Home Alimentazione Biologica 5 segnali di malattie cardiovascolari da non ignorare

5 segnali di malattie cardiovascolari da non ignorare

3759
0
CONDIVIDI

Esistono alcuni sintomi che indicano malattie cardiovascolari che non dovrebbero essere ignorati. Questi sintomi possono non essere immediatamente correlati a disturbi al cuore, ma lo sono ed è importante tenerli sotto controllo.

Nei giorni scorsi, il DailyMail ha pubblicato uno spunto molto interessante: un elenco di sintomi che possono sembrare totalmente scollegati alle malattie cardiovascolari, ma che invece ne rappresentano dei campanelli d’allarme. A parlarne è un cardiologo del Texas A&M Health Science Center.

Quando il cuore e le arterie cominciano a lavorare mare, i sintomi possono manifestarsi in alcune parti del corpo non immediatamente correlate. Tenere d’occhio questi problemi, senza allarmismo, ovviamente, può portare alla diagnosi precoce della malattia e contribuire a salvare la vita.

Noi ne abbiamo scelti e approfonditi cinque.

Disfunzione erettile

Molte persone pensano che le disfunzioni sessuali siano collegate solo a un problema degli organi riproduttivi o del cervello.

Tuttavia, soprattutto nei maschi, la disfunzione sessuale è un sintomo comune di malattie cardiovascolari. Mehdi Shishehbor, medico della Cleveland Clinic, spiega: “La probabilità di avere una malattia di cuore a un certo punto nella vita  è da due a tre volte più alto in coloro che hanno l’ED [la disfunzione erettile], rispetto a coloro che non ne soffrono.”

Una patologia che interessi le coronarie si contraddistingue da un restringimento e indurimento delle stesse. Questo causa un ridotto afflusso di sangue che può portare da un “semplice” dolore a un attacco cardiaco vero e proprio.

Russare o Apnee notturne

Secondo il dottor Erwin, anche russare potrebbe essere un segnale di malattie cardiache. Secondo il medico, questa problematica potrebbe essere un segnale di fibrillazione atriale, un battito cardiaco irregolare, spesso rapido che provoca uno scarso afflusso di sangue.

Ma non è tutto. Russare, infatti, potrebbe far del 40% le probabilità di ipertensione, del 34% quelle di infarto del miocardio e del 67% il rischio di ictus.




Dolori al collo , pressione alle spalle

Molte persone associano gli attacchi di cuore a un senso di pesantezza al petto, al dolore al braccio. Pochi sanno che un attacco di cuore può presentare anche una sensazione di disagio, di dolore o di pressione al collo e alle spalle. Ovviamente questi sintomi non vanno presi da soli, ma correlati ad altri che possono preannunciare un possibile infarto.

I sintomi sono un dolore acutissimo, che inizia nella parte inferiore del torace o nella parte superiore dell’addome. Il dolore si diffonde spesso al collo e alle spalle, giù per le braccia.

Piedi e gambe gonfi

Gambe e piedi possono gonfiarsi per molte ragioni. Mentre si può considerare normale che questo problema si presenti a fine giornata, per risolversi durante la notte, è invece allarmante se il gonfiore diventa persistente. Naturalmente, questo sintomo può indicare anche altre cause oltre a una scorretta attività cardiocircolatoria. Se persiste, comunque, è sempre bene consultare un medico.

Dolore e bruciore di stomaco

l mal di stomaco, correlato ad un costante senso di nausea o di bruciore, può essere un’avvisaglia di problemi al cuore. Soprattutto se la sensazione di malessere diminuisce quando ci si distende su un letto a riposare, mentre aumenta sotto sforzo. Questo, infatti, potrebbe significare che le arterie sono in sofferenza, anche a livello addominale. Il cuore, infatti, non riesce a pompare adeguatamente il sangue fino agli organi interessati.

Quando il bruciore di stomaco, indigestione o singhiozzo sono mescolati a nausea, sudorazione, mancanza di respiro o vertigini, è meglio consultare un medico.

 

È bene sapere che esistono alcuni composti naturali che possono aiutare a sbloccare le arterie (ne abbiamo parlato in un nostro articolo). Tuttavia, se notate che alcuni sintomi sono persistenti e si presentano in concomitanza, non esitate a consultare uno specialista.

(Foto)