Home Alimentazione Biologica 10 abitudini sbagliate che possono danneggiare i nostri reni

10 abitudini sbagliate che possono danneggiare i nostri reni

2865
1
CONDIVIDI

I reni sono un organo essenziale per la nostra salute: filtrano il sangue, assorbono i minerali, producono urina e mantengono il giusto equilibrio acido-alcalino.

Ecco allora, che prendersi cura dei propri reni diventa una cosa essenziale per vivere bene. Eppure, esistono delle abitudini particolari, di cui magari non ci rendiamo nemmeno conto, che potrebbero danneggiare questi organi preziosi.

Ecco quali sono.

1 Bere bevande gassate

A confermare l’ipotesi della stretta correlazione tra le bevande gassate e la formazione dei calcoli renali, uno studio dell’Università di Harvard, condotto con la collaborazione del Policlinico Gemelli di Roma. Secondo quanto emerso dalle analisi effettuate, sembrerebbe che chi consuma una lattina al giorno di bibite zuccherate ha un rischio del 23-33% maggiore dell’insorgenza di calcoli, di chi consuma meno di una lattina alla settimana. Al link potete approfondire l’argomento: http://ambientebio.it/assumere-bevande-gassate-aumenta-il-rischio-di-calcoli-renali/

2 Carenza di vitamina B6

Una dieta sana significa un buon funzionamento degli organi interni, anche dei reni. Secondo i medici dell’Università del Maryland Medical Center, una grave carenza di vitamina B6 può essere una delle cause dell’insorgenza di calcoli renali. Per una funzione renale ottimale, sarebbe necessario consumarne 1,3 mg al giorno. Al link alcuni segni che possono indicare una carenza di vitamine nel corpo: http://ambientebio.it/5-segni-del-corpo-che-indicano-la-carenza-di-vitamine/

3 Carenza di magnesio

Se nel nostro corpo non viene introdotto abbastanza magnesio, il calcio non può essere assimilato in maniera corretta e questo può causare un sovraccarico e la formazione di calcoli renali. Per evitare che avvenga ciò, è consigliabile consumare alimenti che contengono buone fonti di magnesio, come ad esempio le noci, i semi, le verdure a foglia verde e i fagioli. Qui potete scoprire quali sono i principali sintomi che indicano una carenza di questa sostanza.

malattie dei reni

4 Disturbi del sonno

Dormire bene è utile al nostro umore, ma anche al nostro corpo. E anche i reni possono risentire della mancanza di sonno. In base a una ricerca effettuata dai ricercatori del Peter Munk Cardiac Centre delToronto General Hospital, i ritmi circadiani hanno un impatto importante sul rinnovamento dei tessuti cardiovascolari e, quindi, anche del tessuto renale. L’interruzione del sonno potrebbe quindi danneggiare gli organi.

5 Bere poca acqua

I nostri reni devono essere adeguatamente idratati per poter svolgere le loro funzioni. Se non si beve abbastanza, le tossine possono iniziare ad accumularsi nel sangue, perché non c’è abbastanza liquido per drenarle. Un modo semplice per verificare se non si sta bevendo abbastanza, ad esempio, è vedere quanto sono scure le urine.

6 Trattenere la pipì

Non svuotare la vescica quando se ne sente la necessità è una cattivissima abitudine. Se fatto in maniera frequente, può aumentare la pressione dell’urina nei reni e comprometterne la salute.

7 Consumare troppo sale

Il sale è un elemento importante per il nostro corpo, ma non in dosi eccessive. Aumenta la pressione sanguigna e mette sotto sforzo i reni. Attenzione quindi a quanto ne adoperate.

8 Abuso di farmaci

Spesso tendiamo a prendere una medicina al comparire del primo dolore di testa. È una cosa a cui dovremmo pensare molto attentamente. I medicinali, tutti, sono dotati di effetti collaterali e molti di essi possono provocare danni ai reni.

9 Abuso di proteine

Spesso sentiamo dire che una dieta ad alto contenuto di proteine garantisce i migliori risultati in termini di dimagrimento. È importante sapere, però, che un regime alimentare che prevede l’assimilazione di una quantità esagerata di proteine obbliga l’organismo a un lavoro eccessivo per la metabolizzazione dei cibi. Nel tempo, questo crea un sovraccarico epatico e renale. Il prodotto della digestione delle proteine ​​è l’ammoniaca, una tossina che i reni neutralizzano con maggiore difficoltà. Più proteine ​​significa più sforzo per i reni, che, nel tempo, portare vedere ridotta la loro funzionalità. Al link alcuni consigli su come depurare fegato e reni da un eccesso di proteine: http://ambientebio.it/fegato-e-reni-depurati-dallabuso-di-proteine/

10 Trascurare le infezioni più comuni

Non trattare le infezioni comuni in maniera rapida e corretta spinge ad affaticare ed esaurire il nostro corpo. Questo può portare anche a danni ai reni. Alcuni studi hanno dimostrato che le persone che sono riluttanti a riposare e guarire correttamente, spesso finiscono ad avere malattie renali.

Questi sono 10 errori comuni da evitare, per non affaticare e far ammalare i reni. Al link, invece, trovate alcuni consigli per liberare questo organo dalle tossine in eccesso: http://ambientebio.it/come-liberare-reni-e-vescica-dalle-tossine-in-eccesso/

(Foto in evidenza: Piotr Michał Jaworski; foto interna: reverse-blog)

  • Gabriele

    Grazie per i suggerimenti che date con i Vostri articoli.