semi antichi

Semi antichi: il patrimonio vegetale che sta lentamente scomparendo

L’agricoltura intensiva odierna ha messo seriamente a repentaglio la biodiversità vegetale: solo alcuni organismi vegetali vengono selezionati maggiormente (patate, riso, mais e grano) costituendo il 50% degli alimenti prodotti mentre gli altri vegetali stanno gradualmente scomparendo.

Esistono enormi varianti oggi considerate “strane“, che sono un patrimonio dell’umanità poichè ricchissime di valori nutrizionali . Di cosa stiamo parlando? Di semi antichi!

Cosa sono i semi antichi?

I semi antichi sono dei semi che non vengono quasi più utilizzati perchè hanno bassa produttività, ma costituiscono lo stesso un patrimonio particolare di madre Natura.

Ad esempio lo sapevi che esistono semi che danno vita a pomodori gialli, bianchi, arancioni, violetti, neri, verdi e zebrati? Sono tutte le varianti di semi antichi di pomodoro realmente esistenti, ma che le scelte alimentari non selezionano come “appetibili”.

Infatti i mercati vogliono solo pomodori grandi, rossi e succulenti…ma così si perde tutta la biodiversità vegetale presente in natura. Sono infatti i più coltivati e i più facili da produrre, e per questo si innesca l’equazione: meglio la quantità piuttosto che la diversità.

Negli ultimi cento anni, migliaia di varianti tradizionali selezionate dai contadini, coltivate da generazioni sono state sostituite dall’agricoltura industriale, con un numero ridotto di varietà moderne.

I semi delle antiche varietà sono un modo per opporsi alla cosiddetta erosione genetica, ossia al processo di omologazione del patrimonio genetico dei vegetali, per nutrirsi di cibo dal valore nutrizionale più alto.

Semi antichi: dove acquistarli?

A questo proposito esiste una banca dei semi antichi, nella quale è possibile acquistare tutte le varianti “strane” vegetali che stanno andando incontro a erosione genica. Si tratta di una banca che conserva i semi dal germosperma, e non deriva da ibridi ( come invece si suole fare tra coloro che scambiano semi ). I semi vengono divisi in lotti e disidratati. Dopodicchè sono conservati in appositi contenitori alla temperatura di 5 C° in ambiente con umidità dal 3 al 5%.

I semi antichi più conosciuti sono quelli del pomodoro. Oltre ad avere diverse varianti di colore, essi hanno anche differenze relative alla polpa: dolce, soda, compatta o acquosa.

semi antichi
Pomodoro German Stawberry che sembra una fragola, proveniente dalla Germania, molto resistente al freddo.

Leggi anche:

Pomodoro Pachino: l’oro rosso siciliano rischia la scomparsa a causa dell’Europa

Proteggere e rinforzare i muscoli con i pomodori verdi

Agricoltura biologica più sana e redditizia di quella convenzionale e intensiva

Grani antichi: la ribellione dei contadini contro le multinazionali

Ma ci sono anche tante varianti di barbabietola, basilico, bietole, carote, carciofi, cetrioli etc. Varietà che se non coltivate, andrebbero perse, depauperando il mondo di questo patrimonio prezioso. I semi antichi inoltre fanno bene alla salute: sono ricchi di antiossidanti e non sono stati manipolati geneticamente.

Un posto di tutto rispetto tra i semi antichi è poi occupato dal grano, il cereale per eccellenza in Italia.

Storia del grano: meglio ritornare al passato

Quello che usiamo oggi a livello industriale è il cosiddetto grano moderno, prodotto a partire dagli anni ’70. Questo grano è stato “nanizzato” e quindi più difficile da battere con il maltempo e altre intemperie. Per arrivare a questo risultato la varietà di grano Senatore Cappelli fu incrociata nei primi anni ’70 con un’altra cultivar e irradiata con raggi gamma. Nacque così il Cresograno duro da cui derivano moltissime varietà moderne.

Spesso i moderni grani hanno un contenuto superiore di glutine (dal 12% fino addirittura al 17% nelle varietà più ricche). Rendono indubbiamente meglio nel processo di produzione di pane e pasta, ma questo maggior contenuto può avere riflessi negativi sulla salute a differenza delle varietà antiche che invece sono più salutari.

semi antichi
Varianti antiche di grano e differenza strutturale contro la varietà moderna Senatore cappelli Fonte

I grani antichi sono più salutari dei moderni

A Bologna uno studio ha messo a confronto diverse varietà di grani antichi e ha scoperto che il contenuto di glutine ha una struttura completamente diversa dal Creso moderno.

Risulta essere così più facile per l’assimilazione e meno tossico per la salute. Da altri studi emerge che le varietà antiche sono inoltre abbondanti in antiossidanti e minerali, con una migliore composizione proteica e un impatto glicemico inferiore.

Quindi quando il dietologo dice di eliminare pane e pasta è da attribuirsi al tipo di pane e di pasta che noi mangiamo. Usare il Creso ha sì migliorato la produttività e abbondanza, ma non la nostra glicemia! Coltivare i semi antichi, quindi, vale la pena non solo per preservare la biodiversità ma anche la nostra salute.

Guarda il video: Semi Resistenti

Sei interessato a ristrutturare la tua casa, un appartamento, unità immobiliare agricola o rurale o un condominio per renderlo energeticamente efficiente? Per chi non lo sapesse questi incentivi permettono di ristrutturare un immobile praticamente a titolo gratuito. E’ possibile accedere a questi finanziamenti a fondo perduto anche per persone senza reddito ma proprietari di un immobile. Lascia i tuoi dati qui sotto e sarai ricontattato dal nostro ufficio pratiche per gli Ecobonus – Bonus Sisma – Impianti. Puoi chiamare anche il 342.5813311 per ulteriori informazioni.

Se il tuo sogno è vivere in un ecovillaggio o riqualificare antichi borghi e vuoi essere partecipe o costruire un progetto tutto tuo, possiamo accedere a finanziamenti con 50% importo a fondo perduto. Lasciaci i tuoi dati per avere tutte le informazioni del caso dal nostro ufficio pratiche.

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Numero di telefono

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Autorizzo il trattamento dei miei dati personali, in base artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679

    fonte

    banca semi antichi, semi antichi, semi antichi pomodoro


    valentina paolillo

    Laureata in Scienze Biologiche, mi sono sempre interessata ai perché del mondo biologico. Nei miei articoli tratto soprattutto i cambiamenti climatici, ma non dimentico animali e fiori che sono la mia passione.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.