150mg di una normale compressa di un prodotto commerciale in compresse/capsule (con 300mg di caffè verde e titolazione in acido clorogenico al 50%).

      Occorrerebbero circa 5 tazzine dei caffè per ottenere la stessa quantità di acido clorogenico. Inoltre i prodotti in capsule generalmente hanno una quantità inferiore di caffeina che li rende utilizzabili in quantità maggiori di una compressa al giorno con una quantità finale pro-die ancora superiore.

      Ragion per cui, aldilà del fatto che comunque si è trovata bene con il prodotto che ha acquistato, e che certamente le da più soddisfazione di una “fredda compressa”, il prodotto in capsule é preferibile per il raggiungimento di risultati tangibili dal momento che è lavorato in maniera specifica attorno al principio attivo funzionale del caffè verde.

      Spero di aver acceso ulteriormente l’interesse verso questo splendido prodotto.

      A presto

      • Spiegazione impeccabile!!!!!!!! complimenti se tutti fossero chiari….. come lo è stato lei, nel mond del web, sarebbe tutto più facile grazieee

  3. io ho consumato il caffè verde con l’aggiunta di un’alga della RYZOOM (azienda tedesca che vende per corrispondenza) . Era favoloso, purtroppo non lo trovo più in commercio. se qualcuno lo conosce fatemi sapere,grazie

  4. Ho comperato il caffè verde in capsule ma purtroppo ho difficoltà nell’ingerirle .posso togliere la sostanza dalla capsula? Grazie

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here